sport

Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

martedì 18 novembre 2014
di Antonio Amatulli
Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

Torna a casa con una sconfitta l’Azzurra Ceprini Orvieto dalla trasferta di Battipaglia. Si tratta pur sempre di una sconfitta, maturata diversamente rispetto alle precedenti in quanto a divario e a come la squadra ha gestito la partita, ma non bisogna dimenticare che le salernitane non hanno schierato una delle tre straniere, la Tunstull.

Questa volta la frazione incriminata è stata la prima, nel corso della quale si è materializzato il divario (11 punti) che poi è stato quello finale, anche se il terzo quarto, soprattutto nelle battute finali, ha scavato il maggior distacco (-16).

A differenza delle precedenti partite esterne, la squadra ha messo in mostra una difesa un po’ più attiva, ma ancora una volta tallone di Achille sono stati i rimbalzi offensivi consentiti alle avversarie (ben 16) e l’atavico problema delle palle perse, questa volta “solo” 22, appena sotto la media. Ricapitolando, palle perse + rimbalzi offensivi consentiti alle avversarie producono un numero maggiore di tiri che, alla fine, si tramutano in punti: infatti Battipaglia ha tirato 68 volte contro i 56 tentativi delle orvietane, e ciò vuol dire 24 punti potenziali in più se considerati tutti da due. Un altro problema, che si evidenzia soprattutto in trasferta, è la percentuale nei tiri da due, perché vincere segnando con il 42,9% risulta oltremodo difficile.

Quando si perde, così come quando si vince, è sempre demerito o merito dell’intera squadra: ieri solo Renata Brezinova è andata in doppia cifra (17 punti) e doppia doppia (17 punti + 10 rimbalzi), ma purtroppo con una bassa percentuale nei tiri da due (5 su 14). Abbastanza bene il reparto guardie, mentre è mancato il consueto apporto in punti di Kirby Burkholder, incappata in una serata negativa al tiro.

Archiviata questa partita, ora bisogna iniziare a pensare alla prossima, che vedrà l’Azzurra Ceprini Orvieto impegnata in uno scontro diretto domenica prossima al Palaporano contro il Vigarano.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità