sociale

Ad Orvieto il 25 novembre "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne"

martedì 24 novembre 2015
Ad Orvieto il 25 novembre "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne"

Il Centro Antiviolenza “L’ Albero di Antonia” di Orvieto organizza per la ricorrenza una giornata di presidio informativo presso la sede del centro commerciale “Porta di Orvieto” di Orvieto Scalo. La mattina e nel primo pomeriggio saranno esposte delle installazioni sul tema della violenza ed allestito un banchetto informativo, presenziato dalle operatrici volontarie del centro antiviolenza. Alle ore 18.00 si terrà un’esibizione collettiva spontanea ma concordata, denominata comunemente flash mob, proprio all’interno del centro commerciale, per mobilitare ogni uomo e ogni donna a contrastare la violenza maschile sulle donne, molto più diffusa di quanto venga percepito. Per partecipare al flash mob l’appuntamento è alle 17.30 nel corridoio centrale della “Porta di Orvieto”. L’iniziativa avrà luogo grazie alla collaborazione dei soci, delle dipendenti e dei dipendenti, nonché della presidenza e della direzione della Coop Centro Italia, già concretizzatasi nella cena di sottoscrizione a favore del centro Antiviolenza il 16 ottobre scorso.

Per i Centri Antiviolenza, che hanno promosso la ricorrenza in Italia 10 anni fa, è una giornata di azione, lotta, indignazione contro chi ancora favorisce un’organizzazione sociale patriarcale che, nei fatti, mantiene ed alimenta la violenza contro le donne. I media e le televisioni ultimamente propongono la tematica, ma spesso si rischia la spettacolarizzazione e la drammatizzazione della violenza contro il genere femminile, senza proporre modelli positivi e soluzioni, senza approfondimenti ed interventi di operatori qualificati e soprattutto esperti. Negli ultimi anni il 25 novembre è ricordato da enti ed istituzioni anche nel territorio Orvietano, grazie anche alle attività del Centro Antiviolenza “L’Albero di Antonia” ed altre associazioni culturali che operano a vario titolo sul territorio.

Nel mondo la ricorrenza viene celebrata da sedici anni, ma già nel 1993 l’allora Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, dichiarava: «La violenza contro le donne è forse la violazione dei diritti umani più vergognosa. Essa non conosce confini né geografia, cultura o ricchezza. Fin tanto che continuerà, non potremo pretendere di aver compiuto dei reali progressi verso l’uguaglianza, lo sviluppo e la pace». Sei anni dopo, nel 1999, le Nazioni Unite dichiaravano il 25 Novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. La data venne scelta in ricordo delle tre sorelle Mirabal, violentate e uccise barbaramente il 25 novembre 1960 nella Repubblica Dominicana.

Milioni di donne nel mondo sono vittime di violenze domestiche, schiavizzate in matrimoni forzati, comprate e vendute per alimentare il mercato della prostituzione, violentate come trofei di guerra, molestate sui luoghi di lavoro, mutilate nella loro sessualità da pratiche violente per assoggettarle alle regole sociali patriarcali. Anche nella nostra società le donne sono troppo spesso umiliate, maltrattate, lese nell'autostima ed ostacolate nel raggiungimento dell'indipendenza economica, la solo via per poter decidere liberamente e autonomamente della propria vita. Oggi le statistiche ci riconfermano che ad infliggere le violenze sono, per buona parte, padri, mariti, compagni, ex partner, amici o conoscenti.

La violazione dei diritti umani contro le donne, non riconducibile a fattori sociali ed economici contingenti, razziali o religiosi, è un fenomeno trasversale a tutti i ceti sociali ed assume forme e manifestazioni complesse, difficilmente rilevabili senza una specifica conoscenza e formazione. I costi umani, sociali, economici derivanti dalle violenze sulle donne e sui figli minori sono inaccettabili. La condanna sociale alla violenza contro le donne deve essere unanime, così come l'azione e la mobilitazione, perché il fenomeno - in continua crescita - venga efficacemente contrastato e prevenuto.

Per informazioni: L’Albero di Antonia 0763 300944 www.alberodiantonia.org


Questa notizia è correlata a:

Violenza sulle donne, le azioni concrete messe in campo dal Comune

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"