sport

Scuola calcio del Sorriso: un'alternativa possibile con la Federico Mosconi. Intervista allo psicologo dello sport, Roberto Ausilio

lunedì 12 febbraio 2007
Mentre il calcio dei “grandi” e dei professionisti non dà, a vari livelli, spettacoli ed esempi di certo edificanti e continua ad essere un mondo malato, Orvietonews.it propone un'intervista riguardante l'attività che si conduce all'interno della Società sportiva “Federico Mosconi” di Sferracavallo- Orvieto, all'interno della quale si sta portando avanti da tre anni un progetto intitolato “Scuola Calcio del Sorriso”, che mira a rendere la Scuola Calcio un'agenzia educativa in grado di promuovere benessere e integrazione corpo-mente. “Un'alternativa possibile e concreta al calcio”, ci dice lo psicologo dello sport che lavora con la squadra che abbiamo intervistato, il dott. Roberto Ausilio. All'interno del progetto lo psicologo dello sport si occupa di trovare strategie e promuovere iniziative volte a migliorare il benessere dei ragazzi, e lo fa agendo su tre livelli distinti e collegati tra loro. Un primo livello è di tipo organizzativo: lo psicologo promuove una comunicazione fluida tra dirigenti, allenatori, famiglie ed atleti, indice delle riunioni periodiche e recepisce le proposte che vengono dai vari settori. A livello di gruppo lo Psicologo promuove la coesione e il supporto all’interno dei gruppi composti dagli atleti delle varie categorie. A questo scopo gli iscritti alla Scuola Calcio del Sorriso appartenenti alle categorie Piccoli Amici, Pulcini ed Esordienti, (ragazzi di età dai 6 ai 12 anni) effettuano mensilmente con il dott. Ausilio degli incontri di espressione corporea e bioenergetica, ad integrazione degli allenamenti. Infine lo Psicologo è presente come supporto al singolo, nei casi in cui sia necessario un intervento di tipo psico-corporeo che promuova un maggiore benessere individuale. A cosa servono gli incontri di espressione corporea e bioenergetica che effettuate con i piccoli atleti? Lavoriamo insieme e in maniera pratica su alcuni aspetti fondamentali della pratica sportiva, tra cui la respirazione, la postura, le tecniche di rilassamento, l’espressione e la regolazione delle emozioni che si provano durante gare e allenamenti. In questi incontri, a cui partecipano anche gli allenatori, è possibile osservare e lavorare sulle dinamiche di gruppo. Promuoviamo in questo modo sia la salute del singolo ragazzo che la coesione e il supporto emotivo del gruppo. I ragazzi si divertono molto, perché l’approccio è di tipo espressivo, corporeo e soprattutto ludico: giochiamo insieme e poi riflettiamo sulle esperienze effettuate, in modo da crescere in consapevolezza e benessere. Le tecniche psico-corporee presentate sono molto utili agli atleti per imparare ad ascoltare ed essere in contatto con il proprio corpo, per rispettarsi conoscendo i propri limiti e le proprie risorse. Inoltre alcuni difetti posturali e di respirazione sono più facilmente correggibili in tenera età e la pratica sportiva consapevole è in grado di favorire uno sviluppo armonico della persona anche da un punto di vista relazionale e psicologico. In cosa consistono nella pratica tali incontri tra i piccoli atleti e lo psicologo dello sport? E’ molto divertente vedere i ragazzi che per la prima volta vengono ad un incontro di espressione corporea: la maggior parte di loro non sa cosa aspettarsi eppure sono molto curiosi, chiedono espressamente “che tocca fa?”. Li accogliamo in sala predisponendo da subito un’atmosfera di gioco, con musica di sottofondo e invitando i ragazzi a togliersi le scarpe. Poi solitamente eseguiamo in cerchio degli esercizi a corpo libero, ponendo molta attenzione al sentire il proprio corpo, e aiutando i ragazzi a notare alcuni aspetti importanti del proprio modo di respirare, di camminare, di correre e di entrare in relazione con gli altri. Dopo questa fase di riscaldamento lo Psicologo dello Sport propone un gioco espressivo che affronta una tematica specifica (precedentemente concordata con l’allenatore) e i ragazzi possono sperimentarsi in situazioni divertenti, ma che allo stesso tempo forniscono degli spunti di riflessione e consapevolezza. Al termine dell’esperienza segue un momento di “feedback”, cioè di restituzione verbale da parte di ognuno dei ragazzi delle proprie sensazioni corporee, emozioni e stati d’animo. Questo “dare la parola ai ragazzi” costituisce un forte stimolo all’auto-conoscenza e alla possibilità di entrare in relazione empatica con gli altri. Come esprimono i ragazzi le proprie emozioni all’interno del gruppo? Inizialmente alcuni ragazzi presentano qualche difficoltà quando chiediamo loro di condividere ciò che sentono o che pensano, dato che spesso i nostri ragazzi sono più abituati a sentirsi dire “taci e fai quello che ti dico io”, rispetto a qualcuno che conferisce loro importanza, rispetto e capacità di sentire le proprie emozioni e bisogni. E’ molto bello vedere come, procedendo con questo tipo di lavoro, i ragazzi imparano anche ad ascoltare i propri compagni in maniera più attenta, sviluppando maggiori capacità empatiche nei confronti della squadra. Anche la comunicazione non verbale, come del resto tutti gli aspetti su cui lavoriamo in maniera esperienziale, è fondamentale tanto nel gioco del calcio quanto nella vita di tutti i giorni. Tutti i genitori con cui abbiamo parlato ci hanno confermato di apprezzare molto questo tipo di lavoro, che in un certo senso va a smussare e trasformare in positivo alcuni aspetti poco piacevoli di alcuni ambienti sportivi, presenti purtroppo anche in ambito calcistico, come l’eccessiva competizione, l’aggressività non canalizzata, un approccio al corpo che è spesso traumatico e strumentale a scapito della piacevolezza del movimento e del condividere un’attività motoria con i coetanei. Le nostre parole d’ordine sono benessere e salute, e vogliamo che non siano solo parole, ma ci impegniamo quotidianamente per predisporre strategie e tecniche reali di promozione della salute dei nostri atleti. A questo proposito voglio ringraziare tutta la Società F. Mosconi, il Responsabile Tecnico Prof. Sandro Tonelli (nella foto insieme ai ragazzi e al dottor Ausilio), i dirigenti, gli allenatori, i nostri atleti e le famiglie, per il coraggio e l’impegno a voler migliorare insieme quotidianamente. La nostra più grande ricompensa è il sorriso dei piccoli atleti, e questo sorriso ci rende felici e appaga il nostro cuore! Per eventuali informazioni: Dott. Roberto Ausilio Psicologo dello Sport Scuola Calcio del Sorriso F. Mosconi – Orvieto info: 328/4645207 www.ausilio.org

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 aprile

Convegno sul Porto Romano di Pagliano. Riflessioni alla luce delle nuove scoperte

Passeggiata della Sicurezza. Cobas e Assemblea Antifascista: "No alla giustizia fai da te"

Concerto del Coro Polifonico "San Gavino Monreale" a Collevalenza

Conferenza nazionale sulle malattie infettive emergenti e riemergenti

"Wilcock, Lubriano e la Valle dei Calanchi. La visione, il sogno e l'ironia"

Torneo regionale di pallavolo integrato Anpis, vince l'entusiasmo di stare insieme

"Omaggio ad Elena". Cultura e gastronomia all'ombra di Castello Misciattelli Orsini

Izzalini in festa per i 100 anni di mamma Elena

"La Zambelli Orvieto continua a stupire nell'indifferenza delle istituzioni"

Gabriella Carlucci presenta il libro "Amarilla, appunti di un viaggio a sei zampe"

Campionato regionale tiro a volo Anlc. In estate le finali nazionali

L'arte per lanciare un messaggio di tutela dell'ambiente dal cuore di Civita di Bagnoregio

Bruciano sterpaglie, Vigili del Fuoco e Protezione Civile al lavoro

Turismo, Paparelli: "Ultime rilevazioni confermano trend positivo, 2018 anno della rinascita"

M5S Orvieto sul sit-in contro l'ampiamento della discarica: "Non accettiamo strumentalizzazioni"

Successo all'Unitus per l'Open Day delle lauree magistrali

Terminato al Csco il corso di "Tecnico specializzato in accoglienza per rifugiati"

Omaggio a De André al Mancinelli. Ad OCC il ricavato di "Bocca di rosa e gli altri"

Orvieto a Lussemburgo, proficuo incontro tra Comune e Ambasciata

Aderisce al sit-in anche Cittadinanza a 5 Stelle del Comprensorio Orvietano

A Luca Tomassini di Vetrya la Medaglia dell'Università per Stranieri

Andrea Bocelli in Piazza Duomo per la quarta edizione di "Orvieto4Ever"

"Allerona verso lo sviluppo di comunità". Conferenza al Centro Polivalente

Pedalando indietro, "La Carrareccia" raddoppia. A settembre, edizione dedicata a Barbara e Matteo

"Ben Hur" al Mancinelli. Paolo Triestino e Nicola Pistoia chiudono la stagione teatrale

Nuovo look per la rete elettrica, Enel installa i DY900/1 per cabine tecnologiche

Esasperati dall'accattonaggio molesto, gruppo di commercianti scrive al Comune

Post-sisma, la Regione incontra gli ordini professionali nelle zone terremotate

Al via il progetto "Rete amica". Unicef, istituzioni e scuole insieme per un web più sicuro

Teatro Null pronto al debutto di "Osteria da Shakespeare & Co"

Sale la febbre da Palio di Sant'Anselmo. Conto alla rovescia per la Sagra del Biscotto

Fondazione Cro: "Cassa di Risparmio Spa deve permanere punto di riferimento degli Orvietani"

APEritivo nell'Oasi di Alviano, con vista sulla palude

Allerona sempre più cardioprotetta, la comunità si dota di tre defibrillatori

Alfina in festa per San Giorgio Martire. Programma civile e religioso

Post-sisma, Marini ed Errani incontrano gli abitanti di Norcia, Castelluccio e San Pellegrino

Accademia Kronos a "Villaggio per la Terra", per la sensibilizzazione alla tutela del Pianeta

La Polisportiva Castel Viscardo organizza il primo raduno in MTB dei Monaldeschi

"Nonsololirica in Sala Eufonica", video-ascolto di Leonard Cohen

Disco verde al bilancio di previsione 2017/2019. Ampia discussione in consiglio

Sì unanime all'ordine del giorno "Albornoz, un bene comune da restituire alla città"

Nel triennio 2017/2019 opere pubbliche per oltre 23 milioni di euro

Quantità e prezzo di cessione aree per residenza ed attività produttive, le tariffe

Sì al Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare

Ricognizione annuale delle società partecipate, presa d'atto in consiglio

Approvato il Documento Unico di Programmazione 2017/2019

Corso di formazione per volontari nella valorizzazione dei beni culturali ecclesiastici della Diocesi

Ecco i giovani bomber della Coar Orvieto. Pronti per il II Memorial Papini.

Azzurra nella storia, Orvieto Basket salvezza conquistata, Orvietana un punto prezioso, argento Savrayuk

Rita Levi Montalcini, un'innata ottimista

Torna a riunirsi l'esecutivo PD del Comprensorio Orvietano. In discussione molti temi "caldi" di urgente attualità

Grande successo per "La Domenica del Vulcano 2010". Incontri ed escursioni nel territorio di San Venanzo

Il Sindaco Concina sul Bilancio: "Orvieto non può permettersi il commissariamento"

Pozzo di San Patrizio: il biglietto intero aumenta di cinquanta centesimi dal 1° giugno

Sferracavallo. Mercato sì, mercato no. Proroga della sperimentazione fino al 30 marzo 2011. Via alla "filiera corta"

Continuano i controlli del Commissariato sul rispetto degli orari di chiusura dei locali

SII. Cresce il front-office: in aumento accessi al sito e mail. Lattanzi: "Grande sforzo per accorciare le distanze tra utenti e società"

Pubblicato il bando TAC II: interventi di promo - commercializzazione turistica per prodotti d'area di progetti integrati collettivi

Suggerimenti per il "Buon Politico"... ovvero esortazione all'On. Trappolino

Aumenti per alcuni settori amministrativi del Comune: i Comunisti Italiani vogliono sapere. Qualche lume dalla conferenza stampa del Sindaco Concina

"Alla scoperta dell'antico Egitto": gli Egiziani innamorati della vita. La Dott.ssa Pozzi, egittologa, illustra la mostra laboratorio

Rinnovato l'apparato didascalico del Museo etrusco Claudio Faina. Ne parla la Dott.ssa Nancy Leo