cronaca

Viabilità, dal 15 novembre scattano regole e obblighi per la circolazione stradale

lunedì 5 novembre 2018
Viabilità, dal 15 novembre scattano regole e obblighi per la circolazione stradale

Scatterà giovedì 15 novembre 2018 e durerà fino a lunedì 15 aprile 2019, l’obbligo di viaggiare su strada muniti di pneumatici invernali od avere a bordo catene da neve o altri mezzi antisdrucciolevoli idonei ad affrontare adeguatamente e nel rispetto della normativa vigente, le eventuali condizioni di ghiaccio o neve. Lo stabilisce, come ogni anno, il servizio viabilità della Provincia di Terni con un’ordinanza emessa dalla dirigente Donatella Venti valida su tutte le strade regionali (ex statali) e provinciali di competenza dell’ente.

L’ordinanza riguarda tutte le situazioni in cui le basse temperature invernali possano creare condizioni di viabilità tali da non garantire la sicurezza senza il rispetto delle leggi vigenti. In queste situazioni i veicoli in transito sulle strade, se sprovvisti di pneumatici invernali, di catene a bordo o di altri mezzi antisdrucciolevoli, possono determinare ingombro o causare blocchi alla circolazione veicolare rendendo difficile gli interventi di eventuali mezzi di soccorso, di pubblica utilità, di sgombero neve o di spargimento di sale. L’ordinanza prevede anche che i ciclomotori a due ruote, i motocicli e i velocipedi possano circolare sulle strade solo in assenza di neve, ghiaccio o fenomeni nevosi in corso.

Gli pneumatici invernali che devono essere impiegati sono quelli  conformi alla Direttiva Comunitaria 92/23/CEE del Consiglio delle Comunità Europee, e successive modifiche, ovvero quelli che rispettano il corrispondente regolamento UNECE muniti del previsto marchio di omologazione. I mezzi antisdrucciolevoli impiegabili in alternativa ai pneumatici invernali sono invece quelli di cui al Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 10 maggio 2011.

Sono ammessi quelli rispondenti alla ONORM V5119 per i veicoli delle categorie M,N e O superiori, così come è fatto salvo l’impiego dei dispositivi già in dotazione, purché rispondenti a quanto previsto dal Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 13 marzo 2002-Norme concernenti le catene da neve destinate all’impiego su veicoli della categoria M1.

I dispositivi antisdrucciolevoli da tenere a bordo devono essere compatibili con gli pneumatici del veicolo su cui devono essere installati e, in caso di impiego,devono essere seguite le istruzioni di installazione fornite dai costruttori del veicolo e del dispositivo. Allo scopo di evitare interpretazioni non uniformi circa l’impiego dei mezzi antisdrucciolevoli, si chiarisce che i medesimi devono essere montati almeno sulle ruote degli assi motori.

Nel caso di impiego di pneumatici invernali sui veicoli delle categorie M1 e N1, se ne raccomanda l’installazione su tutte le ruote al fine di conseguire  condizioni uniformi di aderenza sul fondo stradale. Nel caso di impiego di pneumatici chiodati, limitatamente alla marcia su ghiaccio,sui veicoli di categoria M1,N1 e O1,l’installazione deve riguardare tutte le ruote, anche in coerenza con la Circolare n.58/71 prot. n.557/2174/D del 22/10/1971,emanata dal Ministro dei Trasporti e dell’Aviazione Civile. Tutti i conducenti di veicoli devono rispettare ogni misura precauzionale in caso di precipitazioni nevose che alterino le normali condizioni delle strade al fine di non provocare situazioni di pericolo o intralcio alla circolazione, salvaguardando la sicurezza stradale.

Gli automobilisti in transito sulle strade provinciali e regionali devono osservare prudenza nella guida, in particolare in caso di condizioni metereologiche avverse, con riguardo alla regolazione della velocità in relazione allo stato del veicolo, alle caratteristiche e alle condizioni delle strade anzidette e del traffico e ad ogni altra circostanza di qualsiasi natura, affinché sia evitato ogni pericolo  per la sicurezza delle persone e delle cose ed ogni altra causa di disordine per la circolazione. Gli stessi automobilisti devono inoltre accertarsi, prima di mettersi in viaggio, dello stato di transitabilità delle strade e dei limiti di percorribilità, tramite i normali mezzi d’informazione. I conducenti di mezzi a motore non devono abbandonare il proprio veicolo in posizioni che possano costituire pericolo o intralcio ai mezzi di soccorso, ai mezzi spazzaneve e per ogni altro utente della strada. L’ordinanza della Provincia interessa un totale di oltre 800 chilometri di strade fra provinciali e regionali.

Elenco Strade

 

 

 

 


Questa notizia è correlata a:

Via al rifacimento delle strisce per il carico/scarico merci

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore