sociale

"Orvietani, riprendiamoci l'ex Ospedale di Piazza Duomo!"

martedì 10 settembre 2019
"Orvietani, riprendiamoci l'ex Ospedale di Piazza Duomo!"

Un appello ad attivarsi in difesa di un pezzo di città che da troppo tempo attende di essere rifunzionalizzato. E' quello che un gruppo di cittadini rivolge alle tante generazioni di orvietani, nati o transitati almeno una volta nell'ex Ospedale di Piazza Duomo. Tra di loro, c'è anche Nicoletta De Angelis, nota per il suo impegno a favore della città, che accarezza l'idea di poter realizzare lì un presidio sanitario, non solo per gli anziani ma anche per “ragazzi speciali”. 

“Uno spazio a due passi dal simbolo della città – spiega – dove poter dare vita anche ad attività e laboratori.  Servirebbe l'impegno di un mecenate, sul modello virtuoso di quanto altrove ha fatto l'imprenditore umbro Brunello Cucinelli, ma anche il piccolo contributo di tutti”.  Di qui, la proposta di dotare negozi, botteghe e ristoranti della città di un salvadanaio in cui devolvere, un po' alla volta, parte della propria spesa.  “Una raccolta fondi come il caffè sospeso che, partendo dal basso, piano piano, consentirebbe a Orvieto di investire sul suo futuro”.

Un tentativo di scrivere una nuova pagina di una storia lunga oltre dieci anni. Martedì 30 luglio, come noto, sono scaduti i termini per l'alienazione attraverso asta pubblica, la terza, del complesso ospedaliero dismesso e dell'adiacente immobile dell'ex Pediatria, entrambi di proprietà dell’Usl, senza l'individuazione di un acquirente.

L’asta svoltasi nella sede ternana dell’Azienda Usl Umbria 2 non si è però conclusa con l'individuazione di un acquirente.  Malgrado qualche manifestazione di interesse fattasi avanti e alcune procedure precedenti non andate in porto per vizi di forma, problemi tecnici e cavilli burocratici sottovalutati, il risultato era stato un nulla di fatto.

 

Commenta su Facebook