sport

Panathlon e Fair Play: utile connubio per i giovani

venerdì 22 novembre 2019
di Roberto Pace
Panathlon e Fair Play: utile connubio per i giovani

Non c’è alcun dubbio. Quando i protagonisti di un evento sono i giovani, il successo è certo. Purché guidati da soggetti preparati e competenti, pronti a gettarsi nelle novità con innata passione. E’ questo il caso della quinta edizione del “Premio Fair Play”, apice delle tante iniziative promosse dalla Sezione Panathlon di Orvieto. Il sodalizio, che nella prof. Rita Custodi ha trovato un capitano effervescente, nell’ultimo allestimento ha trovato valida sponda nell’Istituto Comprensivo Orvieto-Baschi, la cui Dirigente, Antonella Meatta e i suoi docenti, hanno messo grande impegno nel predisporre strumenti efficaci, validi per lo sviluppo della personalità dei ragazzi.

Ha fatto altrettanto l’Istituto superiore Artistico, Classico, Professionale, con la Prof. Daniela Torsello e gli studenti della sez. Artistica, eccellenti nel comporre il manifesto, con la conversione grafica delle frasi ideate dai ragazzi delle medie. Non poteva mancare Ruggero Alcanterini, Presidente del Comitato Nazionale Italiano Fair Play, diretta emanazione del CONI. Il massimo Dirigente, nella due giorni orvietana, iniziata con il convivio sul tema “Ripartiamo dal Fair Play?”, ha messo al servizio della sezione orvietana il suo grande bagaglio di esperienza, sollecitando gli educatori a soffermarsi sulle regole etiche e comportamenti, fondate sui princìpi generali del rispetto, della solidarietà, della correttezza e dell’onestà, che non sono più patrimonio esclusivo dello sport, ma abbracciano, oggi, moltissimi aspetti della vita quotidiana: Mai invidiare i più bravi – ha detto – ma cercare soltanto d’essere migliori di loro”.

L’Assessore allo Sport, prof. Carlo Moscatelli, ha assicurato sul come, la nuova Amministrazione della Città, monitori, con la massima attenzione, il presente e futuro dei giovani, garantendo, in tal senso, la partecipazione del Comune a tutte quelle iniziative, ritenute migliorative alla formazione degli adulti di domani. Interessante e particolarmente significativa, in tal senso, la partecipazione della Dott.sa Dominga Cotarella,il cui progetto familiare, Fattoria Didattica Tellus, vincitrice del Premio Fair Play 2018, va proprio nella direzione auspicata dagli intervenuti, con una presenza importante nel mondo dello sport e una struttura pensata per rendere protagonisti i più piccoli attraverso il gioco, lo sport e soprattutto la loro creatività.”. L’intervento conclusivo è toccato a Rita Custodi, con la sintesi del lavoro svolto dall’Associazione, seguito dalla consegna dei riconoscimenti ai vincitori elencati qui sotto:

PREMIO MANIFESTO: Francesca Innocenzi classe 2^B - IISACP Prof.: Daniela Torsello e Silvia Valentini Dirigente: Dott. Cristiana Casaburo
PREMIO FRASE: Lavinia Petrangeli - classe3^C Istituto comprensivo Orvieto-Baschi Prof.: Francesca Compagnucci Dirigente: Dott. Antonella Meatta

Commenta su Facebook