opinioni

Come il grande Kant fece crescere la barba alle sapute, riservando al maschile l'intelligenza

domenica 22 aprile 2007
di laura
Questa mattina, quando ho scritto l'articolo cui questa correlata si riferisce, non avevo a portata di mano i riferimenti precisi. Nel frattempo, attraverso la mia casalinga biblioteca, mi sono documentata. Sentite cosa ne pensava il pur grande, e soprattutto etico Immanuel Kant (1724-1804) - chi non ricorda il suo celebre "il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me"? - sull'intelligenza femminile, argomento che affront nelle sue Osservazioni sul sentimento del Bello e del Sublime (1764). Secondo Kant il cervello di una donna "normale" programmato per "un sentire delicato". Deve dunque mettere da parte e lasciare agli uomini "le speculazioni astratte o le nozioni utili, ma aride". E questo perch "un faticoso apprendere e un faticoso lambiccar di cervello, per quanto una donna possa ben riuscirvi, consumano i pregi che sono propri del suo sesso, e se anche la rendono oggetto, per la loro singolarit, di una fredda ammirazione, ne indeboliscono le attrattive per le quali esercita un grande potere sull'altro sesso". Per Kant il femminile il Bello, il maschile il Sublime. E il Sublime la capacit di pensare e di elevarsi al di sopra degli animali e dei minerali. L'eccezione, ossia la donna che osa accedere al Sublime pensando, subito punita: il grande Immanuel, infatti, le fa subito perdere la bellezza. Non solo, a suo giudizio, il sapere non giova al fascino femminile, ma la sua esibizione uccide la femminilit. Ed afferma: "Una donna con la testa piena zeppa di greco, come madame Dacier, o che sostiene profonde dispute sulla meccanica, come la marchesa di Chtelet, pu solo avere in pi la barba". Cos Kant raccomandava alle donne di non essere o - ancor peggio - di non fare le intelligenti anche se lo fossero state, per poter piacere agli uomini. Per la cronaca, madame Dacier(1654-1720), la donna che aveva in pi non l'intelligenza, ma "la barba", tradusse in francese l'Iliade, l'Odissea e altri classici greci e latini; l'altra "barbuta", la marchesa di Chtelet, compagna di Voltaire che, evidentemente, nonostante Kant le perdon intelligenza e sapere (e comunque, Un grand homme qui navait de dfaut que dtre une Femme, scriveva di lei) - vinse nel 1738 il premio dell'Accademia di Scienze per un saggio sulla natura della propagazione del fuoco. Mi chiedo: chiss se anche allora qualche uomo o qualche donna invidiosa avr detto che lo vinse perch era la compagna di Voltaire? Nell'immagine: M.me de Chtelet, che mi sembra tutt'altro che barbuta o brutta, in un ritratto di Maurice Quentin de La Tour...

Questa notizia è correlata a:

La mia solidariet politica a Liliana Grasso e ad Emily: quell'assurdo, tuttavia estirpabile maschilismo...

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"