sociale

Le battaglie aperte a dieci anni dalla morte di Luca Coscioni

venerdì 19 febbraio 2016
Le battaglie aperte a dieci anni dalla morte di Luca Coscioni

Dieci anni fa, il 20 febbraio 2006, moriva Luca Coscioni. Solo quel giorno gli italiani poterono conoscerne la storia. Dieci anni dopo, continuiamo a pagare il prezzo della negazione di conoscenza, che ha consentito a leggi oscurantiste di sopravvivere fino ad oggi. Chi si imbatté in Luca rimase colpito dalla forza profetica di quel giovane ricercatore universitario malato di Sla, che parlava con il movimento degli occhi e chiedeva - da candidato alle elezioni online dei Radicali prima e da capolista della Lista Bonino poi - libertà di ricerca scientifica.

Lo riconobbero 50 Premi Nobel, tra quali José Saramago, che scrisse: «Attendevamo da molto tempo che si facesse giorno, eravamo sfiancati dall`attesa, ma ad un tratto il coraggio di un uomo reso muto da una malattia terribile ci ha restituito una forza nuova». La forza di Luca era conoscenza. In Italia fu bloccato con il sabotaggio illegale del referendum sulla legge 40. Ma la campagna transnazionale, che finì per coinvolgere 100 Nobel e migliaia gli scienziati, ebbe successo, bloccando una convenzione Onu promossa dall`Italia e dal Vaticano per la messa al bando mondiale della donazione terapeutica e ottenendo che il Parlamento europeo approvasse i finanziamenti alla ricerca sulle staminali embrionali.

Nonostante la negazione del diritto a conoscere, quella "forza nuova" ha continuato ad operare come un fiume carsico. Il radicale Piero Welby, malato di distrofia muscolare, coinvolgendo il mondo scientifico e giuridico, ottenne nel dicembre 2006 l`aiuto del medico Mario Riccio per distaccare il respiratore. A seguito della presentazione della nostra legge di iniziativa popolare nel 2013, oggi il Parlamento finalmente ha ripreso la discussione su testamento biologico e eutanasia. Dopo il boicottaggio referendario del 2005, abbiamo aiutato le persone affette da malattie geneticamente trasmissibili a fare ricorso contro la legge 40, davanti ai tribunali nazionali e alla Corte Europea dei Diritti dell`Uomo, ottenendo lo smantellamento di alcuni dei divieti previsti dalla legge: la produzione di più di tre embrioni e l`accesso alle indagini genetiche pre-impianto e il divieto di eterologa.

I successi ottenuti sono andati oltre l'Italia. La Corte Inter-americana dei diritti umani ha condannato nel 2012 il Costarica, che proibisce la fecondazione assistita, per violazione dei diritti umani fondamentali: un precedente per la tutela della salute - in particolare delle donne e dei portatori di malattie genetichein tutto il mondo. La "forza nuova" di Luca Coscioni non si è esaurita, perché non era il coraggio isolato di una persona debole o disperata, ma era l`annuncio di un`antropologia fondata sulla libertà individuale invece che su obblighi "di natura", sulla conoscenza invece che sul dogma. Tra un mese, la Corte costituzionale deciderà sul divieto contro il quale si batté Luca e che il Parlamento non ha mai toccato nonostante l`opinione pubblica: quello di ricerca su embrioni destinati alla distruzione.

Per ulteriori informazioni: http://www.associazionelucacoscioni.it/

 

Il ricordo dell'amministrazione comunale: "Un esempio di vita"

A 10 anni dalla morte di Luca Coscioni l’Umbria lo ha dimenticato

Luca Coscioni, io lo conoscevo bene

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio