sociale

Orvieto al World Social Forum di Nairobi per testimoniare la responsabilità sociale delle imprese

giovedì 18 gennaio 2007
di davidep
“Un mondo diverso è possibile” è lo slogan del settimo World Social Forum che si svolge in Kenia, precisamente nella città di Nairobi dal 20 al 25 gennaio. All’evento che fa incontrare persone da tutto il mondo impegnate nella lotta alle ingiustizie, prende parte quest’anno una significativa rappresentanza del coordinamento nazionale degli Enti Locali per la Pace e della Tavola per la Pace che ha sede in Umbria. Anche la città di Orvieto interverrà al seminario sulla responsabilità sociale d’impresa ed il rispetto dei diritti, portando la propria esperienza in favore della cooperazione e della solidarietà internazionali. Per tutta la durata della manifestazione si svolgeranno conferenze, incontri, proiezioni e workshop tematici dedicati all’economia sostenibile, alla democrazia reale, al libero accesso alla conoscenza e all’informazione, ai diritti e alla dignità dell’uomo ma soprattutto al ruolo della società civile dal momento che un approccio prettamente volontario al tema non garantisce il rispetto agli individui. Troverà spazio tra i discorsi, il controverso concetto di “responsabilità sociale d’impresa”, portata avanti dalla campagna “Meno Beneficenza, Più Diritti ”, rappresentata a Nairobi da “Mani Tese” (ONG avente status consultivo speciale presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite) con il sostegno e la collaborazione del Comune di Orvieto. “La Responsabilità Sociale delle imprese: alleanza degli attori sociali per il rispetto dei diritti” è il titolo del seminario di martedì 23 gennaio che sarà introdotto e coordinato dall’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Orvieto, Maria Cecilia Stopponi, la quale illustrerà l’esperienza della Rete degli Enti Locali sulla Responsabilità Sociale. Oltre a presentare casi concreti, scopo dell’iniziativa è proporre nuove partnership che sfocino in azioni concrete. È per questo motivo che si prevede l’intervento di diversi rappresentanti delle istituzioni a livello locale, nazionale ed europeo, sensibili nella difesa e la promozione dei diritti umani. La volontà di creare spazi concreti di incontro e sinergia con i soggetti e movimenti presenti al Social Forum, unita al desiderio di far conoscere alla società civile una proposta concreta di lavoro degli Enti Locali attraverso la presentazione della best practice di Orvieto rientra sicuramente tra le mission del seminario. Ma non solo. Il seminario sarà anche l’occasione per fare il punto del quadro internazionale sulla RSI con particolare riferimento alle proposte della società civile italiana, europea ed internazionale rispetto a questioni quali i reati commessi dalle imprese e l’extraterritorialità della punibilità per le imprese, da un lato, e riportare casi pratici di violazione dei diritti e l’inquinamento ambientale da parte delle imprese, a partire dall’Africa (Nigeria, settore estrattivo), Asia (India, settore tessile), America Latina (Brasile, sfruttamento dei beni comuni), dall’altro. L’esperienza orvietana, infine, è stata anche testimoniata dalla Stopponi ai microfoni di Special Broadcasting Service Radio, il canale radiotelevisivo australiano con una forte impronta multiculturale, che trasmette 24 ore su 24 in 68 lingue tra cui l’italiano. L’emittente, tra l’altro, cura e produce il programma settimanale “Global Mail. Viaggio nell’impegno italiano nel mondo” ed ogni settimana sceglie un progetto/iniziativa che dimostri un significativo impegno in favore della cooperazione e solidarietà internazionali. Nell’ambito degli “speciali” sul WSF di Nairobi proporrà la testimonianza di Orvieto: dalla comunicazione culturale ai progetti educativi nelle scuole, all’educazione e sostegno al mercato equo e solidale, alle azioni per una energia sostenibile e a quelle contro lo sfruttamento del lavoro minorile e a favore dei diritti dei bambini soldato, e ancora, il Premio per i Diritti Umani “Città di Orvieto” fino alle azioni pratiche come quella, ad esempio, di imporre nella gara d’appalto per la gestione della mensa scolastica, regole per l’uso di prodotti che nell’intera filiera, rispettino i diritti umani.

Il Programma degli Interventi

La Campagna 'Meno Beneficenza, Più Diritti'

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"