sociale

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

mercoledì 23 marzo 2016
La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

Da un capo all'altro della Tuscia viterbese al confine con l'Orvietano, nella serata di venerdì 25 marzo, per onorare il Venerdì Santo fede e folklore si incontrano nelle rievocazioni in costume della Passione e alle processioni del Cristo Morto. Di seguito gli appuntamenti in agenda:

Arlena di Castro, ore 21.00
Processione del Cristo morto, con sfilata dei figuranti del corteo storico, la confraternita, i ministri portatori della statua dell'Addolorata e della bara del Cristo, soldati romani e sacerdoti ebrei che affiancano i due ladroni incatenati ed il Cristo che trascina la croce.

Bagnaia, ore 21.30
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza dalla chiesa di S. Giovanni Battista (piazza XX settembre), per poi percorrere le vie del borgo antico, dove trovano posto 18 quadri

Bagnoregio, ore 21.30
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza da piazza Sant'Agostino, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno a piazza Sant'Agostino.
Un lungo corteo di fedeli esce dalla chiesa di San Donato di Civita insieme al crocifisso. Questo viene adagiato su un feretro e il corteo, aperto dalle confraternite con i loro gonfaloni, inizia la sua lenta discesa verso Bagnoregio attraversando il ponte di collegamento che scavalca il dirupo che divide le due località. Tra due ali di folla in religioso silenzio la processione sfila per le vie di Bagnoregio fino a raggiungere la chiesa, accanto alla quale viene allestito un palco dove viene messa in scena la scena di Pilato e la flagellazione di Gesù. Terminata la rappresentazione sacra il corteo riprende subito la via di Civita per riportare il Cristo nella sua chiesa: la tradizione impone che il rientro avvenga entro la mezzanotte del Venerdì Santo, pena il passaggio di proprietà della statua alla città di Bagnoregio. Suggestiva e più drammatica l'altra tradizione locale che invece si ricollega alla progressiva erosione della città che muore e vuole che il crocifisso faccia ritorno "a casa" entro la mezzanotte perché in caso contrario Civita sprofonderebbe per sempre tra i calanchi. https://www.youtube.com/watch?v=QE5gU5OXIDo

Barbarano Romano
Ore 6.00: Visita alle croci: processione alle chiese del paese
Ore 21.00: Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa del Crocifisso, percorso lungo le vie del centro storico fino a largo Salvo D’Acquisto e ritorno alla chiesa del Crocefisso

Bassano Romano, ore 21.00
Processione del Cristo morto: con la partecipazione di confratelli incappucciati e a piedi scalzi, con le catene alle caviglie, che portano la croce: partenza dalla chiesa di Santa Maria Assunta, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di Santa Maria Assunta. Accompagnamento del complesso bandistico "città di Bassano Romano"

Blera
Ore 21.00: Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa di Santa Maria Assunta, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di Santa Maria Assunta
Ore 23.30: Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza di un corteo da via Claudia e arrivo al sagrato della chiesa di Santa Maria Assunta dove verrà rappresentato, in costumi dell'epoca, l'episodio della Crocifissione

Bolsena, ore 21.30
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza della tradizionale processione della Via Crucis dalla Basilica di San Cristina che percorrerà le vie del centro storico rievocando le tappe della Passione di Cristo. Sul sagrato della Basilica di Santa Cristina, infine, sopra l'alto muro di cinta che la fiancheggia, verrà rappresentata la crocifissione di Cristo e dei due ladroni. Info: ufficio Turistico del Comune di Bolsena tel. 0761.799923

Canepina, ore 20.45
Rievocazione della Passione di Cristo nelle vie del centro storico

Canino, ore 21.00
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza dalla chiesa di San Francesco, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa della Collegiata

Capranica, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa di Santa Maria (centro storico, piazza S. Maria) e si snoderà per via Vespignani, via degli Anguillara, corso Francesco Petrarca, piazza San Francesco, piazza Garibaldi e ritorno. A piazza San Francesco, storica rievocazione della Passione.

Caprarola, ore 20.30
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa di Santa Maria Assunta, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di Santa Maria Assunta

Carbognano, ore 21.00
Rievocazione della Passione di Cristo a Carbognano con il Sodalizio dei Cavalieri di San Filippo e la IX Legio Hispana. A seguire la tradizionale solenne processione del Cristo morto. Partenza da Piazza San Filippo. Manifestazione con il patrocinio del Comune di Carbognano e della Parrocchia di San Pietro Apostolo. Si tratta di una spettacolare iniziativa, nata da un profondo attaccamento alla fede e alle tradizioni cristiane che da sempre caratterizza la comunità di Carbognano ed in particolare il Sodalizio dei Cavalieri di San Filippo, che, con la rievocazione storica, intende rappresentare, in tutta la sua attualità la sofferenza cui Gesù è stato sottoposto. Anche i non credenti, tuttavia, potranno godere di sensazioni uniche, grazie alla vicinanza della scena agli spettatori, pensata proprio per creare un contatto ed una sinergia unica con i presenti, ed alla straordinaria ambientazione, ricreata fin nei minimi particolari. Un lunghissimo palcoscenico, oltre cento rievocatori, ambientazioni ed effetti speciali, riporteranno Carbognano alla Gerusalemme di un tempo, mentre la scrupolosa ricerca dei dettagli, in tutti gli aspetti della rappresentazione, dalla recitazione ai costumi, renderà ancora più profondo quel legame che c’è tra il popolo e la fede. Anche in quest’edizione 2015, la processione organizzata dal Sodalizio dei Cavalieri di San Filippo, è caratterizzata dalla presenza di figure storiche legate alla tradizione popolare, conosciute come “'ntencheli”, gli incappucciati cirenei che fanno parte delle antiche confraternite le cui origini si perdono nella notte dei tempi.

Castel Sant'Elia, ore 21,00
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza dalla chiesa di Sant'Antonio abate, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di Sant'Antonio Abate

Cellere, ore 21,30
Processione e rievocazione storica della Passione di Cristo nelle vie del centro storico. I personaggi del Vangelo prendono vita in un corteo in abiti d’epoca. La processione percorre tutto il paese, allestito con scenografie. La Via Crucis è recitata dalle pie donne, dai sommi sacerdoti, dalle ancelle, dai ladroni che affiancano Gesù e gli apostoli fino al momento culminante della crocifissione che trova una posizione efficace e commovente sull’altura del castello Farnese.

Civita Castellana, ore 20.15
Processione del Cristo morto: partenza dal duomo di S. Maria Maggiore, percorso lungo le vie del centro storico, e ritorno alla chiesa di San Benedetto.

Corchiano, ore 22,00
Rievocazione storica della Passione.

Fabrica di Roma
Processione del Cristo morto accompagnata dalla Banda musicale

Gradoli, ore 21.00
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza dalla chiesa di S. Maria Maddalena. A piazza del Comune verrà rappresentato l'episodio dell'"Ultima cena"; quindi, in via Roma, "la cattura di Cristo"; in via Piave "il giudizio di Pilato" e "la condanna"; infine, in via San Rocco, la "Crocifissione". Ritorno alla chiesa di S. Maria Maddalena

Grotte di Castro, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dal centro pastorale parrocchiale (via Aldo Moro), percorso lungo le vie del centro storico e arrivo alla chiesa di San Pietro Apostolo

Latera
Ore 5,00: processione della Desolata (ricorda l'episodio della Madonna che va alla ricerca del figlio arrestato dalle autorità romane): partenza dalla chiesa di San Clemente, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di San Clemente
Ore 21.30: Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza dalla chiesa di S. Clemente, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di S. Clemente. La processione sarà accompagnata da canti in latino della tradizione orale eseguiti dai membri delle confraternite

Marta, ore 21.30
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa della Collegiata, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa della Collegiata

Montefiascone, ore 21,00
Un corteo storico composto da oltre cento personaggi, in abiti minuziosamente corrispondenti a quelli dell’epoca, che sfilano per le vie della città rievocando l’episodio evangelico della Passione di Cristo. Partirà dalla chiesa di San Bartolomeo (seminario interdiocesano “Barbarigo”) e percorrerà le seguenti le vie del centro storico. Nel piazzale antistante la Cattedrale di Santa Margherita si svolgerà la Sacra Rappresentazione della Crocifissione di Cristo.

Monte Romano
giovedì 24 marzo 2016, ore 21,00: Rievocazione della Passione di Cristo: partenza da largo Santa Corona, percorso lungo le vie del centro storico e arrivo davanti alla fontana del Mascherone con la rappresentazione dell'episodio della Crocifissione
venerdì 25 marzo 2016, ore 21,00: Processione del Cristo morto

Nepi, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa cattedrale di S. Maria Assunta e Anastasia, percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di Santa Maria Assunta e Anastasia

Onano, ore 21.00
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza da via delle Croci, percorso lungo le vie del centro storico. A piazza Pio XII rappresentazione del Processo, arrivo a piazza Umberto I dove avverrà la rappresentazione dell'episodio della Crocifissione

Orte, ore 21.30
Processione del Cristo morto: partenza da piazza della Libertà, le sette Confraternite oggi esistenti, dietro invito dei furieri di Santa Croce e guidate dal Rettore generale, muovono dalle rispettive chiese e si dirigono verso la chiesa madre di Santa Croce in attesa dell'uscita della bara del Cristo Morto e della Macchina dell'Addolorata. Alla processione prendono parte centinaia di ortani vestiti da cirenei con il volto coperto, spesso percorrendo le strade a piedi nudi e con una croce di legno sulle spalle.

Piansano, ore 21.00
Rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza piazza Lucia Burlini, percorso lungo le vie del centro storico, “crocefissione” al campo sportivo.

Ronciglione, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dal duomo dei Santi Pietro e Caterina (piazza Principe di Napoli), percorso lungo le vie del centro storico e ritorno al duomo dei Santi Pietro e Caterina

San Martino al Cimino
Processione e rievocazione storica del processo a Gesù sul sagrato dell’abbazia cistercense

Soriano nel Cimino, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza da piazza Vittorio Emanuele II (duomo), percorso lungo le vie del centro storico e ritorno a piazza Vittorio Emanuele II. I Signori, vestiti con un saio bianco e incappucciati, trasportano a spalla il Cristo morto nella bara. Sono preceduti dai Cirenei, penitenti avvolti in un sacco rosso, con il viso coperto, i piedi scalzi incatenati e croci sulle spalle

Sutri
mercoledì 23 marzo 2016, ore 21.00: rievocazione storica della Passione di Cristo: partenza da piazza San Francesco con la rappresentazione dell'episodio della "Flagellazione", arrivo a piazza Sacello dove verrà rappresentato l'episodio della Crocifissione
venerdì 25 marzo 2016, ore 21,00: Processione del Cristo morto

Tarquinia, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa della Trinità (alberata Dante Alighieri), percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa della Trinità. Per le vie cittadine viene trasportata la statua del Sepolcro di Cristo accompagnata dai piccoli angeli, i bambini del posto, con i simboli della Passione di Cristo, dai tronchi a forma di croce, dai penitenti in catene e a piedi nudi testimoniando il triste cammino che conduce alla crocifissione del Cristo.
Il percorso è accompagnato dalla banda musicale G. Setaccioli

Tessennano, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa di S. Felice, percorso lungo le vie del paese e ritorno alla chiesa di S. Felice. La statua di Gesù, deposto dalla croce, è portata in processione per le vie del paese, insieme alla statua della Vergine Addolorata e dalla confraternita. La processione è accompagnata dal coro che esegue i canti del Venerdì Santo, con la partecipazione di sole donne come vuole la tradizione.

Tuscania, ore 21.30
Processione del Venerdì Santo: la Macchina della Madonna Addolorata con ai piedi il Cristo Morto viene trasportata a spalla, per le vie del centro storico, da quaranta araldi; precedono il corteo i rappresentanti delle confraternite, le pie donne, i penitenti incappucciati e scalzi che portano a spalle pesanti croci o trascinano lunghe catene, le religiose e le suore dell’Istituto Serve del Signore e della Vergine di Matarà, il clero, la Banda Musicale “Raffaele Eusepi” di Tuscania. Partenza dalla Chiesa di San Giovanni Decollato in Piazza Matteotti

Valentano, ore 21.00
Processione del Cristo morto, con figuranti in costume dell'epoca: partenza dalla chiesa di S. Giovanni Evangelista (piazza della Vittoria), percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di S. Giovanni Evangelista.

Vetralla, ore 21.00
Rievocazione della Passione di Cristo: in piazza Umberto I alle ore 21,andrà in scena la prima edizione della Rievocazione della Passione di Cristo. Dal Duomo, usciranno i personaggi (oltre 50) che rappresentano le diverse scene (processo a Gesù dinanzi al Sinedrio, le tre cadute verso il Monte Calvario), percorrendo via Cassia Interna . In piazza della Rocca la crocefissione.

Vetriolo, ore 21.00
Rievocazione storica della Passione di Cristo: nelle piazze e nelle strade del paese vengono messi in scena, con costumi dell'epoca, i seguenti episodi: "l'ultima cena"; "il tradimento di Giuda"; "l'orto degli ulivi"; "Gesù davanti a Pilato"; "impiccagione di Giuda"; "crocifissione".

Villa San Giovanni in Tuscia, ore 21.00
Processione del Cristo morto: partenza dalla chiesa di San Giovanni Battista (piazza Maggiore), percorso lungo le vie del centro storico e ritorno alla chiesa di San Giovanni Battista

Viterbo, ore 21,00
Processione del Cristo morto: dalla chiesa di Santa Maria Nuova si procederà verso via Cardinal La Fontaine, quindi via delle Fabbriche, Cavour, piazza del Comune, via e piazza San Lorenzo. Alle 21.45: piazza San Lorenzo, palazzo dei Papi, rappresentazione dei "Quadri viventi" della Passione (il Processo di Pilato e la Crocifissione) a cura della parrocchia dei Santi Valentino e Ilario.

Per ulteriori informazioni:

urp@provincia.vt.it

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì