opinioni

Impressioni S-facciate

domenica 19 marzo 2017
di Gianluca Foresi
Impressioni S-facciate

Qui si parla di come il moderno dovrebbe inchinarsi all’antico per il sacro rispetto e riguardo che è d’obbligo per chi c’era prima, e di come l’antico dovrebbe soggiacere al suo declino o lento disfacimento in favore di un più utilitaristico e profittevole moderno che dal canto suo permetterebbe a quello di guardare con rinnovata e “restaurata” speranza al futuro di entrambi. Mi sovviene la famosa querelle fra gli antichi e i moderni che esplosa in Francia fra il XVII e il XVIII (querelle des anciens et des modernes) affondava le sue radici in verità in Italia, nel Quattrocento per la precisione, quando i difensori della letteratura volgare cercavano di respingere gli assalti di rigidi umanisti spregiatori dell'antico, adoratori del nuovo. Fu però in Francia appunto che assurse a grande disputa, quella Francia che poco dopo dette vita al secolo dei Lumi.

Per calarla nella nostra realtà, dove pare che i Lumi si siano spenti o forse mai accesi, ma dove invece gli accessi di protagonismo non si affievoliscono, ne è un esempio l’estensore di questa nota che insieme a molti sembra non poterne farne a meno, c’è da parlare della diatriba che si è innescata in seguito al rifacimento delle facciate in Piazza Duomo. Un noto esperto e studioso della materia quale Lucio Riccetti solleva una questione importante, che non può essere fatta passare solo come semplice chiacchiera da Facebook, (l’espressione ormai va a sostituire la vetusta e obsoleta chiacchiera da Bar) ma nemmeno ormai, nell’era del social invadente e dei cretini da tastiera (si sente una strana ECO) solo come critica accademica, di esperti, conoscitori del tema e della materia. Quelle Facciate sono S-Facciate, l’uso di quei colori non corrisponde ai canoni e ai criteri dettati, selezionati e corrispondenti alle tecniche usate in epoche coeve alla costruzione di quelle case. Qualcuno dice che è la stessa Soprintendenza che ha avallato l’intervento, quindi dovrebbe essere tutto regolare. Ma poi ci si domanda se essa stessa sia a conoscenza delle regole base che probabilmente si è data per poter intervenire in questi casi sulla Piazza più importante che abbiamo e che è il nostro biglietto da visita per il mondo? Chi ha sbagliato, Pagliuca? Avrebbe esclamato Boskov.

È il caso di dire che su FaceBook se ne leggono di tutti i Colori e anche il sottoscritto si è lanciato senza paracadute a esprimere un parere che non vuole essere per nulla tecnico, non avendone i mezzi, ma semplicemente di gusto e utilità.  Quelle facciate che affacciano (il bisticcio di parole è voluto e evoluto) sulla Piazza del Duomo che ora si spiazza. Sono d'accordo sul fatto che sia necessario un attento studio delle fonti, ma a questo punto dovremmo allora far togliere le porte di Emilio Greco dal Duomo e farci rimettere quelle di legno; ricorderete la grande polemica che ci fu allora. Ora invece sarebbe quasi sacrilego togliere quelle attuali.

Se considerassimo le case e le sue facciate delle opere d'arte, come lo è il Duomo e come lo sono le porte di Emilio Greco, allora potrei essere d'accordo con l’argomentazione che i materiali usati per il rifacimento delle facciate avrebbero dovuto rispettare i criteri della costruzione dell'epoca. Essendo quelle comunque una semplice opera di artigianato, anche se di un'epoca coeva al Duomo e che solo per ciò non fa di queste cosa similare (non potendo avvalerci della proprietà transitiva nemmeno opere d’Arte), credo si possano applicare le regole dell'artigianato attuale tout court, sempre che ovviamente rispettino dei criteri estetici e che non vadano a cozzare totalmente con il luogo dove insistono. Detto questo vorrei citare un grande esempio di intervento moderno che incide su un luogo storico: la piramide di acciaio (credo) e vetro posta sulla piazza dove domina il Palazzo del Louvre che ospita il Museo (anch'esso frutto di evoluzione storica); non credo che questa, al di là della bellezza/bruttezza soggettiva, possa essere considerata solo un'opera d'arte, sebbene di grande valore, ma piuttosto un prodotto ingegneristico/architettonico, che comunque ad oggi resta uno dei più fulgidi esempi di contaminazione fra epoche storiche e stili, riconosciuto a livello mondiale da esperti e storici dell'arte.

C’è chi grida, forse a ragion veduta, allo scempio del tempio, che non tiene conto del tempo in cui la cattedrale è stata costruita, e che quindi a meno che non si vogliano riesumare i pittori e gli architetti dell’epoca, almeno si tenga conto dei materiali e delle tecniche usate. Colori non acrilici ma naturali, fatti con la tecnica del coccio pesto e via di seguito. Per carità tutto giusto, tutto filologico, tutto in linea con la delicatezza dell’intervento da portare a compimento in quel luogo che tutti noi amiamo e ammiriamo e che il mondo ci invidia.

Tutto anche condivisibile, se visto dal lato puramente strettamente estetico e forse estatico, dato che siamo vicino a un luogo dove il divino si rap-presenta all’umano, ma questa piazza ormai deve tornare a vivere e oltre il divino deve potersi riaf-facciare anche l’uomo, inteso come umanità (sai, sennò la Boldrini mi bacchetta), e più in particolare il turista che troverà una piazza riportata ad uno splendore e una pulizia, che non può che far del bene e agli occhi e all’anima. Non mi dite che quelle croste sulle facciate dei palazzi erano in linea con il fulgore e lo sfavillio della madre di tutte le Facciate. Perché questa città oltre che bella dovrà prima o poi essere utile e calata nella realtà e nel tempo presente altrimenti diventa solo un patrimonio tombale funebre dell’Unesco. Sulla piazza allora via le macchine anche solo di passaggio e dei raduni, via la fermata dell’autobus, via i tavoli, via gli ombrelloni via le scritte dagli esercizi commerciali, via la passerella sulle scale del Duomo, via l'albero di Natale, via Gelati d'Italia, via slow food, e guai a chi entra vestito con abiti non storici.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 aprile

"Kaki Tree Project". Semi di pace per l'inaugurazione del Giardino delle Farfalle

"Orvieto a tutta Birra". Per tre giorni, la birra artigianale fa festa in Piazza del Popolo

Assemblea pubblica su "La chiusura dell'Ospedale e del Pronto Soccorso di Città della Pieve"

Zambelli Orvieto riapre le porte del PalaPapini per ospitare l'ostica Firenze

Olimpieri (IeT): "Un altro colpo alle attività produttive, bravo Germani"

In più di 150 per la "Festa del Ruzzolone". Il sindaco Terzino: "Orgoglioso di questo gruppo"

Laura Palmese (Orvieto Fc) verso il Torneo delle Regioni con la rappresentativa umbra femminile di Mister Pierini

Liberazione, la Consulta dei Giovani di San Venanzo incontra le scuole

L'assessore Gnagnarini replica a Olimpieri: "Le tasse e i ciarlatani"

Per "Amateatro", la Compagnia del Cantico porta al Boni "Cani e Gatti"

Approvato il calendario scolastico 2017-2018. La campanella suonerà il 13 settembre

Francesco Barberini vola a Napoli con il WWF e trova anche i dinosauri

Dal CIPE le risorse per i lavori al cimitero di Casemasce

Nell'anniversario della morte di Eleonora Duse

Si riunisce la Consulta del Lago di Bolsena. "Una risorsa da tutelare"

Al via la mostra-mercato delle eccellenze agroalimentari in centro storico

Seminario CIA sul registro telematico vitivinicolo. L'Umbria ha aumentato l'export di vino dell'11,35%

Valerio Natili eletto segretario generale regionale Fisascat Cisl e Fist Cisl Umbria

"Antitodi e tecniche contro l'antipatia digitale". Seminario al Palazzo dei Sette

"Sono i cittadini i primi a subire le conseguenze di una disorganizzazione organizzata"

Il Ministero dell'Interno conferma i presidi di Polfer e Polstrada

Al via la XXII edizione de "Il Libro Parlante". Gli appuntamenti di primavera

A maggio, Fiaccola Olimpica in Piazza Duomo. In Comune, la premiazione di "Ragazzi in gamba"

Nel 72esimo Anniversario della Liberazione, "Orvieto Cammina" per la libertà

Tre giorni di festeggiamenti a Baschi in onore di San Longino

Davide vs Golia, punto di vista sulle Primarie Pd

Accordo di collaborazione tra la Chinese Academy of Sciences e l'Università della Tuscia

Domenica su due ruote con il Vespa Club, arriva "Orvieto in sella"

Gianni Minà dialoga con Stefano Corradino: "Documento da cronista, vivo da protagonista"

Storia e cronaca della Resistenza italiana ed europea, arriva la mostra dell'Anpi

Scuola Keikenkai: sei campioni Italiani e cinque in attesa della maglia azzurra

Inaugurato il primo "Unitre Smile" realizzato dalla Bottega Michelangeli

Soddisfazioni in casa Radio Frequency Expert. Suo, il lotto Centro Nord

Ferma lo scuolabus e mette in salvo una bambina, poi muore

Sindaci protagonisti del cambiamento

Lo scandalo di potenza sui conflitti di interesse al mise si allarga alla geotermia

Gianluca Foresi modera il Meeting Nazionale delle Fondazioni a Gravina di Puglia

Test di successo il primo "Wine Show Orvieto, gemellato con il 50esimo della Castellana

Scampagnata del 1° Maggio nel Convento dei Cappuccini con Letteralbar

Senso unico alternato e chiusure sulla provinciale 46 di Tordimonte

Il Comune aprirà la sfilata in Vaticano per la 32esima edizione di "Viva la Befana"

In mostra le opere di Francesco Catteruccia. Proseguono i festeggiamenti per la S.Croce

Il Comune condannato dal giudice del lavoro. "Denaro pubblco speso male"

Superare ansia e timidezza

L'Ipsia di Orvieto in visita al Centro di Formazione Enel di Terni

Robert Glasper Experiment una Liberazione R&B al Museo del Vino

Marco Iacampo live al "Valvola". Presenta l'album "Flores"

Il Duomo non è un museo

In mostra le opere di Marco Gizzi. Al Palazzo dei Sette, cavalieri e templari

Passaggio del testimone per la Staffetta del Cuore a favore di Marco Simoncelli

Il PCdI esprime soddisfazione sull'incontro con don Maurizio Patriciello

"100 fiori contro la geotermia". Giornata di mobilitazione interregionale

Auguri a Rita Levi Montalcini. Per i suoi 101 anni diretta da Bologna a rete unificata. Dalle 21 di giovedì 22 aprile 2010 segui l'evento su Orvieto.TV

Gala Five: salvezza raggiunta!

Un aiuto per Haiti. "Hachiko" al Cinema Corso con il Volontariato di S. Vicenzo

Villalalago e Villa Paolina di Porano nella “Rete regionale di Ville, Parchi e Giardini”

Verso la quadratura del Bilancio? Sembrerebbe portare ossigeno il rinnovo della convenzione tra Comune e ATC

Dalla Provincia in arrivo 80.000 euro per la SP "del Piano" a Orvieto

Chiusa la stagione teatrale con Arnoldo Foà, al Mancinelli arriva a sorpresa Enrico Brignano

Scuola di Musica. Oltre 2000 firme a sostegno dell'Istituzione. A fianco degli insegnanti anche i Sindacati

Lettera aperta del Comitato antirumore. Improponibile la bozza di regolamento. Ecco le nostre proposte

L'Intercom dell'Orvietano conferma l'efficacia e l'efficienza della funzione associata di Protezione Civile su base comprensoriale

Eurotrafo. Preoccupazioni dell'UGL per la delocalizzazione. L'azienda: è grazie alle commesse da Cina e India che stiamo salvaguardando la produzione a Fabro

Precisazioni di Confcommercio sulla riunione per il QSV: "Non abbiamo cacciato nessuno, è la legge regionale che detta gli interlocutori della concertazione avanzata"

Commissariare il Comune? Forse prima si dovrebbe commissariare il Pd...

Si getta dalla Torre dell'Albornoz. Muore giovane uomo di Porano

Condanna mite per Oriano Ricci. Domani subentrerà in Consiglio Comunale a Maria Antonella Annulli