opinioni

Gli Orvietani. Raccolta "indifferenziata" di opinioni, suggerimenti, esperienze

martedì 22 febbraio 2011

FINALMENTE!!!
Certo, inizialmente un po' complicato capire come smistare la spazzatura... Ma basta fare un po' di attenzione e lo "sforzo" viene ripagato dalla comodità di poter lasciare i sacchi in fondo al portone di casa... e dal pensiero che stiamo facendo qualcosa (SPERO) per il nostro pianeta... La mattina alle 7:30 erano già passati a ritirare il tutto...
Comunque esperienza positiva, direi anche emozionante... :)
p.s. unica nota negativa è il problema spazio dei secchi all'interno di casa... (utenza domestica)

____________________

Allora, noi Ristoratori siamo "attivi" dal 15. Problemi: i secchioni sono enormi e nelle cucine piccole è un problema; problema più grande: l'organico; per le nostre attività andrebbe ritirato tutti i giorni perchè lasciare un paio di giorni il secchione pieno "de monnezza" puzza......mi immagino come sarà d' estate....; terzo problema: la sera passeggiando per Orvieto, non è uno spettacolo bello vedere le vie piene di secchi e secchielli......serve una maggiore organizzazione e pianificazione ma, se tutto ciò è utile, benvenga..... (Mauro Stopponi, utenza commerciale)

_____________________

Sicuramente c'è da rivedere i turni di ritiro dell'umido che non può stare tutto questo tempo a casa...e se uno mangia il pesce...fa la collezione dei gatti del vicinato...poi in una città "d'arte e turistica" i buzzichi della monnezza fuori di casa veramente nun se possono vedè...comunque ci adeguiamo (utenza commerciale)

_____________________

Penso che, nei limiti del possibile, vada rivisto l'orario di raccolta. Una città, tanto più se turistica, non può stare con i sacchetti e i bidoncini per tante ore nella strada, sia pure serali e notturne. Specie considerando che nella nostra cultura mediterranea, con la bella stagione, sono molte le ore e le occasioni in cui si vive fuori casa la sera e la notte. Dovrebbe essere una raccolta concentrata in una fascia oraria più stretta, in diverso o diversi orari da studiare. Comunque è una sperimentazione che ha bisogno di essere monitorata e ogni osservazione, seppure critica, è fatta con spirito costruttivo. (Laura Ricci, utenza domestica e aziendale)

___________________

caos.....non sono stati consegnati i sacchetti a tutti, al negozio non li ho....la sera se passi per il Corso dopo le 20.00, è un cimitero di sacchetti colorati.....un bel vedere per un qualsiasi avventore-turista.
Non ci siamo, non ci siamo, prendiamola con il normale incipit di una nuova impresa. (utenza commerciale)

_____________________

Allora, personalmente noi non abbiamo avuto problemi: ieri era il turno dell'umido, oggi della carta. Messo fuori i sacchi, ritirati la mattina, come previsto. L'unico appunto forse è che sono passati un po' "tardino": per l'umido tanto tanto sono passati alle 8, per la carta invece erano le 8.45 passate. Non è per fare la pignola, ma dato che non è bellissimo vedere i sacchi di spazzatura fuori dai portoni, forse sarebbe il caso di farli sparire per le 7.30 al massimo, soprattutto nelle vie principali come la mia.

Però già cominciano i primi problemi: come sai noi abitiamo in un palazzo e le relazioni tra inquilini non sono delle migliori.  Ora, dato che a noi hanno consegnato sì i kit individuali, ma anche tre secchioni condominiali (umido, indifferenziata, plastica & co) che andrebbero portati fuori la sera e ritirati la mattina a ritiro avvenuto, puoi immaginare il delirio che si è scatenato per le scale... (utenza domestica)

__________________

Allora, io con la mondezza sono sempre stata un macello anche quando si trattava di buttarla tutta insieme, ma ora finalmente anche da noi è arrivata la civilissima raccolta differenziata e ci impegneremo per imparare regole ed orari di suddivisione, calata e ritiro.
Io però so già che mi incasinerò tantissimo, sbaglierò sacchetto e buzzico e mi arrabbierò come pochi, litigherò con figli e marito, soprattutto col marito che sono anni che mi dice che il vetro va buttato a parte ed io niente, cocciuta, dagli a metterlo con il resto del pattume, come se niente fosse...
Facciamo comunque un ripassino: l'umido va nel bidone marrone, quello forato, quindi se avanza il brasato e lo spezzatino col sugo e fors'anche del lesso ripassato lo butto lì, giusto, così che nell'attesa che arrivi il giorno stabilito per lo smaltimento se ne possano ancora godere i succulenti effluvi?
La plastica poi la devo mettere nel recipiente di vetro e il vetro nel contenitore di plastica. Il cristallo di boemia dove va? no, perchè se mi si rompe un bicchiere del servizio buono de nonna, dove lo smaltisco??
Qui poi si parla di quattro secchi, allora perchè io ne ho solo tre?
Per vincere il quarto, quello della roba non smaltibile, ovvero quello dove finalmente ci puoi mettere giù tutto alla rinfusa come facevi prima, a quanti bollini o punti devo arrivare? E soprattutto come lo riconosco? Di che colore è? Se azzecco tutte le combinazioni (Sacchetto giusto in relativo buzzico con contenuto adeguato) viene il Sindaco a portarmelo o me lo consegnano in una cerimonia pubblica nella sala Consiliare insieme ad una laurea Honoris Causa?
Attendo fiduciosa ulteriori istruzioni. (Alessandra Carnevali - utenza domestica)

______________________

Di per sé la raccolta differenziata è un'ottima idea, e rimane tale se è attuata con metodo. Purtroppo ho sempre l'impressione che ad Orvieto le cose vengano improvvisate quindi nutro seri dubbi sulla riuscita di questa iniziativa. Troppe volte ho sentito dire che negli anni scorsi i materiali raccolti dalle campane per la raccolta differenziata venivano poi scaricati tutti insieme in barba alla differenziazione.
Ieri mattina alle 10:30 sono uscita di casa e la raccolta non era stata ancora fatta: il vicolo era bordato di sacchetti gialli per la raccolta della plastica e la visione d'insieme era piuttosto squallida.
La raccolta differenziata ha le sue regole ma non è facile per chi vive in un piccolo appartamento già di per sé ingombro di cose trovare spazio per 5 diversi contenitori (organico, carta, plastica, vetro, residuo). In quanto condomini di un edificio con più di tot famiglie noi abbiamo diritto a raccoglitori più grandi permanenti e quindi possiamo portare giù i nostri sacchetti praticamente quando vogliamo ma resta il fatto che si tratta di cinque cose diverse da tenere in casa.
La cosa che mi rende maggiormente perplessa, però, è il fatto di avere saputo dell'avvio della raccolta differenziata da un vicino di casa. Dal Comune non è arrivato assolutamente nulla e quelli che ci hanno portato il raccoglitore per l'organico si sono limitati a suonare al citofono e a lasciare il raccoglitore in questione dietro la porta di casa. La mancanza di informazioni è stata totale. Insomma, l'ennesima orvietanata. Speriamo bene. (utenza domestica)

_____________________

sembra di stare in un paese civilizzato, finalmente (Lorenzo Grasso - utenza domestica)

_____________________


Questa notizia è correlata a:

Raccolta differenziata giorno #1. The day after. Orvieto città educata, sensibile e collaborativa

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 maggio

Arriva l'Annuario Scolastico 2016/2017. Per ricordare su carta, ai tempi dei social

Ladri scatenati, fanno razzia all'Euronics di Porta d'Orvieto

Sacrilego io?

"Giù le mani dalla nostra terra!". In difesa di Umbria, Lazio e Toscana

"Centri storici minori in Rete", Parrano alla Biennale dello Spazio Pubblico

Il consiglio comunale approva il rendiconto della gestione per l'esercizio 2016

A giugno riprendono gli scavi nell'area archeologica di Poggio Gramignano

Tra Matteo Solforati e la Zambelli Orvieto prosegue il rapporto

Omaggio a Ippolito Scalza. Una storia scritta nel marmo. Première del video documentario

L'opposizione spara a zero: "Opere pubbliche, flop della Giunta Germani"

Al CSCO iniziato il Corso di Formazione sulla salute globale

"Let's meeting!" a Fabro Scalo, arriva il meeting dei Centri di aggregazione giovanile della zona sociale 12

Ippica, il purosangue Time Chant tenta il bis al "Carlo D'Alessio"

Strade e Pulizia, rimpallo di competenze tra Comune e Provincia

Inquinamento acustico in Strada del Piano, chiesti provvedimenti urgenti

Interrogazione di Sacripanti (Gm) sull’incremento della presenza di cinghiali e richiesta di interventi urgenti

Strade pericolose, autovelox sull'Umbro Casentinese

Approvati dal Consiglio Comunale il Rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2016 e la variazione al Bilancio di previsione 2017/2019

Contributo di costruzione: il Consiglio Comunale approva la parziale revisione di alcuni parametri applicativi del Regolamento Regionale

Approvata la modifica al Programma Triennale dei Lavori Pubblici

Migranti

Banca Popolare di Bari, costituito un fondo in favore dei Soci

"Di paesaggio in paesaggio", passeggiata letteraria per "Il Maggio dei Libri"

Storia finita

"Tra poesia e musica" al Teatro Comunale con i versi della poetessa Marita Bucci

Al Tuscia Film Fest 2017 scatta "L'Ora Legale" di Ficarra e Picone. A novembre torna l'IFF Berlin

Architettura dei Giardini, AgriCultura, Moda e Musica per il secondo giorno di "Todi Fiorita"

Sì del Comune al progetto "Dall'Idea al Mercato" avviato dalla Camera di Commercio di Terni

Passeggiata tra le lettere del centro storico, alla ri-scoperta della scrittura pubblica

Sotto l'albero con Susanna Tamaro, l'A.Ge. fa festa nel Paese delle Rose

Bilancio positivo per il secondo Talent Scout Stage, conto alla rovescia per il terzo

Zambelli Orvieto fermata in gara-due ad Arzano, si va allo spareggio

Supercar Show, tra i protagonisti anche il pilota Riccardo Nucci

Il fagiolo dall'occhietto di Collelungo nel catalogo delle cose buone

Conferenza con Paolo Bruschetti al Museo Archeologico Nazionale

Sulla questione rifiuti, la segreteria del PCdI legittima le affermazioni di Ciro Zeno

Continua la retrospettiva di Ennio Luzzi alla Galleria Falzacappa Benci

7° Memorial "Luca Coscioni". Orvieto nel circuito Grand Prix di Atletica Leggera

Girato a Bolsena con Pietro De Silva il primo videoclip dei Brahmanelporto

Gruppi di azionale locale umbri, sinergie per un nuovo sviluppo regionale

La Libr'Osteria "Le Sorgenti" ospita lo spettacolo "Cuba libre"

All'Hosteria di Villalba, trionfa la "Cucina con i fiori"

Alla biblioteca Fumi lo spazio dei giovani diventa "Sala Studio Luca Coscioni"

Caso quote Bpb, niente consiglio: dieci domande dei clienti agli amministratori comunali

Caso quote Bpb, si costituisce il Comitato dei risparmiatori

Caso quote Bpb, capigruppo e sindaco uniti nel fare chiarezza

Grazie Marco

Help Interferenze. Ecco come segnalare i problemi tra tv e rete di telefonia

Ai nastri di partenza la seconda edizione del "Festival dello Studente"

Alla scoperta delle orchidee nel bosco del Sasseto e della Riserva naturale Monte Rufeno

Si presentano i libri "Rondini per formiche" e "Prima di dirti addio"

Convento dei Frati Minori Cappuccini in festa per San Crispino