cultura

Arte, storia e fede a San Giovenale. Presentato il restauro della chiesa più antica di Orvieto

domenica 19 ottobre 2014
di Davide Pompei
Arte, storia e fede a San Giovenale. Presentato il restauro della chiesa più antica di Orvieto

"Uno scrigno dell'arte del XIV secolo, carico di storia e ricco di fede. Componenti che non vanno mai scisse, ma armoniosamente tenute insieme. Grazie a tutti coloro che, in forme e con competenze diverse, hanno restituito questo gioiello alla città, in concomitanza con il biennio giubilare che sta per concludersi. La comunità parrocchiale di San Giovenale, per un lungo periodo, è stata privata della bellezza di questa aula celebrativa. Il suo recupero è stato delicato e ampio, ma ce l'ha riconsegnata in ottimo stato. Gli adeguamenti all'area del presbiterio, con la rimozione di due balaustre, e dell'ambone dove si celebra il mistero eucaristico tengono conto della nuova sensibilità che il Concilio ha restituito attraverso una maggiore partecipazione tra celebrante e assemblea. A Orvieto spetta ora il compito di mantenere e custodire un simile patrimonio".

Ha esordito così, il vescovo Benedetto Tuzia in occasione dell'annunciata presentazione dei lavori di restauro artistico e architettonico della Chiesa di San Giovenale, tenutasi venerdì 17 ottobre - alla presenza, tra gli altri, del parroco don Enrico Bartoccini, che ha affidato il suo saluto a una benedizione, e don Danilo Innocenzi, il primo a celebrare messa nei locali rinnovati in occasione della festività di Sant'Antonio - e seguita dall'originale iniziativa di recupero della memoria promossa dall'omonimo Comitato festeggiamenti, che ha raccolto ricordi, foto e racconti legati a quella che è la chiesa più antica della città.

"Dopo la ricollocazione della statua di San Michele Arcangelo sulla facciata del Duomo e l'inaugurazione del Giardino dei Lettori nella Nuova Biblioteca Pubblica 'Luigi Fumi' – ha fatto eco il sindaco Giuseppe Germaniapponiamo un altro prezioso tassello nel percorso di valorizzazione delle bellezze cittadine. Il ringraziamento va alle maestranze, ai tecnici e a tutti coloro che stanno lavorando per Orvieto. È un grande momento. Ridiamo a questa chiesa lo splendore che merita, anche attraverso il progetto di realizzazione del limitrofo Orto Medievale che confidiamo possa vedere luce quanto prima. Per chi ci vive e per chi vi arriva. L'aumento del 21% delle presenze turistiche è merito anche di una città che lavora e che lascia una sensazione in chi la visita".

"Sono stupito – ha ammesso il soprintendente ai beni storici artistici Fabio De Chiriconel riscoprire l'incredibile architettura di questa torre quasi militare che accoglie i fedeli, devoti al culto di San Giovenale, i cui luoghi sono prospicienti mura e fossati. Qui, si ripercorre la storia architettonica e pittorica di Orvieto. Siamo di fronte a un manuale di storia dell'arte illustrato, un museo liturgico aperto dove si racconta la storia della fede attraverso l'arte. L'intervento finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il fondo otto per mille dell’Irpef devoluto dai cittadini alla diretta gestione statale per l’anno 2007 sotto la direzione della Soprintendenza, è durato oltre tre anni. Ma ha permesso di scoprire importanti brani di affresco fino a ieri celati e donare, nella restituzione al culto di questo luogo, un nuovo assetto alla zona presbiteriale. Lavoriamo adesso per vigilare e mantenere. I cittadini non sono solo fruitori, ma anche custodi di questo bene per il quale d'ora in poi inizia una nuova storia da raccontare".

Nel merito dei lavori di restauro architettonico è entrata l'architetto Valeriana Mazzasette della Soprintendenza ai Beni Architettonici dell’Umbria. "Il primo progetto di restauro – ha ripercorso – nasce nel 2007. Da sopralluoghi e verifiche conservative è presto emersa la necessità di una nuova distribuzione spaziale. La volta centrale e i pilastri circolari presentavano le maggiori criticità legate soprattutto alla presenza di umidità. È stata, quindi, necessaria una serie di interventi propedeutici e complementari, con iniezioni, ripristino delle cerchiature metalliche e interventi strutturali sulle volte a crociera della navata destra dove erano evidenti deformazioni e distacchi. Si è intervenuti per riparare e risarcire lesioni, procedendo al completamento degli intonaci. E poi le colonne del presbiterio e la cappella del sacramento. Interventi di manutenzione straordinaria sono stati indirizzati a trovare le cause dell'alto tasso igrometrico del manufatto. In particolare, la scarsa esposizione all'irraggiamento solare e l'inefficienza dello smaltimento delle acque piovane, il cui ruscellamento è frenato dalla porosità dei blocchi di tufo. Per mitigare questi fenomeni, è stato previsto anche un impianto di riscaldamento a pavimento, collocando una serie di pannelli a secco. Nel monitoraggio microclimatico e igrometrico, si andrà verso una correzione graduale della temperatura ideale per il mantenimento degli affreschi. Completato anche l'impianto elettrico sulla base del progetto di illuminotecnica curato dall'architetto Ferruccio Della Fina".

Altrettanto dettagliata, la relazione di Margherita Romano della Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici nell'illustrare gli interventi effettuati sugli affreschi, avvalendosi della documentazione fotografica realizzata da Massimo Achilli. "Già nel 1632 – ha spiegato – l'allora priore descriveva l'urgenza di conservazione del soffitto e del campanile. Nel tempo, San Giovenale ha subito gravi amputazioni con i bombardamenti della guerra. È del 1948 il restauro del tetto, della parte terminale delle murature e probabilmente anche della cappella delle storie cristologiche con i fondi azzurri trasformati in malachite. Grigiore diffuso, colature di cera e sporcizia nel basamento danneggiavano invece l'altare maggiore mentre da molti affreschi erano stati asportati i volti. Mancante quello dell'angelo nell'Annunciazione ed asportato perfino quello di San Giovenale. È stata ricollocata una piccola vetrata e scoperta una croce in una nicchia. Nel 1926 vennero staccati gli affreschi vicino alla porta e ricoverati nei locali dell'Opera del Duomo. San Leonardo abraso ha recuperato incisività. Interessante, la presenza di un'edicola parallela a quella esistente appartenente a due famiglie di Orvieto molto importanti. Grandi assenze, la pala del 1495-7 ora conservata presso l'Opera del Duomo e il portale creato nel 1497 che favorisce l'ingresso laterale a scapito di quello centrale".

A fronte dei 470.000 euro complessivi investiti, rimane la volontà di promuovere un bene inserito nell'itinerario preposto alla valorizzazione di edifici di culto, realizzato dall'associazione "Pietre Vive" sotto il coordinamento di Giovanna Bandinu dell'Ufficio beni culturali della Diocesi. Per l'occasione è stata prodotta anche una nuova mini-guida che accompagna la visita alla chiesa di San Giovenale – aperta tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 – censendo una sessantina di elementi e decori su cui porgere l'attenzione nell'osservare un simile gioiello tornato a brillare.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dell’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia d’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica l’intenzione di avviare l’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano

Meteo

mercoledì 21 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.3ºC 91% buona direzione vento
15:00 3.1ºC 86% buona direzione vento
21:00 1.3ºC 94% buona direzione vento
giovedì 22 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 4.1ºC 93% buona direzione vento
15:00 5.6ºC 91% buona direzione vento
21:00 3.3ºC 96% discreta direzione vento
venerdì 23 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.4ºC 93% buona direzione vento
15:00 5.1ºC 94% discreta direzione vento
21:00 4.2ºC 96% discreta direzione vento
sabato 24 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.1ºC 95% buona direzione vento
15:00 8.7ºC 90% buona direzione vento
21:00 5.0ºC 94% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni