politica

La relazione di Leoni

venerdì 17 maggio 2013

Il logo del COVIP reca un paio di buoi aggiogati che trainano l'aratro e il motto IUNCTI ARANT DISIUNCTI ERRANT = uniti arano, disuniti vagano. Dalla metafora dell'aratura è quasi ovvio passare alla metafora della semina. Un club politico-culturale come il COVIP si assume il compito di elaborare idee e di comunicarle a tutti. Similmente al seminatore, che seleziona le sementi e, al momento opportuno, le sparge sul terreno. Ovviamente sperando che esse non cadano sulle pietre.
Il momento è maturo per seminare qualche idea, perché comincia l'anno che precede le elezioni comunali. Il COVIP non è una setta segreta e quindi ha il diritto e il dovere di esprimere anche adesso le proprie opinioni, come non ha mai mancato di fare.

Tra le idee che il COVIP ha elaborato ce n'è una alla quale sono particolarmente affezionato, anche perché richiama un motto romano che ho fatto incidere sul camino di casa mia.
(Mi scuso per questo nuovo ricorso alla lingua latina. Non è un vezzo e nemmeno un tentativo di fare concorrenza al mio amico Mario Tiberi. Il fatto è che la lingua latina è molto più sintetica e incisiva della lingua italiana. Chiedo perciò di essere perdonato, così come perdono volentieri chi usa termini e locuzioni in inglese, lingua molto utile, ma che io conosco poco appartenendo alla generazione che era costretta a studiare il francese).
Il motto è CONCORDIA PARVAE RES CRESCUNT, DISCORDIA MAXUMAE DILABUNTUR = Nella concordia le cose piccole crescono, nella discordia le più grandi vanno in rovina.
A questa massima pensiamo senz'altro noi del COVIP nel presentare la nostra proposta di un incontro che prescinda dalle fazioni politiche.

So benissimo che le parole destra e sinistra hanno ancora un loro significato. Non è scientificamente chiaro quanto le mentalità di destra e di sinistra siano influenzate da fattori genetici o siano determinate esclusivamente da fattori familiari e ambientali. Se ne occupano perfino le neuroscienze. Io propendo per l'ipotesi culturale. Ma la destra e la sinistra esistono e sono distinguibili. Ne sono talmente convinto che cerco di evitare i termini centrodestra e centrosinistra, che hanno, e ottengono, lo scopo di spargere fumo.
Vi è dunque una mentalità conservatrice che è sensibile ai valori che la civiltà ha enucleato nel tempo e vorrebbe salvaguardarli pur nella necessaria evoluzione della società. Per questa mentalità la limitazione da parte dello Stato delle libertà individuali deve essere contenuta il più possibile.
Vi è una mentalità progressista che, di fronte alle storture che presenta la società, ritiene necessario l'intervento pubblico in vista di una sempre maggiore eguaglianza.
Entrambe le opposte mentalità sono esposte al rischio della faziosità e possono degenerare in totalitarismi, come purtroppo la storia ci ha insegnato.

Attualmente, in Italia, destra e sinistra si perdono in opposti moralismi, che sono deleteri per la democrazia. Chi vota a destra tende a detestare la gente di sinistra, perché la ritiene ipocrita, rancorosa e cattiva. Chi vota a sinistra tende a detestare la gente di destra perché la ritiene ottusa, insensibile e cattiva. L'accusa di cattiveria è reciproca e induce a considerare la prevalenza elettorale del nemico non come la logica, ma come la ingiustizia del sistema democratico.
Se dunque esistono la destra e la sinistra, affinché la divisione non metta in crisi il sistema democratico, è indispensabile il riconoscimento reciproco della legittimità e utilità. In un sistema democratico ideale, a cui meglio si avvicina la più antica delle grandi democrazie, quella inglese, destra e sinistra non si demonizzano a vicenda e si alternano storicamente al governo.

Se dunque destra e sinistra normalmente stanno all'opposizione quando l'altra sta in maggioranza, non sta scritto da nessuna parte che, in situazioni eccezionali, non debbano e non possano collaborare. È avvenuto e sta avvenendo più spesso di quanto possa sembrare. Basta pensare all'assemblea costituente, ai governi del CNL, al cosiddetto centrosinistra, al cosiddetto compromesso storico, ai due ultimi governi italiani. Avviene in Germania e in Grecia. La collaborazione avviene ogniqualvolta il sistema democratico è in difficoltà per ragioni internazionali o interne o per gli effetti delle elezioni politiche, che possono portare alla mancanza di una chiara scelta dell'elettorato. È avvenuto anche in Orvieto, quando il corpo elettorale ha scelto un sindaco di destra e un consiglio comunale a maggioranza di sinistra. È finita che un parte della sinistra ha scelto di sostenere il sindaco preferendo la difesa dell'autonomia comunale al commissariamento del comune.
Purtroppo larga parte della sinistra si è opposta alla collaborazione gridando al tradimento. In verità gridando non tanto forte, ma abbastanza da inquinare il clima. La destra si muove impastoiata da una opinione pubblica che sa prevalentemente di sinistra. La sinistra spreca molte più energie a fare i conti all'interno che a fare proposte in consiglio comunale.

Chi conosce i meccanismi della democrazia rappresentativa sa che ciò che è essenziale non è la connotazione marcata di destra o di sinistra del governo, ma l'esistenza di una opposizione che svolga la funzione di controllo. La collaborazione tra destra e sinistra non mette a tacere l'opposizione, semplicemente la riduce temporaneamente a quelle che gli Americani chiamano "frange lunatiche", cioè a quei soggetti, che non mancano mai, spesso tenaci e intellettualmente vivaci, che tendono ad essere tenacemente e vivacemente scontenti. Anche le migliori famiglie comprendono soggetti che volgarmente chiamiamo scoglionati, ma che, fino a quando non diventano violenti, hanno la loro utilità.
A me i fascisti duri e puri e i comunisti marxisti leninisti non fanno paura fino a quando non sparano e non mettono le bombe, anzi, mi aiutano a riflettere.
Quindi il mondo è pieno di situazioni eccezionali che bisogna affrontare con mezzi eccezionali. Orvieto è in una situazione eccezionale.

Mi sembra logico che sia la classe politica di destra che quella di sinistra si stiano attrezzando in Orvieto per affrontare col massimo delle loro forze le prossime elezioni comunali. Per una specie di legge della politica, chi detiene il potere tende generalmente a mantenerlo e chi lo ha perso tende a riconquistarlo. Ma se la lasciamo indisturbato il funzionamento di questa legge sappiamo che cosa ci aspetta: o un quinquennio simile a quello in corso o un quinquennio simile a quello precedente.
È per questo che il mio amico Franco Barbabella insiste sulla necessità del ricambio totale o parziale della classe politica. Ma dov'è la nuova classe politica? Se c'è (e io credo che ci sia) è nella società civile orvietana.
Per spiegarmi ricorro ancora al latino. I Romani distinguevano la POTESTAS, cioè il potere sugli altri, dall'AUCTORITAS, cioè l'autorevolezza, la buona reputazione di chi fa bene quello che fa nella società cerca di farlo sempre meglio. C'è molta gente che ha AUCORITAS, ma proprio per questo non spasima per il potere e, nei casi in cui si offre o viene chiamata ad esercitare il potere, non smania per mantenerlo.
È questa gente che va cercata e coinvolta. Il mio amico Massimo Gnagnarini vuole unire i puntini. Io dico che andrebbero uniti non i puntini... va unito qualcosa di più consistente... vanno uniti gli attributi di coloro che gli attributi li hanno.
Altrimenti Orvieto finisce male.


Questa notizia è correlata a:

Un Patto Civico per Orvieto 2014. Se ne fa promotore il COVIP

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"