economia

Si struttura l'esperienza di "Montegabbione Bio", ecco cosa prevede

giovedì 8 novembre 2018
Si struttura l'esperienza di "Montegabbione Bio", ecco cosa prevede

Dopo l'approvazione definitiva del progetto da parte dell'Amministrazione Comunale, si struttura l'esperienza di "Montegabbione Bio", che prevede la promozione e la valorizzazione della biodiversità di interesse agrario. "Montegabbione Bio" nasce dal desiderio di sperimentare, diffondere e costruire un sistema agricolo territoriale sostenibile ecologicamente ed economicamente, etico, basato sulla partecipazione, la condivisione, la formazione e la collaborazione, che renda gli agricoltori meno dipendenti dai dettami del mercato globalizzato, della moderna agroindustria e delle corporation che monopolizzano il mercato dei semi e della chimica.

Molti sono, negli ultimi anni, gli ostacoli che l’agricoltore deve affrontare. Il mercato globalizzato impone una concorrenza sleale con prodotti importati, il cui bassissimo costo è possibile solo grazie allo sfruttamento della manodopera e delle risorse naturali, all’estrema intensivizzazione della produzione e all’uso indiscriminato di prodotti chimici di sintesi. Il prezzo del cibo è così basso, e la possibilità di piazzare dignitosamente sul mercato la propria produzione è aleatoria. Così l’agricoltore, sfiduciato, rinuncia a prendere dei rischi e si affida solo ai contributi europei, abdicando ad un sistema agricolo impigrito che non crede più nella possibilità che lo spirito imprenditoriale creativo e aperto alla sperimentazione possa essere premiato.

La recente estrema riduzione del prezzo del grano causata dall’immissione strategicamente regolata di grosse partite di frumento dall’estero ne ha notevolmente ridotto le semine in questa campagna. Il consumatore, abituato ai prezzi stracciati della grande distribuzione, ha perso di vista il vero valore del cibo, e considera troppo alti prezzi che remunerano equamente tutti i fattori della produzione: questo porta spesso l’agricoltore a vendere sottocosto pur di vendere, quando non si vede costretto a buttare interi lotti di produzione o addirittura a non raccogliere per risparmiare almeno i costi di manodopera.

La burocrazia necessaria per aderire alle normative, richiedere sussidi, contrattualizzare dipendenti, internalizzare parte della filiera (stoccaggio, confezionamento, trasformazione...) è pesante, costosa in termini di tempo e denaro, insostenibile da piccole aziende, spesso sibillina e mutevole in tempi anche brevi. Anche marchi e certificazioni, che valorizzano il prodotto sul mercato, richiedono però burocrazia, impegno ed esperienza per ottenere visibilità, trovare filiere attente, sviluppare nuove metodologie di marketing.

I cambiamenti climatici minano la produttività delle colture: estati anormalmente piovose, primavere anormalmente siccitose, concentrazioni delle piogge in brevi periodi dell’anno con effetti catastrofici su terreni già erosi e destrutturati da decenni di agricoltura sfruttante che non ha curato abbastanza la salute dei suoli. Le varietà imposte dalle corporation del seme non sono in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici né ad un’agricoltura a bassi input, perché selezionate in campi sperimentali situati spesso in altri continenti, con clima e terreno diversissimi, in cui l’ambiente viene inoltre reso artificialmente ottimale grazie all’uso smodato della chimica. In annate con squilibri climatici (ormai la norma) danno risultati deludenti a fronte di un congruo anticipo di spesa per il seme e i trattamenti.

Se riseminate dopo il primo ciclo di coltivazione, le sementi commerciali danno progenie diverse dalla varietà originaria (se ibride) e talvolta tecnicamente inutilizzabili; se non ibride, non riescono a rispondere in maniera plastica alle variazioni climatiche da un anno all’altro, perché geneticamente uniformi, e possono ridurre severamente la produttività fino a soccombere. Inoltre se l’agricoltore richiede sussidi del PSR e la condizionalità prevede il rispetto dei disciplinari di agricoltura integrata, la risemina è consentita solo per un anno. L’agricoltore è quindi costretto di malavoglia a seguire i consigli dei rappresentanti delle ditte sementiere e chimiche (che ormai sono le stesse), che per assurdo sono rimasti quasi gli unici tecnici ad andare in campo a parlare con gli agricoltori.

Le varietà commerciali, inoltre, selezionate per una produzione e una filiera estremamente meccanizzata, dove sono importanti l’adattabilità al processo e alla movimentazione, hanno perso qualità organolettiche e nutritive. Le malattie e i parassiti diventano più aggressivi, per la semplificazione degli ecosistemi agricoli (che diventano meno resilienti), per l’invasione di nuove specie che non hanno nemici naturali, per la pressione selettiva esercitata da varietà con resistenze estremamente specifiche, che ha causato la comparsa di nuovi ceppi per i quali non esistono resistenze utili, per l’abbandono delle rotazioni e l‘abuso di monocolture ripetute che rafforzano parassiti e infestanti specifici.

La fauna selvatica o introdotta in natura a scopo venatorio, a fronte degli squilibri ecosistemici causati dall’uomo, si avvicina sempre più spesso ai campi e agli ambienti antropizzati a caccia di cibo, causando ingenti perdite di raccolto, tanto da far scomparire dai campi e dalle rotazioni le colture più appetite (che in genere sono piante da rinnovo). La ricerca è sempre più lontana dai campi degli agricoltori, perché quella che non è al servizio delle grandi corporation ha sempre meno risorse e preferisce rimanere al sicuro all’interno dei laboratori e dei campi sperimentali. Proliferano quindi i ricercatori estremamente specializzati, preparatissimi su aspetti puntiformi ma senza una visione d’insieme e senza una vera conoscenza dell’agricoltura. I soggetti che potrebbero fare da intermediari tra la ricerca e il mondo produttivo sono rimasti vittime di spending review oppure si barcamenano con poche risorse, stretti tra la burocrazia e i clientelismi locali.

Gli insetti impollinatori soffrono per la diminuzione della flora causata dall’uso di diserbanti e di disseccanti nei campi e ai bordi delle strade, per l’abuso di insetticidi in formulazioni invasive e per la carenza di fiori in periodi anormalmente siccitosi. Territori che prima avevano una forte identità agricola, in zone fragili, collinari o montane, hanno perso carattere e si sono perse le relazioni che cucivano i nodi delle filiere, delle comunità locali e della rete che univa città e campagna, perdendo così conoscenze, competenze e il valore aggiunto dello scambio di saperi.

In questo contesto, il progetto "Montegabbione Bio" cerca di esplorare nuovi modi di fare agricoltura, cercando possibili risposte ai problemi sopra elencati, e facendolo in maniera condivisa tra ricercatori, agricoltori, consumatori e amministratori, partendo dalle risorse umane, naturali e culturali che già esistono, quali la biodiversità, la curiosità, la voglia di preservare un ambiente ancora non rovinato dall’agricoltura industriale, e la conoscenza di chi da molti anni conosce il territorio e sa come risponde. Per realizzare Montegabbione Bio, si utilizzeranno i terreni del Comune per continuare la ricerca già iniziata, e si invitano gli agricoltori ad aderire al progetto.

Fonte: Comune di Montegabbione

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce