cultura

L'antica meridiana di Castel Viscardo è pronta a tornare in funzione

lunedì 28 ottobre 2019
L'antica meridiana di Castel Viscardo è pronta a tornare in funzione

Sarà presentata alla cittadinanza sabato 2 novembre alle 10.30 al Museo del Cotto di Castel Viscardo l'annunciata opera di restauro dell'antica meridiana. Alle 12.30, l'appuntamento è lungo Corso Umberto per la presentazione effettiva dei lavori di restauro, alla presenza del sindaco Daniele Longaroni, l'architetto Francesco Rosi e Mauro Bifani.

I lavori di restauro e ripristino con le prime misurazioni atte a riportarla al suo scopo funzionale, sono iniziati a marzo scorso grazie anche all’intervento della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria nella persona della dottoressa Stefania Furelli, funzionario storico dell'arte.

L’intervento di restauro e consolidamento vero e proprio è stato portato avanti dalla restauratrice Roberta Rizza. La direzione dei lavori è stata affidata dell'architetto Francesco Rosi, esperto di meridiane, che si è avvalso anche del prezioso ausilio di Mauro Bifani, già autore, tra l’altro, del libro "Le antiche ore. Meridiane e orologi alla romana nei comuni dell'Umbria".

Il restauro della meridiana, già studiato dall'Amministrazione Comunale precedente si configura in un piano per il recupero storico e valorizzare di un altro storico manufatto dell’antico feudo di Castel Viscardo, già feudo della famiglia dei principi Spada Veralli, sul quale, al momento, non risulta documentazione diretta.

La meridiana si trova sul vecchio limite dell’insediamento del paese, vicino a un arco in cotto ora abbattuto, dove è ancora presente una piccola edicola con quadro in tela rappresentante la Vergine Maria. Si tratta di una porzione del paese costruita dal XVII secolo, quando i vassalli cominciarono ad uscire dalla ristretta cerchia delle mura castellane (la rocca in seguito sarà ingentilita, divenendo una mera dimora di campagna) per poter ampliare le loro dimore e tutta la zona abitativa.

Insediatosi un piccolo borgo, era realizzata una nuova muratura difensiva e di controllo che comprendeva due archi in mattoni, uno detto di Sant’Agostino e poi di Sant’Antonio, dal nome di due delle chiese del paese, e uno detto "del Renaro", dalla denominazione data alla zona dove attualmente si trova la meridiana.

L’abitazione su cui insiste la meridiana si trova proprio tra questi due archi, un insieme di case nei pressi di quella che anticamente era una osteria o anche stazione di posta. Scarsi sono, attualmente, anche i risultati delle indagini fotografiche per rinvenire delle immagini dettagliate della zona prima delle modifiche che hanno compromesso il manufatto che dovrebbero essere successive al post terremoto del 1957. In tale circostanza, sarebbe rimasta danneggiata parte dell’abitazione sulla quale si trova.

"Siamo molto felici di rimettere in funzione l’antico orologio del paese. Per la comunità significa anche riappropriarsi di un pezzo del proprio passato e vogliamo condividere con i nostri concittadini questo piccolo risultato che per il paese, però, è molto significativo", affermano dall’Amministrazione Comunale, tenendo anche a ringraziare Maria Mattioli e Rosanna Galli per aver permesso la realizzazione delle foto e analisi dai punti privilegiati dello loro abitazioni, Sergio Rossi e Liliana Pasqualetti per aver dato assenso al restauro, intervento che gode della preziosa assistenza del geometra Lorenzo Sterpa dell'Ufficio Tecnico Comunale.

Commenta su Facebook