cultura

Ai piedi de "L'Albero della Vita". Spettacolo in San Giovenale, conferenza a Palazzo Simoncelli

giovedì 26 gennaio 2017
di Davide Pompei
Ai piedi de "L'Albero della Vita". Spettacolo in San Giovenale, conferenza a Palazzo Simoncelli

Il recupero della teatralità medioevale nei luoghi deputati, compresi quelli cittadini che le sono propri. Come la Chiesa di San Giovenale e le sue più significative adiacenze che, già nel XII-XV secolo, hanno visto sorgere uno dei maggiori fenomeni appartenenti alla drammaturgia delle origini. Ovvero, le forme della Lauda, della Sacra Rappresentazione e del Mistero o Moralità, condivise da Orvieto nella stessa epoca con Assisi, Perugia e Todi, fino allo sviluppo del Teatro Italiano ed Europeo. La rinascita di un genere muove dal desiderio di attivare sulla Rupe un percorso in grado di ridare un senso contemporaneo a forme espressive considerate obsolete.

Passa per la rievocazione di atmosfere. E, ancora una volta, trova nel quartiere più antico della città, terreno fecondo. Vi affonderà le radici "L'Albero della Vita. Tree of Life", la sacra rappresentazione promossa in collaborazione con il Comitato della Parrocchia di San Giovenale dal collaudato sodalizio Kaminateatro e Studio d'Arte Fede e Storia, avviato anni fa dall'incontro tra John Skillen – sua, la supervisione culturale e artistica – e l'attore Andrea Brugnera, intorno al progetto internazionale "Laude in Urbis. La Sacra Rappresentazione nel XX Secolo", diretto dalla regista newyorkese Karin Coonrod proprio nel quartiere di San Giovenale.

L'eredità di questa esperienza, unita alla preziosa presenza di Mara Nerbano, studiosa e autrice di opere fondamentali sul dramma sacro, ha portato attori, registi, specialisti della cultura medioevale-rinascimentale, fedeli e semplici cittadini a riunirsi intorno a un'importante ricerca che "sussiste nel tempo, nonostante ogni avversa condizione". Così, dopo la creazione di "The Harrowing of Hell – La discesa di Cristo all'Inferno" del 2014 e "Giobbe o la tortura dagli amici", realizzato giusto un anno fa, è in arrivo la terza produzione. Oltre trenta, i partecipanti.

Triplice, l'appuntamento: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio, alle 21, nella Chiesa di San Giovenale. E ancora sabato 4 febbraio alle 19, con la rappresentazione sacra preceduta dalla conferenza con ricevimento sul tema "La Chiesa di San Giovenale come luogo teatrale: testi, iconografia e prospettive interpretative" attesa alle 17 al civico 22 di Via Malabranca, con Palazzo Simoncelli a far da cornice alle parole di Mara Nerbano, che ha curato la consulenza drammaturgica e che illustrerà il profilo storico della lauda orvietana.

Parti della lauda e delle didascalie descrittive sono state elaborate dal suo magistrale libro "Il teatro della devozione: confraternite e spettacolo nell'Umbria medioevale", pubblicato nel 2006. "Quest'ultima nostra fatica – anticipa Andrea Brugnera, responsabile della messa in scena – si pone come un richiamo e una volontà di restituire alla città che ci ospita la sua anima più antica: quella che sorge dalla lauda e dalla tradizione popolare, ad essa da sempre spiritualmente legata. Il Laudario Orvietano contiene una laude appositamente creata e dedicata all'Albero della Vita, dipinto all'ingresso principale della Chiesa di San Giovenale.

Questo dramma fu scritto probabilmente da un religioso per poi essere interpretato dalla locale confraternita. La lauda, che in origine doveva essere cantata - espressione a carattere polifonico di poesia a più voci - era verosimilmente eseguita in una forma realistica che riproponeva le figure medesime dell'affresco: il Messia come frutto dell'Albero della Croce, la Vergine implorante per i peccatori, Giovanni il discepolo affranto ai piedi del legno, gli Apostoli come innumeri rami proferenti ciascuno un verso del Credo; le Virtù Teologali, infine, annunzianti la Grazia e il Perdono.

Seguendo le tracce di questo piccolo capolavoro, ne abbiamo fatto una trasposizione in quadri, stazioni didascaliche e interventi musicali-canori, traducendo l'antico linguaggio in una misura più comprensibile all'auditore contemporaneo, ma serbando metrica, assonanze, e suggestioni dell'opera originale. Un 'restauro' che ha inteso mantenere intatte le parti più autentiche del manoscritto grazie a una rispettosa – per quanto possibile – restituzione al 'presente'.

La nostra ricerca, inoltre, tiene conto della presenza dell’affresco come un raro monumento narrante. Essa trova una sua ulteriore ragione in quella che doveva essere nella teatralità medioevale l’interazione continua fra dramma e pittura, fra corpus vivente e corpus immaginario, fra scrittura tramandata e comunità in ascolto. A partire dal X secolo in Europa, la drammatizzazione della liturgia vive un doppio rapporto con le arti figurative: a volte plasmandole, altre lasciandosi plasmare. Il dramma sacro, in Occidente, sorge come forma per visualizzare il Nuovo Testamento e lo narra. È da questa straordinaria narrazione che nasce l'intreccio storico fra scrittura, liturgia e spettacolo".

Per ulteriori informazioni:
0763.340162 – kaminateatro@gmail.com

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

"Alviano, un castello da favola" tra proposte didattiche ed animazioni in costume

Quale venticinque aprile?

Oltre 250 persone alla presentazione del libro "Erminia Frezzolini. La signora della lirica"

Otto nuovi campioni regionali al Trofeo Arcobaleno Fidal

Premio Letterario Città di Lugnano, ecco i nomi che compongono la giuria

Numero Umbria Sanità, per abbattere le barriere tra il sistema sanitario e i cittadini

Arte in movimento al Colle del Duomo, visite guidate a passo di danza

Marini scrive a Ruggiano: "25 aprile da celebrare tutti uniti"

Gli ex sindaci di Todi scrivono al loro successore: "Riveda la sua posizione"

"Manciano Street Music Festival", dal 7 al 10 giugno l'edizione 2018

Problemi sulla Direttissima, pendolari dirottati sulla linea Lenta

Il messaggio dell'Amministrazione Comunale: "Viva il 25 Aprile, viva la Libertà"

Protocollo tra Comune e Unipg per studiare le proprietà cosmetiche e salutari delle argille

La Vetrya Orvieto Basket si aggiudica Gara 1 di Semifinale

La Biblioteca fiorisce di iniziative per "Il Maggio dei Libri 2018"

Orvieto accoglie i partecipanti de "La Carrareccia Liberata"

Piazza del Popolo, Piazza Vivaria e Piazza Corsica, ecco cosa cambia

Anche ad Orvieto arriva la Carta d'Identità Elettronica

Messa in sicurezza del muro, divieto di sosta in Via Cesare Nebbia

Presentato "Metamorfosi 2. Riciclo Creativo", un sogno di carta che si fa solidale

Ballata alla maniera di Faber

Zambelli Orvieto, una debuttante che comincia a fare paura

Caccia in Umbria, ecco la proposta di Calendario Venatorio 2018/2019 preadottata

"Italia Nostra invita la Soprintendenza umbra a formulare un parere che salvaguardi Orvieto"

Seconda edizione per "Orvieto a tutta birra". In Piazza del Popolo, la Festa della Birra Artigianale

Torna "Il Cantamaggio" a Ciconia, ecco come cambia la viabilità

Modifiche alla viabilità, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Colpo di scena in Consiglio Comunale. Loriana Stella dimissionaria

Patto di amicizia fra Orvieto e Pesaro nel segno di Padre Gianfranco Maria Chiti

"Tentazioni", personale di pittura di Ioan Pascu al Centro Studi "Città di Orvieto"

Sei nuovi ingegneri "junior" dal Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto

"Voci del Sacro". Sabato 24 aprile a Guardea la "Passio secondum Joannem"

In difesa del Tribunale di Orvieto: interrogazione Belcapo in Consiglio. Barberani: "L'aria che tira non è incoraggiante"

Interrogazione Gialletti sulla disciplina transitoria riguardante gli allietamenti: "Tutti devono attenersi a delle regole". Il Sindaco: "a molti sfugge la distinzione tra allietamento ed intrattenimento"

"La scultura lignea in Italia, in Umbria e nella Diocesi". Sabato 24 aprile seminario a cura della associazione "Pietre Vive"

Episodi di vandalismo, a matrice politica e non, compiuti nel territorio comunale. Rosmini: "deplorevoli e frutto di stupidità"

Ancora su Commercio e Turismo. Chi discrimina chi?

Anas, i diserbanti utilizzati sulle strade di competenza non sono dannosi né per l'uomo né per l'ambiente

Effetto Stella: entra in Consiglio Cecilia Stopponi

Vicenda Grinta Srl. Tutto rimandato a fine maggio, l'azienda ha tempo un mese per trovare soluzioni concrete

"Dalla traccia alla prova. Il contributo dei RIS all'attività della Polizia Giudiziaria e della Magistratura": Fabro incontra i suoi illustri cittadini

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Guido Scorza: "L’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

Il Gala perde e attende l'ultimo impegno. In arrivo il 1° Torneo Gala5

I legali degli indagati all'opera per il dissequestro: "in regola i permessi per costruire"

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

Viabilità, sicurezza e servizi all'area residenziale ed industriale di Bardano, respinta in Consiglio la mozione del Gruppo Misto

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto: laureati altri otto ingegneri "junior"

Istituite forme di previdenza e assistenza complementare per il personale della Polizia Municipale

Il Comune di Orvieto aderisce alla Carta Europea per l'uguaglianza e le parità fra donne e uomini nella vita locale

Paolo Trippini scelto per concorrere al premio "Miglior Chef del Centro Italia"

Vauro e la Rai, tra nuovi partigiani e vecchi regimi

Le cave si stanno mangiando il bel Paese. Un contributo alla Settimana della Cultura

1600 euro i fondi raccolti dai Giovani Democratici per l'Abruzzo

25 aprile: "E' una ricorrenza di tutti, festeggiamola insieme". Molte le iniziative a Orvieto e nel Comprensorio

A Castelviscardo incontro tra Fausto Ermini e Massimo Tiracorrendo

A San Venanzo intitolazione della Biblioteca Comunale a Stefano Millesimi. Mostra personale di pittura dell'artista

Passeggiata ecologica a San Venanzo

La Sapienza intitola a Sante De Sanctis l'aula magna delle facoltà di Psicologia

A Montegabbione incontro su "La battaglia dimenticata". Pomeriggio sportivo con la cronoscalata Faiolo-Montegabbione

Ad Orvieto in mostra le opere di Paolo Antonini

"Un Canto per la Vita". Al Palazzo dei Congressi la Corale Polifonica della Cattedrale di Orvieto

25-26 aprile sull'altopiano dell'Alfina manifestazione di aeromodellismo

Partito da Orvieto il VII Giro Podistico dell'Umbria sotto il maltempo