sapori

Verso la Denominazione Comunale di Origine, a tutela del territorio

giovedì 13 dicembre 2018
di Davide Pompei
Verso la Denominazione Comunale di Origine, a tutela del territorio

Si scrive "De.C.O.", si legge denominazioni comunali d'origine. E in una sigla racchiude procedure burocratiche e volontà di un'amministrazione comunale per valorizzare, tutelare e promuovere prodotti strettamente collegati al territorio e alla comunità, senza sovrapporsi con le denominazioni d'origine vigenti. Dal 1990 ad oggi in tutta Italia, le De.C.O. sono cresciute numericamente lasciando ai Comuni la facoltà di disciplinare in materia di attività agroalimentari tradizionali.

Una certificazione di autenticità che, negli anni è diventata anche strumento di marketing territoriale, comunicando e promuovendo il patrimonio culturale e ambientale presente su una determinata zona oltre i propri confini locali e regionali. Attraverso la De.C.O., infatti, il "prodotto territoriale" agroalimentare e/o enogastronomico acquista un’identità sul mercato. Nel Lazio, sono 22 le eccellenze già riconosciute tali.

Di cui soltanto due in provincia di Viterbo, ovvero il Salame Cotto di Nepi e il Fieno di Canepina. In quest'ultimo Comune, in particolare, è stato redatto un disciplinare per la produzione e la commercializzazione della pasta lunga all’uovo fatta in casa con abbondante farina e un laborioso procedimento di lavorazione che ne determina la scioglievolezza e considerata il piatto simbolo della tradizione culinaria locale, oltre che possibile risorsa economica da promuovere.

In questo senso, il disciplinare pensato per i cosiddetti "Maccaroni" contiene il metodo di produzione, le regole di commercializzazione, la denominazione e un logo in grado di dare riconoscibilità visiva al prodotto. Una prima forma di tutela, insomma, che, nonostante sia valida soltanto all’interno del territorio comunale, inizia a definire con precisione tutti i possibili usi, aiutando contestualmente a verificarne gli abusi.

Mettendo anche un punto fermo sulla riconoscibilità e sull’identificazione geografica del prodotto. E mentre si lavora per tutelare anche altri prodotti locali meritevoli come i Ceciliani e la Castagna, da inserire in un apposito albo comunale, quello delle De.C.O. è un argomento che interessa anche l'Umbria. Non solo Bastia Umbra, Cascia, Gubbio, nel Perugino, e Orvieto e Narni, nel Ternano, ma anche nell'Alto Orvietano, con il recente impegno del Comune di Montegabbione per la creazione del marchio di qualità "MontegabbioneBio", e poi a Monteleone d'Orvieto.

Qui, all'indomani dell'approvazione da parte del Consiglio Comunale, l'Amministrazione Comunale ha indetto per venerdì 14 dicembre alle 19 nella Sala Consiliare del Comune un incontro informativo con i rappresentanti delle aziende agricole, produttive e ricettive del territorio e delle associazioni per presentare il marchio di Denominazione Comunale di Origine per i prodotti monteleonesi e parlare dei relativi progetti previsti per l'imminente futuro.

Obiettivo, sondare l'interesse nel rilancio di prodotti e materie prime locali, partendo proprio dalla specifica identità e provenienza e fare rete in un'ottica di valorizzazione di peculiarità, fra tradizione e storia. Nel rispetto di due principi: la storicità, per evitare improvvisazioni che possono nascere da meri interessi commerciali, e l'espressione di un patrimonio collettivo e non il vantaggio di una singola azienda. Nel "paniere" locale, la Pera di Monteleone che, non a caso, porta il nome del luogo dove è prodotta.

Ma anche Gnocchi e Umbrichelli che imbandiscono i tavoli delle sagre estive, le Torte di Pasqua e l'Olio che inebria di corposo profumo il centro borgo. Prezioso, in questo senso, sarà il confronto con altre esperienze fuori regione e il coinvolgimento diretto delle scuole, così come suggerito dall'assessore Elisabetta Guidantoni, sue le deleghe alle attività produttive, commerciali e politiche del territorio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 marzo

"Ficulle, Borgo del Belvivere". Progetto aperto, verso l'Ospitalità Diffusa

Al Mancinelli, "Ferite a Morte" di Serena Dandini. Con Lella Costa per dire "No" al femminicidio

"Le Elezioni viste della Rete", gli esiti del seminario all'Unitus

La Fit'n Dance Academy vola a Barcellona per il Campionato Mondiale di Danza

Paparelli al food show "Ciao Italia": "Grande vetrina per le produzioni umbre di qualità"

Vetrya, nuovo contratto con Vodafone Spagna per erogazione servizi mobile payment

Da Allerona Scalo, gli indirizzi pastorali del nuovo parroco

Le more

Le opere di Rita Paola in esposizione al Museo Colle del Duomo

Apertura straordinaria ed eventi in Biblioteca per la Settimana dell'Arte

"Orvieto per Tutti" sul centro storico: "Quale è il progetto?"

"Esercizio in tre atti per ritrovare le ragioni del legame tra luogo e comunità"

Pantano

Al Museo Civico di Zoologia presentazione del libro "Il mio primo grande libro sugli pterosauri"

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. L'ordine del giorno

Torna "Storie Sottobanco", i giovani studenti umbri diventano scrittori e si mettono in gioco

Alluvione, sei anni dopo. Il Comitato 12 Novembre 2012 sollecita interventi

Nessun dietro front su Piazza del Popolo. Aperto il confronto anche sul commercio

Inizia dal Porto Romano di Pagliano, la sensibilizzazione sull'Art Bonus

La soprintendente Margherita Eichberg in visita al Parco di Vulci

"Maremma d'aMare". Al via la quinta fiera delle tradizioni maremmane

L'Asd San Venanzo festeggia mezzo secolo di storia

Orvietana, Fatone spara sui "gufi"

Ingresso gratuito per tutti gli studenti per il docufilm "Pertini. Il Combattente"

A Magione si accendono i motori, driver e scuderie orvietane non stanno a guardare

"Coloriamoci di lilla". Luce accesa sui disturbi del comportamento alimentare

Brunori Sas, sold out la tappa umbra di "A Casa Tutto Bene Tour"

Michel de Montaigne per il secondo incontro dell'Osteria Philo

Alla Casa Laboratorio "Il Cerquosino", torna il progetto Erasmus Plus

Valeria Deanesi pronta al gran finale della Zambelli Orvieto

Il vescovo Benedetto Tuzia visita il Vicariato di San Terenziano

Under 20, seconda giornata del concentramento interregionale

A Villalba la “Sagra della Primavera”

Parlando di una lei

Nuovo team ufficiale Osella, a Fattorini la guida della PA30 V8 Zytek Evo

Ultimi giorni per visitare la mostra "Etruschi à la carte" e una nuova esposizione di carattere archeologico

Spacciavano droga a minorenni, in manette giovani orvietani

Quaresima: la guarigione pericolosa

Operazione Albornoz, tutti i dettagli del blitz

Lavori pubblici, quasi mille imprese iscritte nell'elenco regionale

"Slow life / Slow city. Ambiente, architettura, paesaggi del cibo: le piccole città del buon vivere come modello per le comunità urbane"

Eccidio di Camorena, corteo cittadino e presentazione del libro "Gli uomini di Mussolini"

La droga veniva nascosta nelle batterie, le foto

"Mille giorni di fallimenti politici e di arroganza". Olimpieri (IeT): "Germani alla frutta"

"Respira Parrano", Comune ed Università avviano lo studio aerobiologico dell'aria

Provincia, mobilitazione no tagli. "Niente più risorse per le strade", venerdì iniziativa per le scuole

Marcia per l'Europa, nel 60esimo anniversario dei Trattati di Roma

Bellezza ferita dal sisma, visita alle opere d'arte custodite a Santo Chiodo di Spoleto

Convenzioni tra ospedali, ad Acquapendente due medici specialisti di Orvieto

Riunito il "Tavolo Verde", dai provvedimenti post-sisma forte accelerazione pagamenti Psr

Asd Pm Pertica Orvieto: Vice Campioni Nazionali al campionato italiano a staffetta di pentathlon moderno

Settimana dell'Arte all'Istituto di Istruzione Artistica Classica e Professionale

È @governo.it, bellezza!

Al via la terza edizione del Master per gli "investigatori dell'arte"

Terza edizione per il Festival Nazionale dell'Educazione

"Fiorito è bello". Laboratorio di Primavera alla Biblioteca Ragazzi

Dio

Porano

Ampliata l'offerta di trasporto pubblico tra San Venanzo e Marsciano