costume

La (non)tradizione del Carnevale orvietano

venerdì 24 febbraio 2006
di Davide Pompei
Iniziato lo scorso 17 gennaio, il Carnevale 2006 termina il 28 febbraio. Sebbene i suoi festeggiamenti non rientrino in una tradizione particolarmente radicata sul territorio umbro, un po’ in tutta la regione č possibile trovare manifestazioni con sfilate di carri allegorici, esibizione di maschere e costumi tipici. Nella provincia di Terni, le iniziative piů colorate sono quelle di Montecastrilli e Guardea nelle ultime due domeniche di Carnevale, ma anche a Foligno in localitŕ S. Eraclio e Acquasparta. Il 26 Febbraio, poi, la piazza di Cittŕ di Castello diventa un teatro all’aperto con maschere, giochi e musica. Insomma coriandoli a volontŕ e sfiziosissimi dolci: gli struffoli perugini, carichi di miele, zucchero e frutta candita, le piů comuni frittelle ed ovviamente frappe e castagnole. Altra tipica ricetta umbra (erroneamente considerata abruzzese) č la cicerchiata, realizzata con palline di pasta avvolte nel miele profumato all’arancia, il tutto guarnito con canditi e confetti. Lontano dagli sfarzi veneziani o dai caotici carri di Viareggio, il Carnevale sulla Rupe ha ben poco dei colori di Rio. Esistono piccole iniziative, qua e lŕ, come le feste per i bambini o le cene danzanti organizzate dalla Croce Rossa, ma nella maggioranza dei casi i festeggiamenti si svolgono in modo privato, in casa o nelle scuole. La non-tradizione carnevalesca, o meglio l’abitudine a non festeggiare eccessivamente il Carnevale ad Orvieto, probabilmente č un retaggio culturale proveniente dalla storia della nostra cittŕ. Fu il nobile Podestŕ Pietro Parenzo, nel lontano febbraio 1199, forte dell’appoggio di Papa Innocenzo III, a cominciare la sua lotta all’eresia abolendo, tra le altre cose, i giochi di Carnevale, che troppo spesso finivano nel sangue. Molti infatti erano quelli che, avvolti nella notte e celati da ingannevoli maschere, consumavano le piů atroci barbarie. Per questa ragione, il primo giorno di Quaresima scoppiň una sommossa di protesta per rivendicare i divertimenti negati. Nel tardo medioevo il travestimento e le maschere erano assai diffusi nei carnevali urbani, e specialmente nelle corti, dove assumevano un significato poetico. L’utilizzo della maschera tende ad esorcizzare e schernire figure gerarchiche, caricando vizi e difetti degli uomini, rinegoziandone l’identitŕ. L’origine latina del termine Carnevale ha come concetto la privazione della carne e designa i giorni che precedono la Quaresima, il principale periodo di penitenza del cristianesimo. Le sue origini, perň, affondano le radici nelle antiche usanze pagane come i saturnali e i lupercali. Dopo i tentativi di cristianizzazione a opera di moralizzatori come il Savonarola, sia la Controriforma, sia le Chiese cercheranno di sopprimere questa festa decisamente troppo pagana. Durante i secoli, il Carnevale, ha stimolato la nascita di celebrazioni in forma di combattimento rituale, in cui venivano evidenziate le lotte fra varie parti di una stessa cittŕ (quartieri e rioni, come ancor oggi avviene ad esempio nella celebre battaglia delle arance di Ivrea), o fra classi sociali diverse dei cittadini. Cosě durante l’antico Carnevale prendevano piede battaglie fra circoscrizioni cittadine in cui i gruppi provenienti da tutta la popolazione si affrontavano a colpi di sassi e bastoni, oggi sostituiti da manganelli di plastica. Fra i nobili si organizzavano giochi di origine cortese dov’era importante dimostrare la propria prodezza nell’utilizzo delle armi. Insomma, epurato di tanti vincoli storici, il Carnevale resta un’esplosione di colori, di gioia e “di lecita follia”. Prima che le Winx vincessero sulle damine, che i lottatori di wrestling mettessero a tappeto il caro vecchio Arlecchino e che la schiuma soppiantasse le stelle filanti, il Carnevale aveva un altro sapore. Non occorre una pregiata sartoria teatrale dove affittare ingombranti costumi settecenteschi, il bello del Carnevale č quello di frugare tra i vecchi vestiti di mamma e papŕ, tuffarsi in un baule ed uscirne vestito da cow-boy o da fata. Farsi un costume da soli, grandi e piccini insieme, č un gioco divertente ricco di creativitŕ. Stoffe povere e carte semplici possono ancora trasformare un bambino in Zorro. Perché perdere questa bella abitudine?

Un Carnevale di molti anni fa nei ricordi di Zaira Marchesini

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio