cultura

In memoria di Totò, Preziosi agli Avvaloranti

venerdì 24 novembre 2017
di Livia Di Schino
In memoria di Totò, Preziosi agli Avvaloranti

"Totò oltre la maschera" recital omaggio ad Antonio de Curtis a 50 anni dalla sua morte con Alessandro Preziosi, che ha aperto la stagione teatrale agli Avvaloranti di Città della Pieve. A fare gli onori di casa, mercoledì 22 novembre, è stato l’assessore comunale alla cultura Carmine Pugliese, accompagnato da Barbara Mastella.

E quindi a fare capolino dal palco due volti in un’unica essenza, quelli di De Curtis e Totò, che hanno assunto forma grazie alle parole in prosa e modulate attraverso il canto di un elegante ed inarrestabile Preziosi che, nel susseguirsi delle pagine del racconto come nel ripercorrere le note e le pause di uno spartito musicale, ha impreziosito la narrazione con più o meno espliciti elementi di riflessione, stimolanti anche perché propri della natura umana. Riflessioni intramontabili, che all’occorrenza possono trovare solo un momentaneo ristoro dietro a una delle tante maschere dell’esistenza.

Andare oltre la maschera dunque, e andare in contro ad esse, chiudendo gli occhi e ritrovandosi in un attimo a camminare in un cimitero, un 2 novembre come tanti, e a scoprire nelle parole di due fantasmi la livella della morte, che non lascia scampo alle distinzioni di classe. E in questa consapevolezza, la paura non può essere tanto quella della fine, ma quella di vedere il proprio corpo invecchiare, mentre dentro di sé si preferirebbe l’età giovanile, quella nella quale si era più poveri ma anche ricchi di speranza per il futuro. Un domani nel quale ci sarà la possibilità di amare, ma anche di scontrarsi con sentimenti contrastati, come per una “Malafemmena”, che nell’interpretazione del lacerante dolore ha raggiunto sino agli ultimi indifesi sguardi, quelli più nascosti del loggione.

Un gioco di luci e ombre, parole pronunciate e in dissolvenza accompagnate dalle corde di una chitarra sollecitata da dita cubane, e il ricordo di taluni sorrisi amari strappati da chi non riusciva a stare lontano da un faticoso palco, dall’esibizione della complessità umana, dalla gente, dalla sua Napoli. Gli occhi di Preziosi come lente di ingrandimento per far rivivere la storia sul palcoscenico, un percorso di emozioni diffuse e di conoscenza che si sono cullate nel mare delle parole, ricordi, sensazioni nella continuità del rapporto tra arte e spettatore, nella complessità tra vita e recitazione.

 

Nella foto di Davide Pompei, l'attore Alessandro Preziosi con alcuni attori della Compagnia di Teatro Instabile "Un Sacco DiVersi" di Città della Pieve che si esibirà al Teatro degli Avvaloranti domenica 10 dicembre alle 21 portando in scena la commedia "Il Chiaro di Luna".

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

L'Italia dei piccoli centri. Amiata e Maremma nel volume monografico di "Testimonianze"

Notte di sangue sull'Autostrada del Sole, muore un trentenne

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno dei lavori

La Vetrya Orvieto Basket attende il Basket Bastia al PalaPorano

La Zambelli Orvieto non si fida della trasferta a Castelfranco

Poste, recapito a giorni alterni, la protesta in Parlamento. Verini (Pd) al Governo: "Rivalutare la scelta"

A Norcia partono i lavori per la scuola elementare

Operazione interforze sul territorio, in arrivo nuovi controlli

Rifiuti, nuova eco-piazzola intercomunale Guardea-Alviano

Riparata la fontanella alla spina danneggiata dal ghiaccio

Gli studenti tuderti alla scoperta del "geometra del futuro"

Vertenza Unicoop Tirreno, dieci posti di lavoro a rischio in Umbria

Gestione impianti termici, in vigore le nuove disposizioni regionali

Coding, in biblioteca prendono il via i corsi per i ragazzi delle scuole medie

Scomparso a 89 anni il Maestro Nino Caruso, l'artista era molto legato alla città

In Via della Misericordia II, aprono Sartoria MIR e Open space di co-working

Le Fiamme Gialle intercettanto un carico di vestiti e accessori con marchi contraffatti

Wine Research Team: una "potatura intelligente" per un prodotto di qualità e piante sane

Lavori edili alla Caserma "Nino Bixio", sosta vietata in Piazza Guerrieri Gonzaga

Sistemazione idraulica del Carcaione, chiude il parcheggio con ingresso da Via delle Mimose

Pulizia programmata delle piazze del centro storico, modifiche alla sosta

L'olio d'oliva è protagonista al centro commerciale Porta d'Orvieto

Lo vidi

"Giobbe o la tortura dagli amici". Il Medioevo va in scena a Palazzo Filippeschi Simoncelli

"Zona 30" a Sferracavallo, si può fare

No alle dimissioni, ma sulla Cecchini il sindaco è chiaro: "scivolone istituzionale"

Differenziata: polemiche e quesiti bipartisan, cittadini e commercianti protestano

Piedibus, il Comune ci riprova: sarà buona la seconda?

La Zambelli Orvieto ha una nuova tigre, è la schiacciatrice Martina Escher

De Francesco "Sette...bellezze", il bomber che fa sognare Orvieto e l'Orvietana

Calendario venatorio, il Governo fissa al 21 gennaio la chiusura per tre specie

Carnevale di Ronciglione tra i 10 più belli d’Italia

Torna su Rai3 "Per un pugno di libri" con i ragazzi del Liceo Classico

Senso unico alternato sulla SP 52 Fabro-Parrano

Cramst: Balli, suoni e sapori da Carnevale alla Festa delle Donne

Seconda edizione del concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Il cardinale Ennio Antonelli incontra il clero della diocesi di Orvieto-Todi

Area camper a Città della Pieve, partiti i lavori. Ecco il progetto

Il Comune bene comune. Per la tutela dell'autonomia comunale, del territorio e della democrazia

Al Teatro Mancinelli arriva il "Decamerone" di Stefano Accorsi

"Un Mondo Incredibile" al Centro Viva. Torna il laboratorio di teatro e pensiero

Comune e Fondazione Cro riscoprono Giuseppina Anselmi Faina. Presto una pubblicazione sull'artista

L'Opera del Duomo presenta il restauro dei mosaici della facciata

Zalone e la nonna che torna al cinema. Aneddoti e retroscena di un successo

Gianni Pontillo al Teatro "Il Mascherone" con "Politicamente bugiardi"