sociale

Aviaria - Le indicazioni dettate dal Ministero della Salute

venerdì 24 febbraio 2006
E' bene szapere che il rischio č attualmente confinato ai volatili selvatici. L’infezione č stata sinora segnalata solo in alcuni volatili acquatici selvatici (cigni). Obiettivo delle azioni dei Servizi Veterinari č quello di evitare che l’infezione passi dall’ambiente selvatico a quello domestico. Infatti, fintanto che l’infezione rimane confinata all’ambiente selvatico, la possibilitŕ di diffusione alle specie domestiche e, quindi, i rischi per l’uomo risultano assenti. Nel mondo non sono segnalati casi di malattia umana derivanti dal contatto con uccelli selvatici. Il pollame domestico non rappresenta attualmente alcun rischio. Nella attuale situazione i volatili domestici sono indenni dalla malattia. Per evitare possibili contagi esiste un sistema di sorveglianza che prevede i seguenti livelli di intervento nelle diverse fasi di produzione: · autocontrollo da parte degli allevatori mediante la consulenza di veterinari liberi professionisti · controllo da parte dei Servizi Veterinari delle ASL che verificano le attivitŕ di autocontrollo e effettuano dei controlli autonomamente · nei casi di accertamento di positivitŕ vengono attivate drastiche misure con l’estinzione dei focolai infetti · lo Stato provvede al rimborso dei danni subiti dagli allevatori Per gli allevamenti a carattere rurale sono state definite delle procedure di intervento per gli allevatori, che hanno l’obbligo di attuarle e comunque di richiedere l’aiuto delle Autoritŕ sanitarie competenti (Veterinari ASL ed Istituti Zooprofilattici Sperimentali. Il consumo di uova e carni avicole cotte non comporta alcun rischio di trasmissione dell’infezione all’uomo. Le carni di pollame sono sicure in quanto provengono da allevamenti che sono sottoposti al controllo veterinario e tutti i volatili, prima di essere macellati, vengono sottoposti a visita sanitaria da parte di un veterinario della Azienda sanitaria locale. In caso di sospetto per qualsiasi malattia i volatili vengono esclusi dalla macellazione. Dopo la macellazione le carni sono sottoposte a controllo del veterinario del macello che, anche in questo caso, in presenza del semplice sospetto di malattia, provvede agli accertamenti necessari a tutela della salute pubblica. A conferma della salubritŕ delle carni vengono apposti un bollo sanitario ed un’etichetta tale da consentire al consumatore di conoscerne la provenienza. La cottura delle carni rientra tra le normali prassi di preparazione. In base a quanto si č verificato in alcuni paesi asiatici, il rischio per l’uomo č limitato al verificarsi di condizioni di estrema promiscuitŕ uomo/animale, di condizioni igieniche particolarmente precarie e di contatti stretti con volatili infetti. Tali condizioni non sono presenti nel nostro paese. Tra gli uccelli selvatici, le specie che rappresentano un potenziale rischio sono gli uccelli acquatici selvatici (anatre, oche, cigni, trampolieri). Non rappresentano un rischio i piccioni o altri piccoli uccelli che vivono in ambiente urbano, per i quali non č necessaria alcuna forma di particolare attenzione. Nel caso di rinvenimento di uccelli acquatici selvatici (anatre, oche, cigni, trampolieri, nonché gabbiani) morti o malati si suggeriscono i seguenti comportamenti: 1. evitare di toccare i volatili; 2. chiedere l’intervento dei Servizi Veterinari delle ASL o dei Vigili del Fuoco; 3. in caso di contatto con i volatili, adottare le normali norme igieniche (lavarsi accuratamente le mani e altre parti del corpo venute a contatto con gli animali malati o morti) e lavare indumenti o altri oggetti potenzialmente contaminati. Le principali specie di volatili da monitorare individuate dall'Unione Europea sono: · Oca lombardella · Oca granaiola · Germano reale · Canapiglia · Codone · Moretta · Pavoncella · Combattente · Gabbiano comune · Gavina · Cigni Presso il Ministero della Salute, č attivo, dal lunedě al venerdě, dalle ore 9.00 alle ore 20.00 il numero verde 1500, per qualsiasi informazione sull’argomento.

Questa notizia è correlata a:

Aviaria: l'amministrazione di Orvieto si raccorda alla Regione Umbria e all'Unitŕ di crisi

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio