ambiente

Mercurio nel Paglia. Italia Nostra: "Dal focus dati allarmanti, occorrono ordinanze più restrittive"

lunedì 18 luglio 2016
Mercurio nel Paglia. Italia Nostra: "Dal focus dati allarmanti, occorrono ordinanze più restrittive"

"Il Focus di approfondimento sull’emergenza mercurio nel Fiume Paglia, che ha avuto luogo a Orvieto martedì 12 luglio, ha portato alla luce alcuni aspetti allarmanti". Ne è convinto il responsabile di Italia Nostra - Sezione Orvieto Lucio Riccetti. "Primo fra tutti - osserva - la lentezza pachidermica della burocrazia con cui si muovono gli enti territoriali regionali e nazionali. In buona sostanza, sembra essere stato accertato che il mercurio presente nel Fiume Paglia (e sulle sue sponde) provenga dal Monte Amiata, dall’estrazione di fluidi geotermici e dall’emissione delle centrali geotermiche di vecchia e nuova generazione e, soprattutto, dalle miniere di cinabro attive per circa un secolo, dal 1880 al 1980.

"Da allora, e per circa 40 anni - afferma Riccetti (nella foto) - il mercurio ha raggiunto il Mar Tirreno lungo il corso del fiume Paglia e del Tevere senza che, apparentemente, nessuno degli enti preposti se ne fosse accorto, benché i cumoli degli scarti della lavorazione delle rocce contenenti cinabro (le cosiddette calcine) siano ancora oggi in bella vista nella zona mineraria e industriale di Abbadia S. Salvatore, fino a quando, in anni recenti, la ditta privata proprietaria della discarica delle Crete (di fronte a Orvieto) non ha dato l’allarme.

Durante il Focus è stato dichiarato che 60 tonnellate di mercurio sono presenti nel primo tratto del fiume Paglia (fino ad Allerona) e proseguono lungo il corso del fiume, fino a Orvieto, alla diga di Corbara e, lungo il Tevere, al Mar Tirreno. Siamo di fronte a un danno ambientale esteso. Considerato che oggi il danno ambientale è un reato (L. 68 del 22/05/2015), anche se non se n’è parlato nel Focus, ci auguriamo che vengano prese tutte le misure necessarie per individuare le responsabilità, già a partire dalla mancata (o parziale) mitigazione delle cave amiatine a circa quarant’anni dalla loro chiusura".

"Ciò che rende altamente pericolosa la contaminazione delle acque dei fiumi Paglia e Tevere, e delle loro sponde - aggiunge - è l’accertata presenza dell’avvenuta conversione del mercurio inorganico non tossico in metil-mercurio, forma altamente tossica, mobile, soggetta a bioaccumulo e biomagnificazione all’interno degli organismi viventi, quindi anche dell’uomo. La conversione avviene a opera di batteri anaerobi metanogeni, presenti nei sistemi fognari, nelle cosiddette acque scure, trovando ambiente favorevole nel fiume … Da qui, forse, la giusta preoccupazione della ditta proprietaria della discarica, che ha denunciato la contaminazione da mercurio dichiarandosi, nello stesso tempo, estranea e non responsabile.

La presenza di metal-mercurio in quantità rilevanti nel tessuto muscolare dei pesci dimostra che il trasferimento alla biosfera, e quindi alla catena alimentare, è in atto. Riteniamo che gli abitanti delle aree interessate non siano stati sufficientemente informati della pericolosità di tale contaminazione e chiediamo che le autorità e enti con competenza territoriale si attivino con la massima urgenza per diramare ordinanze di divieto di pesca e di balneazione nel fiume Paglia, ma anche, se lo riterranno necessario sulla base dei dati già in loro possesso, ordinanze che vietino l’uso dell’acqua del fiume per l’irrigazione dei campi e delle colture, anche col posizionamento lungo il corso del fiume di cartelli di divieto. Chiediamo un maggior controllo e monitoraggio degli animali – specialmente quelli selvatici, quali i cinghiali o altra selvaggina - che possono entrare in contatto con l’acqua del fiume Paglia".

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno