cultura

Cessione a fini turistici per gli immobili di Stifone, nel nome dell'ingegnere Netti

giovedì 11 luglio 2019
di Davide Pompei
Cessione a fini turistici per gli immobili di Stifone, nel nome dell'ingegnere Netti

Narnese di Stifone, dove nacque nel 1869, ma orvietano nei fatti – abitò all'ombra del Duomo, nel palazzo affrescato che ne porta il nome – Aldobrando Netti riscattò le umili origini del padre mugnaio e l'abbandono delle scuole a 12 anni con la laurea in Ingegneria Industriale conseguita all'Istituto Superiore Politecnico di Milano, quando ne aveva dieci in più.

Pioniere nel campo dell'energia elettrica, a lui Orvieto deve l'impianto realizzato nel 1896 e un capolavoro dismesso di archeologia industriale come la Centrale Idroelettrica di Sugano, in funzione fino al 1945, che sfruttando la vicinanza con le Fonti del Tione e il torrente in località Bottacce fece luce al Teatro Mancinelli.

Il suo nome ricorrerà venerdì 12 luglio alle 11.30 nella Sala Consiliare del Comune di Narni, in occasione della firma di cessione gratuita all'ente dei beni di proprietà di Erg Hydro Srl. Accanto ai delegati della società e ai rappresentanti dell'Amministrazione Comunale è atteso l'assessore regionale alle infrastrutture e lavori pubblici Giuseppe Chianella.

E ancora il ricercatore e studioso Giuseppe Fortunati, membro dell’associazione ViviNarni e autore della gran parte dei materiali che online si trovano sulla figura dell'ingegnere Aldo Netti e sul complesso idroelettrico di Stifone, al centro di una nuova progettualità. In particolare, gli immobili di origine medievale che saranno donati sono quello recentemente ristrutturato e le aree connesse.

Individuato nel cessato Catasto Gregoriano come "Mulino Signorini" e successivamente "Officina Idroelettrica Comunale". Ma anche l’edificio diruto e l'area di corte individuato nel suddetto catasto con la dicitura di "Mulino Comune di Stifone". Gli immobili, utilizzati nelle varie epoche, come mulini, ferriere, centraline idroelettriche sono inseriti nell’Itinerario Turistico delle Gole del Nera.

"In particolare – anticipano dall’Amministrazione Comunale – il Mulino Signorini, già ristrutturato e oggetto di donazione della ERG Hydro, sarà a breve attrezzato per essere il centro vitale e informativo di questa località riscoperta. Vi saranno ospitati il Centro Visite e aule didattiche multimediali idonee a ricevere visitatori e scolaresche". Il fulcro per l’auspicato rilancio dell'antico borgo.

Quanto all'edificio adiacente "sarà il luogo ideale dove riassumere lo sviluppo dell’idroelettrico, raccontando la storia del precursore locale con una mostra permanente a lui dedicata e la messa in opera di una mini-idro che utilizzi, come in passato, la forza idraulica della Sorgente di Stifone, offrendo una visione pratica di come veniva prodotta l’energia elettrica a partire dalla forza idraulica delle sorgenti".

Commenta su Facebook