politica

Un patto civico per la Città: la proposta del gruppo PD esplicitata dal capogruppo Germani

giovedì 10 dicembre 2009

La grave crisi dell'Amministrazione Comunale di Orvieto, della quale portiamo gravi responsabilità, impone di ricercare strade nuove che portino ad una collaborazione fattiva le forze migliori della città. Le difficoltà del bilancio si fanno ormai sentire in tutti i settori economici e sociali che già soffrono la difficile congintura economica.

Per questo proponiamo un Patto Civico per la CITTA' che abbia come primo obbiettivo quello di recuperare rapidamente l'autonomia politica ed amminisdtrativa della nostra massima istituzione.

I proclami sulla centralità di Orvieto, sul suo ruolo cerniera con il Lazio, il valore inestimabile del suoi giacimenti storici, artistici e paesaggistici servono a poco se la città non riacquista rapidamente prestigio e ruolo.

Perchè ciò avvenga è necessario che si interrompa il processo di lacerazione in atto del quale le divisioni e la litigiosità politica ne sono solo la manifestazione più eclatante.

Serve un processo di cooperazione e di unificazione delle forze imprenditoriali, sindacali, del mondo associativo e delle professioni.

E' giunto il momento di cambiare il campo di gioco. La crisi non si risolve nel consiglio comunale che in gran parte l'ha causata. La situazione è così grave, e le forze della politica così esigue e divise che già si conosce l'esito finale, ovvero il dissesto del Comune.

Ma siamo proprio convinti che questa sia la soluzione migliore oppure vanno cercate altre strade.

Certamente questo fallimento ha i suoi responsabili dagli amministratori che hanno guidato il Comune e le forze del centro sinistra in primis e poi la crisi generale che ha colpito l'intera economia occidentale e le politiche del governo centrale che non hanno fatto per aiutare le amministrazioni locali.

Ma ormai il danno è fatto, il centro sinistra ha perso le elezioni e non si è profilata un'alternativa credibile. Si tratta di evitare la catastrofe finale che inevitabilmente ricadrebbe su tutta la comunità.
Quindi cercare dei prevenire piuttosto che poi curare malattie incurabili.

Il dissesto vorrebbe dire commissariamento e di conseguenza la consegna del governo del comune a forze esterne che inevitabilmente agiranno con una logica licquidatoria.

Gli Orvietani già hanno provato ad affidarsi al salvatore esterno rappresentato da Tony Concina ma sono bastati pochi mesi per capire che i miracoli non li fa nessuno di questi tempi.

E' tempo di capire che va allargato il campo di gioco alla società orvietana, attivando le RISORSE PRIMARIE , chiedendo a tutti uno sforzo straordinario.

PARTIRE DAGLI ASSET PROPRIETARI

Il lavoro e la creatività degli orvietani hanno prodotto nel tempo alcune realtà che rappresentano il capitale primario della città

La Fondazione Opera del Duomo

La Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto
La Fondazione Faina

La ex Caserma Piave

L'ex Ospedale s.Maria della Stella

La Funicolare e la Mobilità Alternativa

La Discarica

Queste entità vivono vite parallele e spesso sono state gestite come una riserva da cui attingere risorse da usare per fini che poco avevano a che vedere con gli interessi generali.

Ma si dovrebbe guardare e valutare anche la politica economica e patrimoniale della Fondazione Cassa di Risparmio e delle altre Fondazioni. Spesso si sono visti investimenti inutili o con scarsa ricaduta sull'economia reale della città.

 

 

UN PROGETTO che GUARDI AL MONDO che CAMBIA

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad Orvieto ad una ripresa del dibattito sulla nostra collocazione territoriale. Umbria, Lazio o addirittura Tuscia.

Anche in questi giorni si fantastica sul Patto con Roma e sui grandi benefici che verranno dall'Aeroporto di Viterbo ( siamo per che si faccia). E' dall'Unità d'Italia che va avanti questa diatriba. Allora il consiglio comunale si divise tra chi vuole andare con Siena e chi invece con Roma.

Oggi mentre discutiamo Orvieto si sta allontanando di 100 Kilometri da Roma e da Firenze grazie ai nuovi orari ferroviari.

Allora piuttosto che cercare la protezione di qualche nuovo principe si tratta di riscoprire l'autonomia comunale basata sulla capacità locale di creare, produrre e condividere.

Oggi il teatro è il Mondo e chiunque può recitare una parte importante con un prodotto agricolo di pregio, con un vino di grande qualità, con una macchina enologica inimitabile, con un'antenna originale o più semplicemente facendo apprezzare la civiltà dei nostri luoghi e delle nostre genti.

Però è necessario misurarsi con le sfide vere che non sono piu' il consumismo, il guadagno senza regole e senza etica.
Le nuove sfide sono quelle dei cambiamenti climatici, della lotta alle povertà ed alle malattie, l'accesso di tutti al sapere ed alla conoscenza, una comunicazione senza barriere ed alla portata di tutti.

Rispondere a queste sfide vuol dire innanzi tutto cambiare la nostra cultura, pensare in modo diverso ed allora verranno idee nuove, nuovi prodotti e servizi ed organizzazioni della vita e del lavoro adeguate ai tempi.


Ma c'è chi già lo fa. Lo fanno molte aziende costrette dalla nuova competizione, lo fanno molti professionisti, uomini di cultura ed educatori.
Ma lo fanno anche tanti orvietani in giro per il mondo che rappresentano casi di successo : che si tratti di dirigere un Osservatorio di Astrofisica o lavorare all'UNESCO,dirigere Banche o Grandi Apparati o avere un ruolo di rilievo nel mondo dell'informazione e della cultura.

Non si tratta di sciovinismo provinciale ma della consapevolezza che questi "quadri" sono un po' anche il frutto di Orvieto, della sua cultura, dei suoi asili, delle sue scuole, dei suoi laboratori culturali, della sua vita sociale.

Insomma c'è un enorme giacimento di risorse umane da mettere in moto alle quali si deve dare la possibilità di lavorare, creare, produrre.

Per attivarle ci vuole un nuovo progetto per la città.

Quello basato sulla rendita non funziona più'. Che si tratti della rendita fondiaria, della speculazione immobiliare o dall'intermediazione sulla gestione dei flussi di finanza pubblica tutto questo non funziona più'.

Anzi vediamo affacciarsi nel nostro territorio investitori strani, di dubbia provenienza che in un momento così difficile sembrano disporre di risorse illimitate da usare proprio nel ciclo che abbiamo descritto prima.

Oggi ci vuole un'idea diversa di sviluppo che metta al centro i beni primari

CLIMA
che vuol dire anzitutto nuove politiche energetiche che portino a sostituire l fonti fossili tradizionali con sole, vento e biogas

ACQUA
che vuol dire innanzitutto non sprecare quella cade dal cielo e poi differenziare l'uso e tutelare le falde

FORESTE
prendere atto che il nostro territorio ospita la più imponente e consistente foresta regionale (Monte Peglia e Selva di Meana) che può diventare una risorsa strategica in tempi di certificati verdi


CULTURA CONTADINA E ARTIGIANALE
il fare ed il saper fare sono stati la base del Made Italy. L'Italia, l'Umbria, Orvieto hanno una coltura agricola ed artigianale, da qui si deve partire per realizzare una inversione e un riuso della caserma Piave.


I DISTRETTI PER COOPERARE E PER COMPETERE

Gli strumenti piu' adatti per realizzare queste scelte sono i distretti

DISTRETTO Artigianale e Agricolo

DISTRETTO Culturale

DISTRETTO delle Energie Alternative

DISTRETTO delle Foreste e del Paesaggio
Questi nuovi strumenti dovranno realizzare un reale partenariato ed una gestione paritaria tra pubblico e privato


UNA NUOVA PROPOSTA ISTITUZIONALE :
ATI e UNIONE DEI COMUNI DELL'ORVIETANO

Un nuovo corso basato sull'autonomia comunale vuol dire dare nuova centralità e potere alle municipalità.

Per questo proponiamo che il Comune esca da tutte le aggregazioni
esistenti per concentrare la presenza nell'Ambito Territoriale Integrato provinciale e promuova la nascita dell'Unione dei Comuni
dell'orvietano aperta tutti i Comuni del Parco Fluviale del Tevere.

Un ambito omogeneo dove si muovono le unità di lavoro e dove vengono erogati e utilizzati i principali servizi.

 

 

 


UN PATTO CIVICO per la CITTA'

Su queste basi a nostro avviso si può avviare un confronto che porti l'amministrazione fuori al baratro e la città a riconquistare il ruolo che gli spetta.

