cultura

Al Liceo d'Arte concluso il concorso "Non la bevo". Premiati gli elaborati degli studenti

giovedì 12 gennaio 2012
Al Liceo d'Arte concluso il concorso "Non la bevo". Premiati gli elaborati degli studenti

Presso l'aula magna del Liceo Artistico si è svolta nei giorni scorsi, la premiazione dei vincitori del concorso "NON LA BEVO", incentrato sul problema del rapporto giovani / droghe e l'alcool.

Iniziativa promossa dalla Prof.ssa Irene Nicolosi insegnante di Discipline Plastiche, che ha ritenuto utile far riflettere i ragazzi su una problematica di così alto rilievo e ha teso sensibilizzare attraverso la realizzazione di tale progetto l'opinione pubblica tutta.

Nel messaggio rivolto agli studenti il dirigente scolastico Prof. Mario Gaudino ha evidenziato i pericoli impliciti nell'accettare quello gli altri vogliono dare ad intendere, rimarcando l'importanza di resistere alle pressioni sociali che spesso inducono i giovani a servirsi di additivi chimici per divertirsi e opporsi a quei messaggi pubblicitari che li invogliano a "consumare bevande miracolose" che aumenterebbero prestazioni a vari livelli.

La commissione giudicatrice composta dal personale dell'azienda grafica pubblicitaria GAP 360°di Orvieto ha selezionato i seguenti migliori elaborati:
1° classificato - Elia Corsi di Orvieto, classe 5° B (Composizione e Progettazione);
2° classificato - Martina Bellisario di Orvieto, classe 4° C (Beni Culturali e Conservazione);
3° classificato - Eleonora Formiconi di Orvieto, classe 4° B (Composizione e Progettazione);
Per l'originalità l'elaborato di Raffaella Guerrini di Chiusi, classe 5° B (Composizione e Progettazione).

Gli elaborati sono in mostra presso la sede attuale dell'Istituto presso la palazzina di comando dell'ex Caserma Piave, piazza Cahen) durante le prossime giornate della "scuola aperta": 15 - 28 - 29 Gennaio.

(foto Alessia Mariani 1A Liceo d'Arte Orvieto)


Questa notizia è correlata a:

Una vetrata artistica per il palazzo dell'Opera del Duomo. Al lavoro i ragazzi del Liceo d'Arte

Commenta su Facebook