opinioni

Impressioni S-facciate

domenica 19 marzo 2017
di Gianluca Foresi
Impressioni S-facciate

Qui si parla di come il moderno dovrebbe inchinarsi all’antico per il sacro rispetto e riguardo che è d’obbligo per chi c’era prima, e di come l’antico dovrebbe soggiacere al suo declino o lento disfacimento in favore di un più utilitaristico e profittevole moderno che dal canto suo permetterebbe a quello di guardare con rinnovata e “restaurata” speranza al futuro di entrambi. Mi sovviene la famosa querelle fra gli antichi e i moderni che esplosa in Francia fra il XVII e il XVIII (querelle des anciens et des modernes) affondava le sue radici in verità in Italia, nel Quattrocento per la precisione, quando i difensori della letteratura volgare cercavano di respingere gli assalti di rigidi umanisti spregiatori dell'antico, adoratori del nuovo. Fu però in Francia appunto che assurse a grande disputa, quella Francia che poco dopo dette vita al secolo dei Lumi.

Per calarla nella nostra realtà, dove pare che i Lumi si siano spenti o forse mai accesi, ma dove invece gli accessi di protagonismo non si affievoliscono, ne è un esempio l’estensore di questa nota che insieme a molti sembra non poterne farne a meno, c’è da parlare della diatriba che si è innescata in seguito al rifacimento delle facciate in Piazza Duomo. Un noto esperto e studioso della materia quale Lucio Riccetti solleva una questione importante, che non può essere fatta passare solo come semplice chiacchiera da Facebook, (l’espressione ormai va a sostituire la vetusta e obsoleta chiacchiera da Bar) ma nemmeno ormai, nell’era del social invadente e dei cretini da tastiera (si sente una strana ECO) solo come critica accademica, di esperti, conoscitori del tema e della materia. Quelle Facciate sono S-Facciate, l’uso di quei colori non corrisponde ai canoni e ai criteri dettati, selezionati e corrispondenti alle tecniche usate in epoche coeve alla costruzione di quelle case. Qualcuno dice che è la stessa Soprintendenza che ha avallato l’intervento, quindi dovrebbe essere tutto regolare. Ma poi ci si domanda se essa stessa sia a conoscenza delle regole base che probabilmente si è data per poter intervenire in questi casi sulla Piazza più importante che abbiamo e che è il nostro biglietto da visita per il mondo? Chi ha sbagliato, Pagliuca? Avrebbe esclamato Boskov.

È il caso di dire che su FaceBook se ne leggono di tutti i Colori e anche il sottoscritto si è lanciato senza paracadute a esprimere un parere che non vuole essere per nulla tecnico, non avendone i mezzi, ma semplicemente di gusto e utilità.  Quelle facciate che affacciano (il bisticcio di parole è voluto e evoluto) sulla Piazza del Duomo che ora si spiazza. Sono d'accordo sul fatto che sia necessario un attento studio delle fonti, ma a questo punto dovremmo allora far togliere le porte di Emilio Greco dal Duomo e farci rimettere quelle di legno; ricorderete la grande polemica che ci fu allora. Ora invece sarebbe quasi sacrilego togliere quelle attuali.

Se considerassimo le case e le sue facciate delle opere d'arte, come lo è il Duomo e come lo sono le porte di Emilio Greco, allora potrei essere d'accordo con l’argomentazione che i materiali usati per il rifacimento delle facciate avrebbero dovuto rispettare i criteri della costruzione dell'epoca. Essendo quelle comunque una semplice opera di artigianato, anche se di un'epoca coeva al Duomo e che solo per ciò non fa di queste cosa similare (non potendo avvalerci della proprietà transitiva nemmeno opere d’Arte), credo si possano applicare le regole dell'artigianato attuale tout court, sempre che ovviamente rispettino dei criteri estetici e che non vadano a cozzare totalmente con il luogo dove insistono. Detto questo vorrei citare un grande esempio di intervento moderno che incide su un luogo storico: la piramide di acciaio (credo) e vetro posta sulla piazza dove domina il Palazzo del Louvre che ospita il Museo (anch'esso frutto di evoluzione storica); non credo che questa, al di là della bellezza/bruttezza soggettiva, possa essere considerata solo un'opera d'arte, sebbene di grande valore, ma piuttosto un prodotto ingegneristico/architettonico, che comunque ad oggi resta uno dei più fulgidi esempi di contaminazione fra epoche storiche e stili, riconosciuto a livello mondiale da esperti e storici dell'arte.

C’è chi grida, forse a ragion veduta, allo scempio del tempio, che non tiene conto del tempo in cui la cattedrale è stata costruita, e che quindi a meno che non si vogliano riesumare i pittori e gli architetti dell’epoca, almeno si tenga conto dei materiali e delle tecniche usate. Colori non acrilici ma naturali, fatti con la tecnica del coccio pesto e via di seguito. Per carità tutto giusto, tutto filologico, tutto in linea con la delicatezza dell’intervento da portare a compimento in quel luogo che tutti noi amiamo e ammiriamo e che il mondo ci invidia.

Tutto anche condivisibile, se visto dal lato puramente strettamente estetico e forse estatico, dato che siamo vicino a un luogo dove il divino si rap-presenta all’umano, ma questa piazza ormai deve tornare a vivere e oltre il divino deve potersi riaf-facciare anche l’uomo, inteso come umanità (sai, sennò la Boldrini mi bacchetta), e più in particolare il turista che troverà una piazza riportata ad uno splendore e una pulizia, che non può che far del bene e agli occhi e all’anima. Non mi dite che quelle croste sulle facciate dei palazzi erano in linea con il fulgore e lo sfavillio della madre di tutte le Facciate. Perché questa città oltre che bella dovrà prima o poi essere utile e calata nella realtà e nel tempo presente altrimenti diventa solo un patrimonio tombale funebre dell’Unesco. Sulla piazza allora via le macchine anche solo di passaggio e dei raduni, via la fermata dell’autobus, via i tavoli, via gli ombrelloni via le scritte dagli esercizi commerciali, via la passerella sulle scale del Duomo, via l'albero di Natale, via Gelati d'Italia, via slow food, e guai a chi entra vestito con abiti non storici.

 

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

Colpo di scena in Consiglio Comunale. Loriana Stella dimissionaria

Patto di amicizia fra Orvieto e Pesaro nel segno di Padre Gianfranco Maria Chiti

"Tentazioni", personale di pittura di Ioan Pascu al Centro Studi "Città di Orvieto"

Sei nuovi ingegneri "junior" dal Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto

"Voci del Sacro". Sabato 24 aprile a Guardea la "Passio secondum Joannem"

In difesa del Tribunale di Orvieto: interrogazione Belcapo in Consiglio. Barberani: "L'aria che tira non è incoraggiante"

Interrogazione Gialletti sulla disciplina transitoria riguardante gli allietamenti: "Tutti devono attenersi a delle regole". Il Sindaco: "a molti sfugge la distinzione tra allietamento ed intrattenimento"

"La scultura lignea in Italia, in Umbria e nella Diocesi". Sabato 24 aprile seminario a cura della associazione "Pietre Vive"

Episodi di vandalismo, a matrice politica e non, compiuti nel territorio comunale. Rosmini: "deplorevoli e frutto di stupidità"

Ancora su Commercio e Turismo. Chi discrimina chi?

Anas, i diserbanti utilizzati sulle strade di competenza non sono dannosi né per l'uomo né per l'ambiente

Effetto Stella: entra in Consiglio Cecilia Stopponi

Vicenda Grinta Srl. Tutto rimandato a fine maggio, l'azienda ha tempo un mese per trovare soluzioni concrete

"Dalla traccia alla prova. Il contributo dei RIS all'attività della Polizia Giudiziaria e della Magistratura": Fabro incontra i suoi illustri cittadini

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Guido Scorza: "L’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

Il Gala perde e attende l'ultimo impegno. In arrivo il 1° Torneo Gala5

I legali degli indagati all'opera per il dissequestro: "in regola i permessi per costruire"

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

Viabilità, sicurezza e servizi all'area residenziale ed industriale di Bardano, respinta in Consiglio la mozione del Gruppo Misto

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto: laureati altri otto ingegneri "junior"

Istituite forme di previdenza e assistenza complementare per il personale della Polizia Municipale

Il Comune di Orvieto aderisce alla Carta Europea per l'uguaglianza e le parità fra donne e uomini nella vita locale

Paolo Trippini scelto per concorrere al premio "Miglior Chef del Centro Italia"

Vauro e la Rai, tra nuovi partigiani e vecchi regimi

Le cave si stanno mangiando il bel Paese. Un contributo alla Settimana della Cultura

1600 euro i fondi raccolti dai Giovani Democratici per l'Abruzzo

25 aprile: "E' una ricorrenza di tutti, festeggiamola insieme". Molte le iniziative a Orvieto e nel Comprensorio

A Castelviscardo incontro tra Fausto Ermini e Massimo Tiracorrendo

A San Venanzo intitolazione della Biblioteca Comunale a Stefano Millesimi. Mostra personale di pittura dell'artista

Passeggiata ecologica a San Venanzo

La Sapienza intitola a Sante De Sanctis l'aula magna delle facoltà di Psicologia

A Montegabbione incontro su "La battaglia dimenticata". Pomeriggio sportivo con la cronoscalata Faiolo-Montegabbione

Ad Orvieto in mostra le opere di Paolo Antonini

"Un Canto per la Vita". Al Palazzo dei Congressi la Corale Polifonica della Cattedrale di Orvieto

25-26 aprile sull'altopiano dell'Alfina manifestazione di aeromodellismo

Partito da Orvieto il VII Giro Podistico dell'Umbria sotto il maltempo

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni