cultura

#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Seconda giornata: la classe di Luca Velotti

sabato 30 dicembre 2017
di E. T.
#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Seconda giornata: la classe di Luca Velotti

La seconda giornata inizia più consapevolmente della prima. Prima convinzione ineludibile: la colazione deve essere di quelle toste. L’ottimo caffè di Dolceamaro, in tarda mattinata, diventa da miraggio realtà; irresistibili poi i cangianti fruttini canditi bagnati in ottimo cioccolato fondente. Così corroborato, non temo intoppi di qualsivoglia natura.

Al Palazzo dei Sette, il Meeting Point - Non Stop Music mantiene sempre alto il gradimento del pubblico che si avvicenda ai vari spettacoli giornalieri: una buona intuizione di qualche anno fa continua a confermare la sua attrattiva. Il Luca Velotti Quartet si esibisce di fronte ad una platea ben disposta; Velotti è riconosciuto alfiere del jazz italiano, noto al grande pubblico per la più che venticinquennale collaborazione con Paolo Conte. Sassofonista e clarinettista ambivalente, alterna magistralmente l’uso dei due strumenti proponendo composizioni piacevolissime somministrate con uno stile d’altri tempi. La sua predilezione per il jazz classico me lo rende graditissimo: sempre emozionante riascoltare Louis Armstrong… Ma una sorpresa, eclatante, è il Velotti autore: “À la créole” è un brano eccelso! E io che pensavo fosse difficilissimo riuscire a trovare nuove melodie ammalianti al giorno d’oggi. Un tema efficace e sinuoso, in re minore, che attira l’interesse degli appassionanti presenti i quali, giustamente, tributano al compositore un boato di apprezzamento.

Abbiamo goduto di un’ora di grandissima musica, Maestro Velotti; non l’avevo mai ascoltata dal vivo e mi ha colpito particolarmente il garbo con cui ha porto la sua musica. Complimenti vivissimi per lo spettacolo! Perché Velotti è diventato un grande del Jazz? Come si è appassionato a questo genere?
Beh, intanto grazie di questi complimenti perché a me recano sempre piacere. Eppoi, fatti da un musicista hanno ancora più valore, per le orecchie attente di chi li ha formulati. Mi sono avvicinato al jazz perché a dodici anni il mio amico del cuore, Angelo Loy (nipote di Nanni Loy), aveva dei dischi di jazz suonato da Benny Goodman e del primo jazz di New Orleans. Io suonavo una cosa un po’ strana per un bambino: a sette anni eseguivo musica barocca con il flauto dolce in quartetto di flauti ma appena sentii il clarinetto jazz impazzii di felicità. Era l’unica cosa che mi dava veramente gioia e da lì è iniziato tutto; sono andato alla ricerca di insegnanti e musicisti jazz che mi potessero far conoscere l’arte dell’improvvisazione e come funzionava; trovavo però tutti insegnanti di musica classica, tanto che mi sono diplomato al Conservatorio in clarinetto. Poi mi imbattei in Francesco Forti, persona fondamentale per la mia crescita artistica, grande musicista jazz dal quale presi la forza necessaria per intraprendere decisamente questa strada. Fino ad arrivare a Paolo Conte: è stata tutta una excalation fortunata.

Il suo ultimo disco?
È uscito da poco “Moonray”, un disco a cui tengo molto e che contiene, per la prima volta, mie composizioni.

Come “À la créole”?
Esatto.

Fantastica! Ha visto che risposta il pubblico?
Bellissima!

Che ritmo ha? Mambo, rumba?
Ma si, io quando l’ho scritta ho pensato a Capoverde, alle atmosfere creole. Paolo Conte mi ha insegnato ad ascoltare ed apprezzare le cose belle, anche non jazzistiche, e quindi a spaziare con gli occhi e le orecchie.

Ne sono rimasto ammirato, una musica suadente ed affascinante.
Grazie, mi fa molto piacere.

Quanto resterà qui ad Orvieto?
Sino alla fine, suoniamo tutti i giorni; sono per la prima volta al Winter di Orvieto, città che conosco perché venni a suonare anni fa al Teatro Mancinelli con Nicola Piovani e che mi ha colpito stavolta per il bel clima musicale che si respira.

Grazie, maestro, per la sua cortesia: buon anno!
Grazie a lei, di cuore.

Dopo questa inattesa sorpresa, le intenzioni sono le migliori e mi portano alla Sala Expo dove mi sarà possibile assistere ad uno dei concerti più richiesti: l’omaggio a Joni Mitchell di una ispirata Maria Pia De Vito.

La cantante italiana ha ampio spazio nel cartellone di Umbria Jazz Winter #25 e in “So Right” può sfoggiare il proprio immenso talento vocale grazie al repertorio caleidoscopico della cantautrice americana. Si capisce che Mitchell è una sua passione per l’intensità con cui avvolge ogni singola nota; la pronuncia è curatissima come l’intonazione che sembra provenire da uno strumento perfettamente equilibrato. Impressionante l’uso delle mezze tinte per non parlare dei falsetti, lievi ed ottimamente sostenuti grazie ad un impegnativo lavoro di diaframma. Ripensando, a distanza di ore, a quel concerto ricordo ancora distintamente la splendida scenografia sonora disegnata dai musicisti impegnati in “So Right”: il pianista Julian Oliver Mazzariello ed il contrabbassista Enzo Pietropaoli; impressionanti sono gli schemi timbrici praticati: un’ora di musica di altissima classe dove si percepisce nitidamente il livello tecnico dei due senza che essi eccedano in virtuosismi esteriori o gratuiti. Mazzariello è sicuramente il pianista italiano dal futuro più fulgido; la sua mostruosa sensibilità gli permette di frequentare con i medesimi, eccellenti risultati tutte le sfumature del jazz.

Magici sono gli appoggi accordali coi quali, soffici come nuvole, fa rimbalzare le vibrazioni della De Vito; la conclusione delle frasi musicali, spesso ottenuta con nude ottave gravi della sinistra, rivela un gusto ed una perizia rarissimi. Bravissimo! Pietropaoli conduce la regia armonica degli arrangiamenti con i bassi più indovinati che io abbia mai ascoltato. Poche note, ma neanche una di meno del necessario. Di tanto in tanto graffia lo spartito con qualche pulsione improvvisa che ricorda ai più distratti che siamo in presenza di un peso massimo del contrabbasso internazionale. Inutile dire che Elio Taffi è rimasto rapito dal trio De Vito-Mazzariello-Pietropaoli, seguito con la massima attenzione da una sala strapiena che annovera decine di spettatori in piedi. Meraviglia!

Cosa vedere ancora, dopo un simile evento?

Sicuramente qualcosa di più disimpegnato e la scelta cade ancora sul palco del Meeting Point dove stanno suonando Sugarpie & The Candymen. Li conosco e so cosa aspettarmi: buona musica, ironia, divertimento. Alcune versioni di classici del rock e del pop vengono riadattati sotto una originalissima lente jive, caratterizzata da tempi incalzanti, cambi di ritmo, tonalità calde e battute ilari.

Il successo è assicurato e l’atrio del Palazzo dei Sette, tutto esaurito anche in questo caso, avvolge la band con applausi convinti e prolungati.

Ancora concentrato sulle suggestioni del concerto De Vito-Mazzariello-Pietropaoli, mi dirigo verso il Duomo; a metà strada sento provenire dalla Chiesa degli Scalzi armonie ordinate e soavi: un altro concerto, questa volta dell’ensemble e del coro della Scuola Comunale di Musica di Orvieto che presentano una serie di composizioni pertinenti con le festività di questi giorni. Quello che ci voleva per chiudere solennemente una seconda giornata coi fiocchi!

Buonanotte a me e buongiorno a voi.

 

#UJW25 Il diario di Elio Taffi - Prima giornata di emozioni musicali

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"