cultura

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

giovedì 23 marzo 2017
Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Ippolito Scalza nacque ad Orvieto probabilmente nel 1532, da Francesco muratore; è documentato per la prima volta nel 1554 a servizio della Fabbrica del Duomo come collaboratore di Simone Mosca e Raffaello da Montelupo nella realizzazione della cappella marmorea della Visitazione. Nelle sue prime opere di scultore e architetto è infatti ben ravvisabile l’influsso diretto dei due artisti fiorentini, specialmente del Montelupo che aveva lavorato con Michelangelo a Firenze nella Sagrestia Nova (Tombe Medicee) e a Roma in Castel Sant’Angelo.

Da Michelangelo, Scalza comprese quel metodo compositivo in cui venivano esaltati gli elementi che filtravano l’architettura attraverso una visione scultorea, fatta di drammatiche intersezioni di campi di forza. Nel 1567, alla morte di Raffaello da Montelupo, Scalza rivolgeva un’istanza all’Opera del Duomo per succedergli come capo-maestro, enumerando le proprie qualità e capacità, e affermando di aver già avuto varie proposte di lavoro fuori di Orvieto. Fu allora confermato nell’incarico dalla Fabbrica e lavorò in Duomo per cinquant’anni esatti fino alla morte avvenuta 400 anni fa, nel 1617.

La sua fortuna come scultore è legata alla fama della Pietà, il gruppo marmoreo che scolpì da un monolito nel 1578, e del San Tommaso, la statua dell’apostolo-architetto (1587) che reca le sue sembianze. Ricoprì frequentemente anche cariche pubbliche in Orvieto, da dove non si allontanò mai se non per brevi periodi: a Montepulciano, per la costruzione del duomo, e a Todi per portare a compimento due grandi chiese a pianta centrale, il Tempio della Consolazione e il SS. Crocefisso. Fu anche un ottimo rilevatore e cartografo: frutto di questa sua attività è la stesura di una veduta topografica di Orvieto (1564).

La progettazione e la realizzazione delle opere più impegnative di Ippolito Scalza nel campo dell’architettura civile sono confinate nell’arco di soli 15 anni, tra il 1567 quando iniziarono i lavori per il palazzo Clementini e il 1581, data di riferimento per il palazzo Viscontini di Acquapendente.
Dopo, concentrò con umiltà i suoi impegni a servizio della Cattedrale e della città. Fedele a questo ideale di vita e di professione, Scalza accettò i salari minimi delle pubbliche amministrazioni e i pagamenti spesso in natura di altri committenti, ma soprattutto accettò di buon grado di completare le opere di altri architetti senza stravolgerne l’impronta (Palazzo Marsciano, S. Lorenzo in vineis e Palazzo Monaldeschi, iniziati rispettivamente da Antonio da Sangallo il Giovane, Raffaello da Montelupo e Simone Mosca).

Non vide completati molti suoi progetti: quello per l’interno del Duomo, per la facciata del palazzo Comunale e per tanti altri edifici come il palazzo Clementini o la chiesa dell’Annunziata. Ma in molti suoi interventi effettuati su strutture pre-esistenti, riuscì a integrarle in un’architettura unitaria (palazzi Clementini, Buzi, Caravajal) oppure a rinnovarle, “modernizzandole” con l’uso di stilemi rinascimentali, come nel palazzo Comunale.
Come architetto, Scalza si mantenne coerente a una personale logica compositiva: ai modelli manualistici codificati dalla Maniera preferì il “fare architettura” dall’interno, seguendo in questo la via aperta da Michelangelo: analizzare gli elementi costitutivi dell’ordine architettonico per ricomporli insieme in senso scultoreo, cioè immaginandoli sottoposti a campi di energia che scaturissero dalla massa muraria stessa. Un metodo che fu poi fatto proprio dai grandi architetti del Barocco. Molte sono ancora le incognite da affrontare per comprendere a fondo la personalità di questo grande e misconosciuto artista, a 400 anni dalla sua morte: Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo.

BIBLIOGRAFIA GENERALE
Perali, Pericle, Orvieto. Note storiche di topografia e d'arte dalle origini al 1800, Orvieto 1919, ed. anastatica Roma 1979, pp. 204-237.
Bonelli, Renato, Ippolito Scalza Architetto, in Atti del II Convegno nazionale di Storia dell'Architettura (Assisi, 1-4 ottobre 1937), Roma 1939, pp. 283-296.
Bonelli, Renato, Conclusioni critiche sullo Scalza architetto, in «Bollettino dell'Istituto Storico Artistico Orvietano», IV (1948), n. 1, pp. 1-9.
Satolli, Alberto, Per Ippolito Scalza, Rimini 1993.
Roca De Amicis, Augusto, Ippolito Scalza architetto, in Cambareri, Marietta - Roca De Amicis, Augusto, Ippolito Scalza, Perugia 2002, pp. 81-204.

Fonte: Gruppo FAI Orvieto


Questa notizia è correlata a:

"Giornate FAI di Primavera". Nel segno di Ippolito Scalza, la 25esima edizione

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì