sociale

La comunità di Ficulle aspetta a braccia aperte il ritorno dello "Zio"

lunedì 3 giugno 2019
La comunità di Ficulle aspetta a braccia aperte il ritorno dello "Zio"

Con la sua croce di legno dal peso di 40 chili sulle spalle, non passa certo inosservato. Ma a "toccare" chi lo incontra è la sua storia di rinascita, raccontata di recente anche dal programma televisivo "Le Iene". Partito da Milano, in questi giorni, Gennaro Speria originario di Secondigliano, 46 anni, è transitato anche per il territorio orvietano.

Domenica 2 giugno ha preso parte anche alla processione dell'Ascensione di Ficulle. Un cammino a piedi, il suo, alla volta di Città del Vaticano dove spera di incontrare Papa Francesco che compie, come forma di espiazione dal suo passato difficile fatto di droga, carcere e furti.

Di lui si è accorto anche Inoki Ness che segue la sua storia e quella dell'officina "Area51" con cui l'ex detenuto sottrae dalla strada i giovani. Il rapper romano a sua volta non ha esitato a raggiungere Ficulle per incontrarlo, non mancando di salutare sui social gli amici del Bar-Tox.

Tutta la comunità di Ficulle ora lo attende a braccia aperte lungo la strada del ritorno. Nel frattempo, “lo Zio”, così è soprannominato, è ripartito alla volta di Orvieto.

Commenta su Facebook