sport

La Coar lascia strada alla Jesina

sabato 18 ottobre 2003
di Davide Breccia

Con il ritorno in casa dopo quasi un mese, questa avrebbe dovuto essere una sorta di  gara del riscatto, in special modo dopo l'amara sconfitta di Fano e l'uscita dalla Coppa Italia; invece per la Coar è stata una disfatta.
Come preannunciato alla vigilia, la Jesina è una formazione in difficoltà, ma che proviene pur sempre da categorie superiori ed oggi non ha mancato di dimostrarlo.
La partita prende da subito un bel ritmo ed appare equilibrata, ma, al cospetto degli orvietani, gli avversari sono più veloci nelle ripartenze, fulminei nei recuperi e decisi negli interventi, ma senza commettere troppi falli.
La Coar invece appare più lenta e non manca di trovarsi quasi sempre in inferiorità numerica.
Così non è difficile per la Jesina portarsi in vantaggio al 6' con Gioacchini, dopo un velocissimo uno-due da fallo laterale; il raddoppio arriva al 13', quando, su corner, Marcucci tira di prima intenzione e Battellini devia sottoporta quanto basta per infilare Bacheca.
La Coar si getta a capofitto alla ricerca disperata della rete, ma la Jesina si chiude magistralmente, non lasciando spazi ai biancorossi (in blu per ospitalità) e quando capita ci mette le mani l'ottimo portiere La Ghezza. Così Scorpioni accorcia solamente allo scadere della prima frazione.
Al rientro un episodio decisivo; a gioco fermo Bacheca colpisce con la palla un avversario e si becca il rosso diretto e al 2' in 4 uomini la Coar prende il 3-1.
Lima prende per mano i suoi che sembrano voler raegire ed al 10' accorcia e la squadra appare più grintosa. Al 17' Ara prende la traversa, ma poi gli ospiti chiudono i giochi al 18' complice una sfortunata autorete di Gaddi.
Da elogiare il lavoro di Alessio Delli Poggi, al suo esordio nella categoria dopo l'espulsione di Bacheca, che ha dimostrato freddezza e maturità in molte occasioni.
Una Coar che per l'ennesima volta si sveglia troppo tardi, quando non c'è più nulla da fare e forse è opportuno valutare al meglio questo lato della squadra dopo partite come questa, come è bene segnarsi che gli orvietani sono apparsi sempre molto più lenti degli avversari che, seppur non mostri di tecnica, hanno fatto della velocità e del gioco di prima la loro arma vincente.


Zappone è deluso: "Abbiamo commesso l'errore di mandarli a riposo in vantaggio, regalandogli due gol; poi nella ripresa si sono chiusi e non era facile trovare spazi. Poi la gara si è innervosita e siamo stati anche un pò sfortunati. Dovremo riniziare subito a lavorare in vista del nostro obiettivo primario, che rimane la salvezza".

Coar Orvieto: Bacheca, Medaglia, Rotili, Pellegrino, Coppola, Leandri, Pirati, Lima, Ara, Scorpioni, Gaddi, Delli Poggi. All. Zappone
Jesina: LA Ghezza, Bruzzichesi, Battellini, Fioretti, Filannino, Gioacchini, Giacchè, Marcucci, Catalani.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire