politica

Vorrei... ma non posso. Gli enti pubblici di fronte all'obbligo di adeguare e realizzare siti web accessibili

mercoledì 16 novembre 2005
di Laura Ricci
E’ in corso oggi, mentre stiamo scrivendo, alla Sala Fiere di Marina di Carrara il convegno “Vorrei... ma non posso. Gli enti pubblici e le associazioni di fronte all'obbligo di adeguare e realizzare siti web accessibili come previsto dalla Legge Stanca".

Si tratta, dopo i convegni organizzati in merito allo SMAU di Milano in ottobre, di uno dei primi luoghi – potremmo dire di “pensiero e di azione” - in cui si comincia a parlare, molto in concreto, di accessibilitŕ. Un’occasione informativa e comunicativa, anche per noi di Akebia (che non siamo solo un network di quotidiani on line, ma anche e soprattutto un’azienda che fornisce servizi informatici) per parlare, dalle nostre testate, di un argomento che ci sta molto a cuore e che forse non ha avuto, soprattutto a livello locale, la diffusione che merita.

Il convegno, promosso da Cesvot, Anci Toscana, Biblioteca Nazionale Marciana - Progetto CABI, nasce dall’esigenza di vedere a breve attuata la cosiddetta "Legge Stanca" (Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, Legge 9 gennaio 2004, n. 4), che “obbliga” pubbliche amministrazioni, enti pubblici economici, aziende private concessionarie di servizi pubblici, aziende municipalizzate regionali, enti di assistenza e di riabilitazione pubblici, aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico e aziende appaltatrici di servizi informatici, ad adeguare i propri siti ai requisiti di accessibilitŕ entro 12 mesi dai decreti attuativi dell’8 agosto 2005.

Alla base del concetto di accessibilitŕ del web (che cerchiamo di spiegare in modo piů esaustivo, semplice e agile nella notizia correlata) c'č l'idea che un sito debba poter essere visitato da qualsiasi utente, indipendentemente dal computer, dalla velocitŕ del collegamento, dal browser, dall'interfaccia utente, dalle periferiche alternative utilizzati.
Ovviamente per le persone disabili – ma non solo - questo assume un'importanza fondamentale: si pensi infatti a chi utilizza dispositivi di lettura vocale del testo (non vedenti) o ausilii per la navigazione da tastiera e, in molti casi, si trova di fronte a barriere virtuali insuperabili (immagini senza un testo alternativo, pagine ottimizzate per certi tipi di browser, frame...).

Non essendo previsti, come del resto per molte altre misure legislative, stanziamenti di fondi per gli adeguamenti che la Legge Stanca prescrive, molti enti si trovano nella difficoltŕ di assolvere all'obbligo di legge, tanto piů che secondo la legge stessa non sono accessibili, giŕ solo per il fatto di avere un percorso differenziato e di nominarsi come tali, neanche i siti che cosě si dichiarano.
In pratica, un sito deve essere accessibile per cosě dire “silenziosamente”, rispondendo a particolari criteri tecnici e semantici che corrispondono a uno sviluppo non solo tecnologico, ma anche etico del web, tale cioč da creare pari opportunitŕ per tutti i tipi di utenti.

Il seminario che si sta svolgendo a Marina di Carrara, rivolto a tecnici web e dirigenti di enti pubblici e associazioni nell'ambito dell'ottava manifestazione "Dire e Fare", vuole essere un momento di confronto sui percorsi giŕ avviati e sulle soluzioni possibili per uscire da quello che potrebbe, e non deve essere, il vicolo cieco del "Vorrei, ma non posso".
Non si parla, ovviamente, di cifre impossibili: nulla rispetto alla piů elementare opera pubblica, all’organizzazione di un qualsivoglia evento, a spese di rappresentanza e di promozione o di dissuasione (chissŕ perché vengono in mente i dissuasori di velocitŕ, “necessari”, eppure del tutto “inutili” se solo passasse un’idea di rispetto e civiltŕ).

Il “Vorrei, ma non posso” non ha dunque molte ragioni di esistere e a noi, che nello sviluppo dell’informazione e della comunicazione etica del web non possiamo non credere, piace pensare che queste nuove frontiere si impongano non tanto per “obbligo di legge”, e tanto meno solo per chi vi č “obbligato”, ma per amore di solidarietŕ, di modernitŕ e di scienza.
Perché cosě vuole il futuro, in poche parole, e perché cosě č giusto che voglia.

Accessibilitŕ: un nuovo “incomprensibile” bollino di qualitŕ o un concetto molto semplice?

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità