sport

Orvietana in palla, niente da fare per il Ducato

lunedì 17 ottobre 2016
di Roberto Pace
Orvietana in palla, niente da fare per il Ducato

Con gli spoletini della Ducato arriva la terza affermazione consecutiva, anche questa con la porta di Perquoti che rimane inviolata, ancora per due reti a zero, come le precedenti. Un gol per tempo, per ridurre alla ragione la buona formazione ospite, arrivata ad Orvieto priva di Cesari e affatto in gita turistica. La prima segnatura dopo 7’, subito dopo la traversa, su calcio piazzato, colpita da Gjinaj. Segna Brescia, con rasoterra d’esterno, da scuola superiore, calciato quasi dalla linea di fondo, che scavalca Lillacci e s’insacca all’altezza del secondo palo.

La seconda perla è merito di Nuccioni, al 10’ della ripresa. La sceneggiatura, già riproposta, prevede Filippo Avola, co protagonista, a cercare l’inserimento del capitano, con palla tagliata, oltre il mucchio di difensori e attaccanti. La variante è la leggera deviazione di un difensore, che mette il capitano nella condizione di scaricare un colpo violento, imparabile per l’estremo difensore. Nuccioni su tutti anche nella fase difensiva, sia con la testa, sia con i piedi, per risultare, alla fine, il migliore del lotto. Fatone conferma tutti i protagonisti della gara col Bastardo, con Casarelli in aiuto a centrocampo. Il ragazzo, che fa della generosità la sua arma migliore, contribuisce ad alleviare il gravoso lavoro di Brescia, dimostrandosi prezioso nei raddoppi di marcatura. Dopo un’ora il cambio con Tonelli, alla sua prima in campionato.

La Ducato prova a forzare il blocco agendo, prevalentemente, sulle fasce. La manovra è gradevole, un po’ meno i risultati perché l’interdizione biancorossa funziona e Perquoti non compie grossi interventi. Qualcosa da dire, semmai, sull’innesco delle ripartenze, meno lucido del consueto. Lo sviluppo della partita è, in ogni caso, piacevole. Questo, almeno, fino al doppio vantaggio. Gli ospiti provano a recuperare passando a quattro punte, l’Orvietana si siede e non sa approfittare dei tanti canali che si aprono verso la porta di Lillacci. Gjinaj e Kola, subentrato a Paci, vanno vicini al gol che potrebbe riaprire la partita. L’ultima chance è per Di Giuseppe, con palla fuori di poco.

ORVIETANA – DUCATO 2 – 0

ORVIETANA: PERQUOTI, AMMENDOLA, FRELLICCA, CASARELLI (61’ TONELLI), NUCCIONI, AVOLAG., COTIGNI, AVOLA F., SERAFINI (77’ COCHI), BRESCIA (86’ GOLFIERI), POLIDORI. ALL. FATONE

DUCATO: LILLACCI, PATITO, PAZZOGNA (46’ STELLA), QUAGLIETTI, SETTIMI (71’ BUCCIARELLI), TRABALZA, GJINAJ, PIANTONI, DI GIUSEPPE, FEDELI, PACI (58’ KOLA). ALL. BRONZI

ARBITRO: ANDREANI DI TERNI (BRODONI – BARCHERINI)

Marcatori: 7’ BRESCIA, 55’ NUCCIONI

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire