politica

Il messaggio della presidente della Regione nel 70esimo anniversario della Liberazione

venerdì 24 aprile 2015
Il messaggio della presidente della Regione nel 70esimo anniversario della Liberazione

C’è chi ha detto che il 25 aprile è il simbolo di “una straordinaria storia italiana”. Senza dubbio la ricorrenza dei settanta anni della Liberazione dell’Italia dall’occupazione tedesca, il crollo definitivo del nazifascimo e della sua orribile dittatura, la fine di una lunga e tragica guerra con i suoi tantissimi morti, con i sopravvissuti e gli scampati dai campi di concentramento e di sterminio, con il ritorno degli intellettuali e dei politici antifascisti, segna senza dubbio, l’inizio di una nuova storia dell’Italia, che divenne dopo di allora democratica, repubblicana e con una straordinatia Costituizione.

Rendere omaggio agli uomini e alle donne di allora che in Italia ed anche in Umbria scelsero di stare dalla parte giusta, quella cioè della liberta e dell’affermazione dei valori democratici, significa pensare anche alle fondamenta più robuste dell’Italia di oggi. Gli uomini e le donne della Resistenza avevano ragione perché combatterono una buona battaglia schierandosi contro il dittatore nazista e collaborando attivamente con le forze alleate che furono determinanti, con la loro azione militare, nel liberare l’Italia intera e sostenere la nascente democrazia.

In questo senso va ricordato anche il ruolo dell’Umbria che contribuì al processo di liberazione nazionale e alla “rinascita della Patria”. Nella nostra regione oltre 3700 furono i combattenti partigiani, più di 1700 i civili che sostennero attivamente con azioni concrete il processo di liberazione. Dobbiamo doverosamente ricordare in questa nostra terra anche quelle vittime civili, innocenti, cancellate dalle rappresaglie nazifasciste (circa 250 vittime in Umbria), dai Martiri di Gubbio all’episodio di Camorena di Orvieto; dai fatti di Marsciano ai rastrellamenti nelle zone di Narni, Otricoli e Calvi; da Città di Castello agli episodi dell’Appennino eugubiono-gualdese e della montagna folignate-spoletina e i 200 caduti sotto i colpi dei bombardamenti, in modo particolare quelli della città di Terni che fu la più martoriata della regione.

Tanti furono poi protagonisti anche in Umbria, tra quelli che militavano tra le formazioni partigiane, ma anche civili, contadini, operai della fabbriche, militari, insegnati, preti e religiosi dei principali monasteri, che silenziosamente diedero supporto e protezione ai Comandi militari delle forze alleate e alle brigate partigiane, consentendo di mettere fine al regime fascista e all’occupazione anche nella nostra regione.

In quegli anni difficili che precedettero la fine della guerra e la caduta del nazifascimo ci furono uomini che ebbero il coraggio e la capacità di pensare ad una Europa diversa, elaborando quel “manifesto di Ventotene” nel lontano 1941 (nel tempo in cui le forze armata tedesche sembravano invincibili) che sarebbe divenuto pochi anni dopo il fondamento ideale e spirituale delle nuove Istituizioni europee comuni.

Quel popolo di allora che il 25 aprile 1945, con l’insurrenzione delle grandi città del nord come Milano e Genova fu un popolo coraggioso, impastato di povertà, ma anche di grande orgoglio e seppe vedere nella guerra di liberazione non solo la caduta di un regime orribile che si era macchiato degli orrori piu terribili della storia europea del ‘900, che ebbe la capacità di immaginare in quei terribili giorni comunque un futuro per il Paese, fatto di rinascita, di maggiore giustizia sociale, di diritti fondamentali da assicurare - a cominciare dal lavoro - e si misero a ricostruire l’Italia con forza e determinazione davvero straordinarie.

E allora, oggi che il 25 Aprile è giustamente ed orgogliosamente la Festa di tutti gli italiani, dobbiamo saper apprendere la lezione di quegli uomini e di quelle donne che con la loro scelta giusta, cioè di stare dalla parte dell’antisfascino e della resistenza, fecero riscattare il profilo morale di una intera Nazione.  Oggi più che mai, considerando che molti dei testimoni diretti di quella “straordinaria storia italiana” stanno venendo meno, abbiamo il dovere di dedicare ancora più spazio a questa celebrazione, affinché la memoria non venga mai meno, affinché soprattutto i ragazzi e i giovani di oggi possano continuare ad apprendere l’insegnamento che quegli uomini e quelle donne ci hanno dato, costruendo la Repubblica italiana, libera e democratica.


Questa notizia è correlata a:

Mattarella: Liberazione è festa di libertà e speranza

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 gennaio

Differenziata, la media si attesta al 78,12 per cento. Filiberti: "Non ci fermiamo qui"

Si è casta quando non si ha una solida formazione etica, politica e culturale

Danilo Giulietti relaziona su "Luce e colore". Conferenza ISAO a Palazzo Coelli

"Ricordiamoci di ricordare". Spettacolo al Palazzo Baronale

Pronta la nuova convenzione per l'adesione alla Centrale unica di committenza

Giorno della Memoria, due giorni di eventi per ricordare la Shoah

Nuovo Comitato Uisp Orvieto Mediotevere, Federica Bartolini presidente

Di un Eden

Bandiera Canadese

Allora non esisteva l'Erasmus

La Vetrya Orvieto Basket viene travolta dal Bastia

Lucetta Scaraffia ospite del ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio per l'Orvieto FC. In settimana esordio per gli Allievi

"Dall'Amiata alla Valle del Tevere: ancora geotermia industriale o un altro sviluppo è possibile?"

Al Mancinelli Ashira Ensemble propone "Un volo leggero...Per rispondere con la vita"

Omaggio alla Catalogna. Musica, letture e mostra per il Giorno della Memoria

Esperti a convegno al Palazzo dei Congressi su "Nuove prospettive in Neonatologia"

L'Unitre Orvieto presenta il secondo quadrimestre di attività

Nasce l'associazione "Orvieto Runners". Tra gli obiettivi, la promozione del Trail Running

Letture e film a scuola per non dimenticare

Design, Verdi, Pissaro e Santa Rosa. La settimana allo Spazio Pensilina

Province, con tagli previsti a rischio blocco servizi al cittadino. Il dossier Upi presentato in Commissione Parlamentare

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

Fine settimana da dimenticare per la Cestistica Azzurra Orvieto

Consegnato a Cascia il secondo modulo abitativo provvisorio

"Fermate il pagamento della Tosap: poca comunicazione, cittadini in difficoltà"

Sul ruolo delle associazioni in generale e sulla Val Di Paglia Bene Comune in Particolare. Meglio chiarire

Terzo calanco? Redde rationem nel PD

Dal 12 febbraio a Orvieto il nuovo Corso di qualificazione professionale per sommelier

Imu agricola: il Tar del Lazio non conferma la sospensiva

Servizio idrico: il recupero del deposito cauzionale crea problemi agli utenti. Luciani interroga il sindaco

Ciconia - Umiltà, impegno e lavoro: la strada del successo secondo Francesco Romanini

Truffa dell'incidente alla figlia, anziana ci rimette 600 euro. Indagini a tutto campo

Opere previste dal Consorzio Val di Chiana per la mitigazione del rischio di esondazione del fiume Paglia, argomento su cui riflettere

Cordoglio per la scomparsa dell'agente di Polizia, Lorella Manglaviti

Imu agricola: il Consiglio dei Ministri cambia le altimetrie

Nel "Giorno della Memoria", Augusto Cristofori riceverà la medaglia d'onore della Repubblica

Polizia Provinciale: oltre 7 mila controlli in un anno, ma ora c'è il rischio che tutto svanisca

Orvieto Basket. L'under 19 torna alla vittoria nella trasferta contro Ponte Vecchio

Da Miami all'Azzurra Orvieto, Joanna Harden è pronta a scendere in campo

Altro derby umbro per Zambelli Orvieto che ospita il Trevi

"Il ricordo del gesto eroico di Aldo e Francesca Faina" e proiezione di "Corri ragazzo corri"

L'Istituto d'istruzione superiore scientifico e tecnico presenta il "Progetto formativo d'istituto"

Avvio partenopeo per "Risate & Risotti", poi a Orvieto per San Valentino

Azzurra Ceprini Orvieto – Reyer Venezia, palla a due iniziale al PalaPorano

Letture, flauto e violoncello al Museo delle Terrecotte