cultura

"Le Cripte del S. Sepolcro di Acquapendente e del SS. Salvatore al Monte Amiata"

domenica 30 dicembre 2018
di Davide Pompei
"Le Cripte del S. Sepolcro di Acquapendente e del SS. Salvatore al Monte Amiata"

Tra assonanze architettoniche e archetipi stilistici, tra fascino ipogeo e collegamenti storici. È dedicato a "Le Cripte del Santo Sepolcro di Acquapendente e del Santissimo Salvatore al Monte Amiata nell'ambito delle cripte ad oratorium della Tuscia" il nuovo approfondimento bibliografico curato dall'architetto Renzo Chiovelli, già autore tra le altre pubblicazioni del recente "Le mura medievali di Acquapendente nell’ambito della storia delle fortificazioni ed i loro restauri".

Il volume è stato presentato giovedì 27 dicembre nella Sala Capitolare del Museo d'Arte Sacra di Abbadia San Salvatore, nell'ambito degli eventi e delle iniziative volte alla valorizzazione della Via Francigena. Accanto all'autore aquesiano, sono intervenuti Margherita Eichberg, soprintendente per l’archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, don Carlo Prezzolini e Stelvio Mambrini, entrambi storici locali.

Che, dal canto loro, hanno fornito interessanti spunti in vista di studi futuri. Al centro, il confronto fra le suggestive architetture mariane dell'antichissima cripta della senese Abbazia del Santissimo Salvatore al Monte Amiata, fondata intorno al 750, che conobbe il momento di maggiore splendore tra il X e il XII secolo, e quelle della Basilica Concattedrale del Santo Sepolcro che, nel periodo medioevale, era frequentata da pellegrini e crociati diretti a Roma.

Monumentale, la prima – con le sue 35 colonne, di cui 24 (come quelle aquesiane) originali, di forma cilindrica, scanalate, a varie facce o arricchite da originali ornati – è considerata modello e capostipite di numerose cripte romaniche, a sala o ad oratorium, che si estendono sotto le aree presbiteriali della maggior parte delle più belle e importanti chiese romaniche della vicina Tuscia Viterbese, oggetto, già nel 2013 di un interessante convegno di studi.

Organizzato dal Centro di Studi sul Santo Sepolcro, costituito da Parrocchia e Comune di Acquapendente e curato proprio da Renzo Chiovelli. Affiorano, così, inedite considerazioni sulla diffusione e sul riuso di elementi architettonici antichi o altomedievali nelle cripte, dei loro metodi di analisi e di datazione da sottoporre ad ulteriori indagini conoscitive ed opere di valorizzazione per un'auspicata riscoperta culturale, nonché turistica, di veri e propri gioielli spesso misconosciuti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano