cultura

Venti Ascensionali: Cap Arcona, spettacolo teatrale su una cruenta tragedia ignorata dalla storia

mercoledì 24 gennaio 2007
Venti Ascensionali termina l'edizione 2006- 2007 dedicando due eventi al Giorno della Memoria: venerdì 26 e sabato 27 gennaio, per il ciclo Migrazioni fra musica e teatro, di nuovo una prima nazionale, CAP ARCONA, e sabato 27 gennaio due proiezioni del DVD di Ambra Laurenzi LE ROSE DI RAVENSBRÜCK. CAP ARCONA con ELISABETTA SPALLACCIA Ideazione e Regia FELIZITAS SCHEICH Con la partecipazione di LESTER BENESCH e la voce di LINDA WILLIAM’S Sala del Carmine ore 21.00 Prenotazioni consigliate: 0763/ 341265 La storia di Cap Arcona è una di quelle storie che non molti conoscono, il silenzio è calato pesantemente su quel tragico giorno del 3 maggio 1945. Hitler si era suicidato, la Germania era ormai capitolata e Himmler aveva dato l’ordine di caricare i prigionieri dei lager della zona di Amburgo sopra tre navi per non farli trovare vivi agli alleati. Una di queste tre navi era la Cap Arcona, una lussuosa nave da crociera, le altre due erano dei mercantili. La navi furono fatte salpare con a bordo 7.500 persone. La Raf, per ragioni tutt’ora inspiegate, bombardò massicciamente tutte e tre le navi, sulle quali, sostengono alcuni, erano issate le bandiere bianche, i sopravvissuti furono pochissimi: per sopravvivere i prigionieri si gettarono in acqua, ma neanche per loro vi fu scampo alcuno, l’aviazione cominciò a colpire con i mitra senza pietà alcuna. I libri di storia non parlano di quell’orrendo massacro, l’Inghilterra non ha mai ammesso le proprie colpe. “Quello che mi ha colpito di questa tragedia - afferma la regista Felizitas Scheich - è il paradosso estremo: i prigionieri, che si trovavano su questa nave di lusso, non avevano assolutamente nulla, né da mangiare né da bere e, per di più quelli che avrebbero dovuto liberarli, si rivelano come loro carnefici”. Ancora una volta il teatro scava nella storia, rimette insieme tasselli dimenticati, ricostruisce per restituire alla memoria. L’attrice protagonista racconta questa storia incarnando quattro testimoni diretti e indiretti di una delle tragedie navali più spaventose mai avvenute. “Non è stato facile reperire il materiale perché gran parte della documentazione è stata fatta sparire - continua Felizitas Scheich - Le testimonianze più cospicue fanno riferimento alla Francia, perché molti di quei prigionieri erano di nazionalità francese.” . Per quelle vittime nessuna commemorazione, nessuna lapide, molti vennero sepolti alla meno peggio lungo la spiaggia, a nulla sono valse le richieste del comitato dei sopravvissuti. Pesanti le responsabilità della stessa popolazione tedesca che non fece nulla per aiutare quegli innocenti e che ha voluto dimenticare come hanno voluto dimenticare i governi di allora, quello inglese e la successiva democrazia tedesca, che pur avendo agito pesantemente sui responsabili del genocidio non è in alcun modo intervenuta per far luce su questa triste vicenda ed affidare i colpevoli almeno alla storia. Lo spettacolo si chiude dunque con una domanda: perché? Quale il motivo di un tale inutile massacro? Perché, poi, anche la cancellazione della memoria? E una riflessione aleggia anche in merito a quest’ultimo punto: la memoria, quella memoria che si va perdendo perché ormai sono rimasti in pochi a poter raccontare ancora dell’orrore dei lager nazisti, la memoria che dev’essere preservata e passata come testimone di generazione in generazione affinchè, realmente, si possa continuare a dire: “Mai più Auscwitz!”.

Questa notizia è correlata a:

27 gennaio 2007 - Orvieto celebra il Giorno della Memoria

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 maggio

TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

Con Italia Nostra, nei luoghi etruschi e templari tra Bardano e Rocca Ripesena

Bagno di folla ad Acquapendente per i Pugnaloni. Al Gruppo Sant'Anna, l'edizione 2017

Bocciato dal Tar il bando sulla gestione dei servizi dei parcheggi. Minoranza: "Ennesima figuraccia della Giunta Germani"

Unitre, eletto il nuovo direttivo. Alla prima riunione, la formalizzazione degli incarichi

Palermo chiama Italia...e il "Dalla Chiesa" risponde: "Presente!"

La Scuola Primaria di Orvieto Scalo festeggia...al sicuro

Dedicata delicata

Parte a ottobre la terza edizione di Master Luce in comunicazione territoriale per lo sviluppo turistico

"Todi Fiorita", si chiude nella luce e nella musica l'edizione 2017

Settima edizione per "Venerdì Orvietani in Ostetricia e Ginecologia"

Giardino, una sera

"Armonie Solidali". In scena al Teatro Boni uno spettacolo musicale di beneficenza

Due giorni di appuntamenti a Torre Alfina nel nome di San Bernardino

La radioattività naturale dell'Umbria: presentato lo studio della Regione e dell'Istituto nazionale di fisica nucleare

Servizi scolastici di mensa e trasporto. Aperte le richieste per il nuovo anno 2017/2018

Nuovo dirigente alla Squadra Mobile di Terni, arriva il commissario capo Davide Caldarozzi

Riconoscimento nazionale per Francesco Barberini. La LIPU premia l'aspirante ornitologo

I due finalisti di AmaTeatro 2017. Ad autunno le finali al Mancinelli

Edilizia: mobilitazione dei lavoratori umbri per pensioni, lavoro, contratto e ricostruzione

Delegazione cinese in visita alla Provincia. Incontro su istituzioni, trasparenza e controlli

Università USA al Centro Studi: il console generale saluta l'avvio della Summer School

Al Palazzo dei Sette va in mostra la "Pittura Ermeneutica" di Pier Augusto Breccia

Nove giorni di dolci tentazioni con I Gelati d'Italia 2017

"Lea Pacini ed il Corteo Storico: quando a Orvieto sfila la Storia", tutti i premiati

In archivio la sesta "Giornata dello Sport". Basket, tennis, pallavolo e calcio per gli alunni della scuola primaria

Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

"San Sebastiano in Festa", seconda edizione. Cultura, enogastronomia e Palio del Carciofo

La scuola Giovanni XXIII di Fabro tra i premiati regionali del concorso "Play Energy Enel"

Tre giorni per visitare e conoscere i Nidi Comunali

Corso di compostaggio domestico a Sferracavallo promosso da Cosp Tecno Service e Comune

L'Asds Majorana va alla scoperta dei sentieri dislocati intorno al Castello di Corbara

Nella Sala delle Muse di Palazzo Corgna, apre la mostra "Mia"

Gli alunni dello Scientifico devolvono alla Chianelli il premio di "Lettura Dantesca"

La Azzurra Orvieto e coach Romano ancora insieme

Morto in Ospedale, medici prosciolti

“Vanno bene i campi di calcio, ma almeno pulite le aree per bambini”

"Ludi alla Fortezza", svelato il programma. Tre giorni a tutto Medioevo

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni