ambiente

No dei Comitati alle nocciole sull'Alfina, a marzo convegno sul tema

martedì 5 febbraio 2019
No dei Comitati alle nocciole sull'Alfina, a marzo convegno sul tema

"In merito alla lettera della regista Alice Rohrwacher su “Repubblica” del 31 gennaio 2019 e riguardo le iniziative della Regione Umbria e Confagricoltura circa il bando filiera nocciola umbra, il coordinamento associazioni Orvietano, Tuscia e Lago di Bolsena dichiara la totale contrarietà e indignazione nei confronti dell’indirizzo che la Regione Umbria assieme a Confagricoltura ha preso verso lo sviluppo della filiera “nocciolo”. Riprendiamo anche noi le parole della regista, ovvero il concetto fondamentale de “il bene di pochi ed il male di molti”, per denunciare la miopia con cui i nostri amministratori, assieme alle associazioni di categoria, affrontano il futuro dei nostri territori e dello sviluppo della nostra regione.

Siamo anzi imbarazzati nell’ascoltare le loro parole che ancora una volta si dimostrano anacronistiche. E’ oramai dimostrato da decenni di studi in tutto il mondo che quel modello di sviluppo porti solamente a pochi una fragile ricchezza ed a molti un globale impoverimento, non solo in senso economico ma soprattutto nel senso di risorse fondamentali come l’acqua, la salute dell’ambiente e dell’essere umano. Oltre a questo, cancella la possibilità di uno sviluppo diverso del territorio in senso multifunzionale ed integrato, ma soprattutto sostenibile per l’ambiente e l’essere umano.

Se le nostre regioni puntano ad essere la terra fertile dove grandi multinazionali possano fare i loro interessi si sbagliano, ancor più con la retorica vetusta dei posti di lavoro. I grandi impianti monocolturali dell’agro-industria sempre più specializzati e meccanizzati avranno bisogno di sempre meno dipendenti, pochi operatori gestiranno tantissimi ettari: come dichiarato dagli stessi imprenditori agricoli, parliamo di una coltura poco bisognosa di manodopera, che proprio grazie ai relativi bassi costi colturali può permettersi i guadagni per ora promessi. L’indotto di questa filiera sarà limitato e misero se messo a confronto con l’indotto che può generare un sistema regione che punta su una agricoltura più sostienile, diversificata e multifunzionale, compatibile con il paesaggio e le tradizioni del territorio, sul turismo e sulla cultura….

Gli oltre 20.000 ettari previsti a noccioli faranno l’opposto: eroderanno suolo, acqua, biodiversità e non ultimo il paesaggio, vera e propria risorsa strategica della nostra regione. Siamo sgomenti nel vedere un territorio così ricco di risorse naturali e culturali venir poco difeso per sviluppare davvero quello che per il bene di pochi sarà la maledizione di molti.

Il coordinamento associazioni Orvietano, Tuscia e Lago di Bolsena ha deciso pertanto di mantenere su scala interregionale il problema dei noccioleti e castagneti come ha già fatto per le lotte contro l’eolico del Peglia, le biomasse, la geotermia nel Lazio e nell’Umbria. L’altopiano dell’Alfina si sviluppa su 8 comuni metà umbri e metà laziali: porteremo su tutti i territori la controinformazione necessaria perché i cittadini capiscano le implicazioni agricole, ambientali e sanitarie di detta coltura. Nella mattina di sabato 16 marzo 2019 si terrà un primo convegno ad Orvieto cui seguirà nel pomeriggio una esposizione di prodotti a chilometro zero".

Fonte: Coordinamento Associazioni Orvietano, Tuscia e Lago di Bolsena


Questa notizia è correlata a:

"Il cuore del paesaggio italiano si sta trasformando in una monocoltura perenne"

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire