sport

Orvietani in gara alla Cronoscalata Camucia-Cortona

giovedì 20 aprile 2017
di Roberto Pace
Orvietani in gara alla Cronoscalata Camucia-Cortona

I piloti orvietani tornano a far rombare i motori. Dopo l’apertura di Montefiascone, domenica si corre in Toscana, più precisamente a Camucia, località di partenza della XXXI^ edizione della cronoscalata che termina a Cortona, dopo 3800 mt. Due manche, a partire dalle 10.00, con 176 iscritti a far sorridere gli organizzatori. E’ la seconda prova, valida per il Campionato Italiano Auto Storiche e alla competizione sono anche ammesse 25 vetture moderne.

Fra queste, c’è l’Osellina, al volante Michele Fattorini, più che mai desideroso di testare la vettura su strada, dopo il forzato forfait di Montefiascone. Chiarito il guasto che aveva fermato le prove di Magione, il gioiellino torinese, di cui tutti parlano bene, è pronto per dare battaglia ad altre Osella, abbastanza datate, ma tutte con motorizzazioni superiori alla 1000 di Michele. Che ha, dalla sua, un peso invidiabile: 387 Kg.

Fattorini non sarà il solo indigeno in corsa. Massimo Vezzosi, invogliato dalla superba seconda manche nella gara del Lago, proverà a ripetersi su un percorso non facile, da lui conosciuto molto bene per averlo già collaudato in edizioni passate, sia con la Cortina Lotus, sia con la BMW 2002 Schnitzer (sil + 2000), vettura tedesca, riproposta in questa stagione, pronta per il bis nel raggruppamento turismo.

Numeri importanti anche per la Orvieto Corse. Il cui Presidente, Silvano Laschino smette, stavolta, i panni del manager e infila tuta e casco per domare e portare il più in alto possibile la Mitsubischi Lancer Evo VI Gruppo A +3000. Gareggia, chiaramente, fra le moderne, anche suo figlio Francesco, con una Peugeot 106, RS 1400. Con identico logo della O.C., in gara Biancotti con un’Alpine 110, Leopard, sulla fida Giulia A.R., oltre a Penelope Pit Stop alla guida della fida Triumph.

Non potevano mancare i giovani piloti e preparatori della nuova Scuderia MTM. Aprono le fila Enrico Pascucci e la Peugeot 205 Gr. N 1300, seguono Mattia Chioccia con la Saxo vts Gr. N 1600, Andrea Bigiarini e Marco De Palma alla guida, rispettivamente, della Peugeot 106 Gr. N 1400 e di una A112 Abarth TC 1150.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"