cultura

#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Terza giornata: Gino Paoli, una storia italiana

domenica 31 dicembre 2017
di E. T.
#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Terza giornata: Gino Paoli, una storia italiana

Il tempo non migliora, il cielo è coperto e così rimarrà sino a pranzo.

Colazione a casa, riservo l’uscita mangereccia per merenda. Poi vedrete…

Mi reco al Museo Emilio Greco, del chitarrista Marc Ribot ho sentito faville: come posso perdere l’occasione di ascoltarlo?

Sbaglio i tempi, invece, ed arrivo a concerto ampiamente iniziato.

Che dire? Un musicista straordinario, dal quale puoi aspettarti di tutto perché la musica scorre nelle sue vene. Come giro gli occhi, incrocio quelli di Maria Pia De Vito, la cantante che avevo tanto apprezzato il giorno prima; è lì come spettatrice, non posso resistere a farle qualche domanda…

Signora De Vito, complimenti vivissimi per lo spettacolo di ieri; ha visto quale successo di pubblico, pur con un repertorio che non era certo fra quelli di più immediata comprensione? Vorremmo sapere della sua passione per Mitchell, come mai ama tanto la sua musica?
Joni Mitchell è un’artista che mi ha sempre interessato, la ritengo un’artista “rinascimentale” a tutto tondo: è una poetessa, una pittrice, una compositrice, pianista, chitarrista; ha saputo attraversare innumerevoli generi in trentacinque anni di carriera; ha incontrato, in un certo momento, musicisti jazz come Pastorius ed Erskin che le hanno dato la sua vera casa. Secondo me, lei è sempre stata, internamente, una jazzista nel senso del suo modo di suonare la chitarra con le accordature aperte e delle forme delle canzoni che sono diventate via via sempre più asimmetriche. A partire dal disco “Mingus” è venuto fuori il suo lavoro di improvvisazione fonica; durante la registrazione disse ai suoi musicisti: io voglio fare dei sound painting, dei dipinti col suono. Quindi un’artista interessantissima che per me che sono una jazzista, pur frequentando generi musicali diversi, è stata un esempio di comportamento: alla ricerca della propria poetica attraverso i territori più diversi. Il pubblico di ieri sera, qui ad Orvieto, è stato meraviglioso; silenzioso e partecipe, ha favorito lo scambio reciproco di emozioni.

Lei ha una voce fantastica ma credo che sia supportata da una tecnica non indifferentemente.
Beh, sono più di trentacinque anni di canto, eh!

Come fa a mantenere questo livello di prestazione? Ho ammirato le sue suggestive mezze tinte, i suoi filati…
Io cerco la naturalezza e l’equilibrio quando canto, cerco la semplicità; il corpo è il grande maestro che va ascoltato e compreso. Il mio è un canto molto interiore, alla continua ricerca di equilibrio che pratico quotidianamente

Quando ha capito che il canto sarebbe stata la sua vita?
L’ho capito ad otto anni, ho cominciato a praticarlo a quindici, a diciannove ho deciso che avrei fatto solo la musicista, nella mia vita.

Bella ed interessante chiacchierata, è sempre un piacere scambiare quattro parole con artisti di questo rango.

Per Umbria Jazz Winter, Orvieto si è ben organizzata. I vari locali propongono, collateralmente al programma ufficiale, assaggi di esecuzioni dal vivo con le ottime formazioni locali; in una di queste vetrine scorgo i Bartender, tre chitarre agilissime che mi piacciono all’inverosimile. Svedonio è gentilissimo nel rispondermi fra un brano e l’altro.

Da Hong Kong ad Orvieto, come è stato il ritorno?
Ah, il ritorno è stato bellissimo; abbiamo trovato un bel clima!

Comunque, sugli spizzichini siamo ancora avanti, no?
Eh sì, solo sugli spizzichini! No, scherzo. Comunque una bellissima esperienza che ci ha portato a conoscere una realtà brillante, vitale ed interessata.

Quali novità, nel 2018, per i vostri appassionati?
Faremo un nuovo disco, a breve, in versione cd e dvd, utilizzando i filmati originali della tournée in oriente.

Interessante, questa giornata. Tutte queste parole mi hanno stimolato un certo languorino. Non ci metto molto a capire che è voglia di dolce e mi ritrovo, quasi inconsapevolmente, all’interno della Gelateria Pasqualetti. Il pandoro gelato sembra di dimensioni impegnative… Sembrava, però…

Il resto del pomeriggio lo dedico alla ricerca di qualche regalino ritardario per gli amici più stretti; nella mia agenda spicca l’orario delle 21:30: mi ricorda l’appuntamento fissato con il maestro Gino Paoli, presso il backstage del Teatro Mancinelli, per una corta intervista prima della replica di “Due come noi…”

Il maestro è pronto, vestito elegantemente di blu e seduto comodamente su una poltroncina del camerino. Gli occhiali classici con lenti "azzurrate", la sigaretta tenuta saldamente nella mano destra e sincera disponibilità ad ascoltarmi.

In questa fase della sua carriera, il consenso e la benevolenza del pubblico sono evidentissimi; la gente viene ad applaudire uno dei più grandi musicisti attualmente attivi in Italia.
Sopravvissuto, direi.

Non dico che gli spettatori l’applaudono a prescindere, però già al momento dell’acquisto del biglietto sanno che assisteranno a qualcosa di imperdibile. Questo le cambia, un po’, il concetto dell’applauso?
Io non cerco l’applauso, non l’ho mai cercato. C’è un filo esilissimo tra il consenso e il rapporto che si crea. Il consenso è una cosa che puoi cercare, e c’è molta gente che lo cerca usando anche i mezzi che ti insegna il palcoscenico. Io ho sempre detto che non cerco una massa critica che mi applauda o che mi ascolti, io cerco tante solitudini che parlano con me. E questo è il mio concetto; io cerco di gettare un ponte fra me e la gente, l’applauso può essere, appunto, la conseguenza del fatto che uno si sente vicino a quello che dico. Ho cominciato questo discorso dicendo che c’è un limite esilissimo tra il consenso e il resto. Io so di usare una tecnica, certamente, perché la tecnica la impari; dopo sessant’anni, sarebbe buffo che non l’avessi imparata, però non la sfrutto per avere il consenso. Non canto per piacere, canto perché voglio fare una cosa giusta io; canto per me, non canto per gli altri.

C’è una canzone, fra le sue, che le dispiace non abbia avuto il grande successo di altre?
Si, parecchie. Ci sono canzoni che ho riproposto tre-quattro volte, non rendendomi conto che non trovavano successo e non colpivano l’obbiettivo, cioè l’emozione. La canzone è una magia, tre note e tre parole che stanno in piedi, bene insieme, a prescindere se è bella musica o brutta musica. Pensa a “Marina, Marina, Marina, ti voglio per sempre sposar”, canzone che non ha né un testo né una musica decente; eppure è una canzone che ha spopolato perché c’è una magia in quelle tre parole che, senza spiegazione alcuna, ha funzionato. Le canzoni sono così, sono dei flash che possono prendere o non prendere. Il caso di “Quattro amici al bar”; io l’avevo creata all’ultimo momento per completare il disco e, poi, non so dirti cosa ha fatto di vendite. Tu calcola che un grosso editore, un grosso produttore di musica, una volta mi disse: “io non c’ho capito mai un cavolo, mai capito se una canzone poteva funzionare oppure no”.

Grazie maestro!
Ma si figuri.

Si è fatto tardi. Attraverso la città percorrendo via Cavour: quanta gente e che bel clima allegro. Non ho scritto prima di oggi che, ad occhio, le presenze sono su livelli top! Sin dal 28 dicembre.

Buonanotte a me e buongiorno a voi.

 

#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Prima giornata di emozioni musicali

#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Seconda giornata: la classe di Luca Velotti

 

 

 

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"