costume

La (non)tradizione del Carnevale orvietano

venerdì 24 febbraio 2006
di Davide Pompei
Iniziato lo scorso 17 gennaio, il Carnevale 2006 termina il 28 febbraio. Sebbene i suoi festeggiamenti non rientrino in una tradizione particolarmente radicata sul territorio umbro, un po’ in tutta la regione è possibile trovare manifestazioni con sfilate di carri allegorici, esibizione di maschere e costumi tipici. Nella provincia di Terni, le iniziative più colorate sono quelle di Montecastrilli e Guardea nelle ultime due domeniche di Carnevale, ma anche a Foligno in località S. Eraclio e Acquasparta. Il 26 Febbraio, poi, la piazza di Città di Castello diventa un teatro all’aperto con maschere, giochi e musica. Insomma coriandoli a volontà e sfiziosissimi dolci: gli struffoli perugini, carichi di miele, zucchero e frutta candita, le più comuni frittelle ed ovviamente frappe e castagnole. Altra tipica ricetta umbra (erroneamente considerata abruzzese) è la cicerchiata, realizzata con palline di pasta avvolte nel miele profumato all’arancia, il tutto guarnito con canditi e confetti. Lontano dagli sfarzi veneziani o dai caotici carri di Viareggio, il Carnevale sulla Rupe ha ben poco dei colori di Rio. Esistono piccole iniziative, qua e là, come le feste per i bambini o le cene danzanti organizzate dalla Croce Rossa, ma nella maggioranza dei casi i festeggiamenti si svolgono in modo privato, in casa o nelle scuole. La non-tradizione carnevalesca, o meglio l’abitudine a non festeggiare eccessivamente il Carnevale ad Orvieto, probabilmente è un retaggio culturale proveniente dalla storia della nostra città. Fu il nobile Podestà Pietro Parenzo, nel lontano febbraio 1199, forte dell’appoggio di Papa Innocenzo III, a cominciare la sua lotta all’eresia abolendo, tra le altre cose, i giochi di Carnevale, che troppo spesso finivano nel sangue. Molti infatti erano quelli che, avvolti nella notte e celati da ingannevoli maschere, consumavano le più atroci barbarie. Per questa ragione, il primo giorno di Quaresima scoppiò una sommossa di protesta per rivendicare i divertimenti negati. Nel tardo medioevo il travestimento e le maschere erano assai diffusi nei carnevali urbani, e specialmente nelle corti, dove assumevano un significato poetico. L’utilizzo della maschera tende ad esorcizzare e schernire figure gerarchiche, caricando vizi e difetti degli uomini, rinegoziandone l’identità. L’origine latina del termine Carnevale ha come concetto la privazione della carne e designa i giorni che precedono la Quaresima, il principale periodo di penitenza del cristianesimo. Le sue origini, però, affondano le radici nelle antiche usanze pagane come i saturnali e i lupercali. Dopo i tentativi di cristianizzazione a opera di moralizzatori come il Savonarola, sia la Controriforma, sia le Chiese cercheranno di sopprimere questa festa decisamente troppo pagana. Durante i secoli, il Carnevale, ha stimolato la nascita di celebrazioni in forma di combattimento rituale, in cui venivano evidenziate le lotte fra varie parti di una stessa città (quartieri e rioni, come ancor oggi avviene ad esempio nella celebre battaglia delle arance di Ivrea), o fra classi sociali diverse dei cittadini. Così durante l’antico Carnevale prendevano piede battaglie fra circoscrizioni cittadine in cui i gruppi provenienti da tutta la popolazione si affrontavano a colpi di sassi e bastoni, oggi sostituiti da manganelli di plastica. Fra i nobili si organizzavano giochi di origine cortese dov’era importante dimostrare la propria prodezza nell’utilizzo delle armi. Insomma, epurato di tanti vincoli storici, il Carnevale resta un’esplosione di colori, di gioia e “di lecita follia”. Prima che le Winx vincessero sulle damine, che i lottatori di wrestling mettessero a tappeto il caro vecchio Arlecchino e che la schiuma soppiantasse le stelle filanti, il Carnevale aveva un altro sapore. Non occorre una pregiata sartoria teatrale dove affittare ingombranti costumi settecenteschi, il bello del Carnevale è quello di frugare tra i vecchi vestiti di mamma e papà, tuffarsi in un baule ed uscirne vestito da cow-boy o da fata. Farsi un costume da soli, grandi e piccini insieme, è un gioco divertente ricco di creatività. Stoffe povere e carte semplici possono ancora trasformare un bambino in Zorro. Perché perdere questa bella abitudine?

Un Carnevale di molti anni fa nei ricordi di Zaira Marchesini

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 settembre

Simona Atzori e le sue mani basse: "Tra danza e pittura, sorrido sempre alla vita"

Falsa partenza per la Vetrya Orvieto Basket

Geotermia, Brega a difesa del territorio: "Basta giochini, pronto a chiedere il Referendum"

Una politica, quella renziana, non al passo con i tempi

Biomasse, Agricola Macchia Alta Srl: "La verità è un'altra"

Gsd Romeo Menti, il settore giovanile in visita al Museo del Calcio di Coverciano

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno

"Poraneggiando" con i "Cavalieri del Torrione", a Bomarzo con "Percorsi Etruschi"

Ufficializzato l'ingresso di Allerona nel club de "I Borghi più belli d'Italia"

Olimpieri (IeT): "Vogliono salvare il Crescendo con i nostri soldi"

"Aspettando Altrocioccolato", il commercio equo e solidale fa festa in Piazza Mazzini

Giornata mondiale del malato di Alzheimer, festa alla residenza protetta "Non ti scordar di me"

Gianfranco Foscoli in concerto a Colonia. Conquista gli States e va in onda su Canale Italia

Lavori pubblici, il Comune utilizzerà l'Elenco Regionale delle Imprese da invitare alle procedure negoziate

Caccia vietata il 21 settembre nelle aree interessate dalla visita di Mattarella e Papa Francesco

Pali spezzati dal maltempo, da mesi nessuno interviene

La Parrocchia del Duomo festeggia i Santi dei Rioni

"Anonimi elettori" interrogano l'ex consigliere comunale Cristiano Federici

Notte dei Ricercatori, al CSCO c'è il convegno "Scolar-Mente: divulgazione del metodo scientifico"

Stefano Baldi, un pievese ambasciatore italiano a Sofia

Biomasse, "Passione Civica" contro-replica: "Ci interessa il risultato"

Sessantenne di Monteleone muore schiacciato dal crollo del solaio

Al via anche in Umbria la campagna congiunta di sicurezza stradale "Edward"

Sisma, emergenza e ricostruzione al centro di incontri con parlamentari e organizzazioni sindacali

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni