ambiente

Mercurio nel Paglia. Italia Nostra: "Dal focus dati allarmanti, occorrono ordinanze più restrittive"

lunedì 18 luglio 2016
Mercurio nel Paglia. Italia Nostra: "Dal focus dati allarmanti, occorrono ordinanze più restrittive"

"Il Focus di approfondimento sull’emergenza mercurio nel Fiume Paglia, che ha avuto luogo a Orvieto martedì 12 luglio, ha portato alla luce alcuni aspetti allarmanti". Ne è convinto il responsabile di Italia Nostra - Sezione Orvieto Lucio Riccetti. "Primo fra tutti - osserva - la lentezza pachidermica della burocrazia con cui si muovono gli enti territoriali regionali e nazionali. In buona sostanza, sembra essere stato accertato che il mercurio presente nel Fiume Paglia (e sulle sue sponde) provenga dal Monte Amiata, dall’estrazione di fluidi geotermici e dall’emissione delle centrali geotermiche di vecchia e nuova generazione e, soprattutto, dalle miniere di cinabro attive per circa un secolo, dal 1880 al 1980.

"Da allora, e per circa 40 anni - afferma Riccetti (nella foto) - il mercurio ha raggiunto il Mar Tirreno lungo il corso del fiume Paglia e del Tevere senza che, apparentemente, nessuno degli enti preposti se ne fosse accorto, benché i cumoli degli scarti della lavorazione delle rocce contenenti cinabro (le cosiddette calcine) siano ancora oggi in bella vista nella zona mineraria e industriale di Abbadia S. Salvatore, fino a quando, in anni recenti, la ditta privata proprietaria della discarica delle Crete (di fronte a Orvieto) non ha dato l’allarme.

Durante il Focus è stato dichiarato che 60 tonnellate di mercurio sono presenti nel primo tratto del fiume Paglia (fino ad Allerona) e proseguono lungo il corso del fiume, fino a Orvieto, alla diga di Corbara e, lungo il Tevere, al Mar Tirreno. Siamo di fronte a un danno ambientale esteso. Considerato che oggi il danno ambientale è un reato (L. 68 del 22/05/2015), anche se non se n’è parlato nel Focus, ci auguriamo che vengano prese tutte le misure necessarie per individuare le responsabilità, già a partire dalla mancata (o parziale) mitigazione delle cave amiatine a circa quarant’anni dalla loro chiusura".

"Ciò che rende altamente pericolosa la contaminazione delle acque dei fiumi Paglia e Tevere, e delle loro sponde - aggiunge - è l’accertata presenza dell’avvenuta conversione del mercurio inorganico non tossico in metil-mercurio, forma altamente tossica, mobile, soggetta a bioaccumulo e biomagnificazione all’interno degli organismi viventi, quindi anche dell’uomo. La conversione avviene a opera di batteri anaerobi metanogeni, presenti nei sistemi fognari, nelle cosiddette acque scure, trovando ambiente favorevole nel fiume … Da qui, forse, la giusta preoccupazione della ditta proprietaria della discarica, che ha denunciato la contaminazione da mercurio dichiarandosi, nello stesso tempo, estranea e non responsabile.

La presenza di metal-mercurio in quantità rilevanti nel tessuto muscolare dei pesci dimostra che il trasferimento alla biosfera, e quindi alla catena alimentare, è in atto. Riteniamo che gli abitanti delle aree interessate non siano stati sufficientemente informati della pericolosità di tale contaminazione e chiediamo che le autorità e enti con competenza territoriale si attivino con la massima urgenza per diramare ordinanze di divieto di pesca e di balneazione nel fiume Paglia, ma anche, se lo riterranno necessario sulla base dei dati già in loro possesso, ordinanze che vietino l’uso dell’acqua del fiume per l’irrigazione dei campi e delle colture, anche col posizionamento lungo il corso del fiume di cartelli di divieto. Chiediamo un maggior controllo e monitoraggio degli animali – specialmente quelli selvatici, quali i cinghiali o altra selvaggina - che possono entrare in contatto con l’acqua del fiume Paglia".

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 febbraio

Il Treno Verde di Legambiente e FS fa tappa in Umbria. A bordo, l'economia circolare

GamberoRosso - Il vino, di generazione in generazione. L'Orvieto

TouringClub - Le più belle città sotterranee in Italia - regioni del Centro

L'esordio in campionato di Simone Mari (Orvieto Fc) regala subito due goal

Lei espone quadri astratti di anima

"M'illumino di meno". Ecco dove la condivisione accende il risparmio energetico

La Zambelli Orvieto disputa un'amichevole contro Sant'Elia Fiumerapido

Per Orvieto città sicura, Spagnoli (Consap): “Telecamere, giustizia più severa e risorse a forze dell’ordine”

“Orvieto Sicura” che fine ha fatto il progetto?

CNA: "Dalla fusione dei Comuni tante risorse all'Umbria"

Le sculture esterne della Collegiata in un video promozionale a scopo turistico

Comune all'opera per lo "Street Music Festival 2017". A giugno, la settima edizione

Una barba bianca, da grigia che era

Conclusi i lavori al cimitero di Asproli-Porchiano, in partenza a Torregentile

Verdecoprente, il bando scade l'8 marzo. Spettacoli di residenza artistica in sei Comuni

Potatura in corso, senso unico alternato a Canale

Tecnici al lavoro, interruzione di energia elettrica per un'ora nel centro storico

Parterre di mute internazionali per il 31esimo campionato Sips su cinghiale

Sisma e agricoltura, erogati da Agea oltre 28 milioni di euro

Meningite: 23enne ricoverata a Terni, attivata la profilassi

Effetti post sisma sul turismo: minoranze chiedono sgravio su Imu, Tasi e Tari

Nel Cremonese, l'ultimo saluto a monsignor Carlo Necchi

La pineta

Casa di Riposo "San Giuseppe", a giorni il bando europeo per la gestione

Rifiuti, Camillo: "Il sindaco eviti strumentalizzazioni politiche"

Province, azzerati dalla Conferenza Unificata i tagli 2017

Carta Tutto Treno, raggiunto l'accordo con Comitati pendolari e Federconsumatori

Accordo riparto Fondo sanitario nazionale, all'Umbria oltre 1,6 miliardi di euro

Quaresima Eucaristica, il calendario delle celebrazioni

Sì del Consiglio dei Ministri al decreto legge, previste forme di cooperazione rafforzata

Anci: "Ai sindaci più poteri per garantire ordine pubblico e qualità della vita ai cittadini"

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Terremoto e rinascita il tema delle infiorate