Il Sindaco Concina è stato scelto dagli elettori ed ha il diritto di governare per 5 anni. Ma al tempo stesso ha il dovere di prendere coscienza che gli mancano non solo i numeri ma le idee e le risorse per dare una svolta.

Per questo gli proponiamo un Patto Civico per l Città che parta dal Bilancio di Previsione 2010, da costruire con tutti i protagonisti e gli attori della società Orvietana

Un patto con il territorio che veda il Sindaco Concina rappresentare nell'ATI tutte le municipalità e lo impegni come soggetto coofondatore della nuova Unione dei Comuni.

Un patto a termine per esempio di tre anni che risani il Comune e avvii la stagione del nuovo sviluppo.


Questa notizia è correlata a:

Un patto civico per la città: varate le linee del Sindaco. Lodi a destra, astensione con riserva a centro sinistra

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 gennaio

Tempo di consuntivi per la Polizia Municipale che onora San Sebastiano patrono

"La crisi del centro storico sta trascinando l'intero territorio in un baratro"

All'Unitre Claudio Lattanzi presenta "Amore e sesso al tempo degli Etruschi"

De Martino e Ciclodromo, passeggiata di co-progettazione per la riqualificazione

Sacripanti (GM) sollecita interventi a favore di Via Postierla

Istituita la cabina di regia regionale per la programmazione della rete scolastica

Questione CrO, Fumi: "Fondazione eserciterà tutti i suoi diritti"

Patrimonio zootecnico e faunistico, firmata la convenzione con le guardie ecozoofile del Wwf

Roberta Mezzabarba presenta il romanzo "La lunga ombra di un sogno"

Progetto di fusione tra Giove e Penna in Teverina, insediata la commissione intercomunale

Discarica "Le Crete", dal Pci reiterazione della diffida alla Regione

Sanità, convocato l'incontro in Regione per il superamento del precariato

Il Museo Etrusco "Claudio Faina" si dota del canale YouTube

"Seminari Francigeni". Giovani a raccolta per la valorizzazione della Variante Cimina

Interrogare è anche scegliere

Nogesi: "Geotermia, finalmente cadono due tabù"

Fondi in arrivo per Montecchio. Gori: "Puntiamo su archeologia, turismo e qualità della vita"

La Regione chiarisce in merito alle denunce del Wwf: "Il contenimento del cinghiale non è attività di caccia"

Terza giornata dedicata all'orientamento dei futuri studenti

Piattaforma digitale del Comune, tutti i numeri di un successo

Lina Sastri si racconta al Teatro Mancinelli con "Appunti di viaggio. Biografia in musica"

La Consulta delle Fondazioni umbre stanzia 450.000 euro con il "Bando di Idee"

"Notte di Follia" al Lea Padovani tra Anna Galiena e Corrado Tedeschi

Palazzo dei Congressi, "adesso sulle norme di sicurezza la struttura è in regola"

In Umbria 900 maestre "sulla strada" per la sentenza del Consiglio di Stato. Cobas: "Subito un decreto legge"

"Mamma...li Turchi!" al Teatro Boni per un pomeriggio di musica popolare

"Metodologie dello scavo archeologico: la tomba a casetta di Sferracavallo"

Colazione del buttero e benedizione degli animali per Sant'Antonio Abate

"Rugby al Centro". Campo insolito per gli amanti della palla ovale

Bar Montanucci

Al Palazzo dei Sette, incontro su "Le ragioni del Classico. Lavoro: quanto, quale, come..."

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Esperienze di terremoti e rinascite a confronto al Palazzo del Popolo

Sisma nel Centro Italia, scosse avvertite anche nell'Orvietano. Evacuate le scuole

Minoranze: "Con Germani sta tornando la 'tela del ragno' fondata sulle clientele e sulla spesa facile"

Arte e Scienza per il weekend all'Unitre

Incontro tra Comune e albergatori. Dagli introiti della tassa di soggiorno, nuova linfa al turismo

Siglato il secondo patto di collaborazione, nuova sede per la Pro Todi e cooperazione per le iniziative culturali

Disperato appello delle famiglie con figli disabili: "La Regione ci aiuti"

La Zambelli Orvieto può contare sulla duttilità di capitan Serena Ubertini

Nuova scuola per il Vannucci, nuovo indirizzo Liceo Musicale del Calvino

Modalità per le donazioni destinate al ripristino dei servizi sanitari danneggiati dagli eventi sismici

Contrasto all'immigrazione clandestina, controlli straordinari interforze in tutta la provincia

Sottoscritto l'accordo di rete per attività formative e di ricerca tra Fondazione per il Csco e Centro Studi Città di Foligno

Carcere di Via Roma, il direttore ribadisce: "Nessuna chiusura"

Forti scosse, il Centro Italia continua a tremare. Chiuse tutte le scuole dell'Umbria

Battuto ogni record. Chiusa la mostra fotografica dedicata ai giovani nel futuro

Niente eolico sul Peglia, InnovaWind Srl non presenta il ricorso

"L'Umbria tra Toscana e Marche". Presentato il rapporto economico sociale 2016-17 dell'Agenzia Umbria Ricerche

Terza edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano in Teverina"

Tajani nuovo presidente del Parlamento europeo, annuncia viaggio nelle zone terremotate

Cecchini riunisce il Tavolo Verde, massimo impegno nelle aree terremotate

RFI, aggiornamento traffico ferroviario post-terremoto

Protezione civile impegnata su doppia emergenza per nuove scosse e maltempo

Verifiche nelle scuole di tutta la provincia. Sindacati: "Disparità di trattamento"

Bando Ccn, pubblicata la graduatoria provvisoria. Orvieto per Tutti: "Un altro passo avanti"

Docenti e Ata di Ipsia e Artistico si dissociano dal documento della discordia

Lo Spazio Pensilina dà il via agli eventi con il Distretto Turistico dell'Etruria Meridionale

Nuovo video per Francesco. Questa volta si "vola" in Toscana

Carcere, prosegue lo stato di agitazione. Il Sappe chiede l'apertura di un tavolo di trattativa

Costantino D'Orazio presenta "Raffaello segreto. Dal mistero della Fornarina alle Stanze vaticane"

Nuove funzioni e deleghe agli assessori di Città della Pieve

La differenziata

Una Zambelli Orvieto indomita smonta il Castelfranco

Libertas Pallavolo Orvieto superata in trasferta da Appignano

Lista Civica Per Fabro con Larocca: "Lontani dai centri del potere"

Emanuele Fiorini (Lega Nord): "Porteremo la questione in consiglio regionale"

Tra intelligenza emotiva ed emozioni intelligenti

"Paese che vai...poesia che incontri", c'è il bando per partecipare all'antologia

Area interna dell'Orvietano, le considerazioni dell'associazione Val di Paglia Bene Comune

Il Lions Club avvia il service per valorizzare il merletto orvietano

Con "Una piccola, grande vita" Zelinda Elmi emoziona San Venanzo

Vetrya Orvieto Basket sconfitta solo nel finale da Atomika Spoleto

Orvietana a bocca asciutta. Piscopiello: "Usciamo da Nocera con qualche rammarico"

Conferenza del Rotary su "Gli affreschi della Cappella del Corporale: una rete di immagini"

Seconda edizione per "Presepi in Vetrina", in sala consiliare la premiazione

L'Albero di Antonia scrive alle istituzioni: "Chiediamo un efficace sistema antiviolenza"

Piazza Ippolito Scalza parzialmente chiusa al transito ancora fino a mercoledì

Caccia, Regione e Consulta venatoria avviano l'iter delle riforme della normativa

Progetto "Incontri in biblioteca: vi racconto una storia" per l'Unitre dell'Alto Orvietano

Semplificazione amministrativa, la Regione lancia la consultazione attraverso la rete

Lunedì di disagi per i pendolari sulla direttissima Orte-Roma

"Per evitare le accuse la Regione persegua una politica seria sui rifiuti"

Il Circolo del Pd tira le orecchie all'amministrazione per il suo immobilismo

Disco verde al progetto definitivo di miglioramento della viabilità interna di Osarella

Da febbraio nuove tariffe per le mense scolastiche. Ecco le modifiche al servizio

Palazzo Monaldeschi: i fondi ritardano, il Comune sollecita

Carnevale Aquesiano, tutti gli appuntamenti in arrivo

Carnevale al Palazzo dei Sette, c'è il "Veglioncino per bambini" della Croce rossa

A Porta d'Orvieto "Realizza il tuo Carnevale". Laboratorio creativo con Alessia Biondi

Fine settimana all'Istituto Agosti per la 23esima edizione di "Scuola Aperta"