politica

Trappolino (Pd) sulle indagini al Comune di Terni: "I 5 Stelle calpestano la Costituzione"

domenica 20 novembre 2016
Trappolino (Pd) sulle indagini al Comune di Terni: "I 5 Stelle calpestano la Costituzione"

"Trovo davvero singolare che coloro che si ergono a paladini della Costituzione non facciano che disattenderne sistematicamente i principi". Così, in una nota, il segretario del Pd provinciale di Terni Carlo Emanuele Trappolino. "Mi riferisco - spiega - allo sciacallaggio politico dei Cinquestelle dell'Umbria e di Terni, che non perdono occasione in queste ore per strumentalizzare le vicende giudiziarie della città con dichiarazioni e atteggiamenti che offendono il loro stesso ruolo istituzionale.

Vorrei ricordare, allora, ai rappresentanti del M5S, che sta scritto in Costituzione che gli indagati non sono colpevoli fino a giudizio definitivo e che allo stesso modo non si possono costruire processi sommari difronte a fatti tutti da dimostrare; ed è sempre la Costituzione - forse sfugge al consigliere regionale Liberati viste le sue ultime dichiarazioni - a riconoscere la funzione sociale della cooperazione e a suggerire che la legge ne promuova e favorisca l'incremento con i mezzi più idonei e assicurandone carattere e finalità".

"Preoccupano - conclude Trappolino - la strumentalizzazione sistematica messa in atto in queste ore insieme ai continui tentativi di delegittimare le istituzioni oltre che realtà economiche che fino a questo momento hanno contribuito, con il loro impegno, alla crescita e allo sviluppo della città. Un atteggiamento che dimostra scarso senso del proprio ruolo istituzionale e ancora meno rispetto per i principi e per le istituzioni che regolano la vita delle nostre comunità. I cittadini ci chiedono risposte ai problemi, mentre i Cinquestelle continuano a sollevare polemiche e a puntare il dito, anche in maniera inopportuna, senza dimostrare la benché minima capacità di produrre una visione e nel disprezzo delle regole democratiche".


Questa notizia è correlata a:

Politica umbra nel caos, tra dimissioni e inchieste sugli appalti

Commenta su Facebook