politica

I problemi dei pendolari orvietani in un ordine del giorno del gruppo misto provinciale di Sinistra Democratica

martedì 20 novembre 2007
Il Gruppo Misto di Sinistra Democratica in Consiglio provinciale interviene, attraverso una proposta di ordine del giorno, sui problemi che interessano i pendolari orvietani. Nel documento si dà mandato al Presidente della Provincia di richiedere un incontro urgente con l’Azienda “Trenitalia” per rappresentare i problemi legati all’entrata in vigore del nuovo orario ferroviario per individuare una soluzione adeguata e, più in generale, la richiesta di miglioramento delle condizioni di trasporto dei pendolari. Il 13 dicembre entrerà, infatti, in funzione il nuovo orario ferroviario che interessa oltre 1.200 pendolari titolari di abbonamento diretti prevalentemente a Roma e, in misura ridotta, in direzione Arezzo-Firenze. “Con il nuovo orario ferroviario – si legge nel documento sottoscritto dai Consiglieri Roberto Forbicioni, Giuseppe Ricci e Leo Venturi - non solo non vengono accolte alcune richieste avanzate dai pendolari, come gli orari serali di rientro da Roma, ma potrebbe verificarsi addirittura un peggioramento dell’attuale situazione”. I firmatari dell’odg intendono coinvolgere anche il Circondario di Orvieto, dando mandato al suo Presidente di convocare l’Assemblea dei Sindaci del comprensorio per sottoporre il problema alla loro attenzione e sollecitare analoghe iniziative. “Abbiamo stilato questo ordine del giorno - sottolinea il Presidente del Consiglio provinciale Ricci - sicuri di interpretare le esigenze e gli interessi dei pendolari dell’orvietano che ogni giorno affrontano un faticoso viaggio verso Roma o Arezzo/Firenze senza trovare la giusta attenzione alle proprie problematiche. Fra l’altro ritengo che la polemica degli ultimi giorni fra la Regione e “Trenitalia”, circa il taglio ulteriore degli Eurostar che collegano Perugia con Roma, non fa che confermare la scarsa attenzione complessiva, in questo settore, verso la nostra regione. Credo, quindi, che sia necessario esprimere un’attenzione non di routine ma di alto livello e costante nel tempo, con iniziative adeguate alle problematiche aperte”.

Questa notizia è correlata a:

Pendolari: il nuovo orario non tiene fede agli impegni. Gli amministratori si mobilitino per salvare il salvabile

Commenta su Facebook