sociale

"Musei Toscani per l'Alzheimer". Si presenta il progetto regionale

giovedì 8 novembre 2018
"Musei Toscani per l'Alzheimer". Si presenta il progetto regionale

E’ in programma lunedì 12 novembre alle ore 10.30 presso la Sala Pegaso della Provincia di Grosseto in Piazza Dante Alighieri 35, la presentazione del progetto regionale “Musei toscani per l'Alzheimer: una rete per il territorio” organizzata dalla Rete Musei di Maremma in collaborazione con la Regione Toscana. Un incontro che anticipa un corso di formazione inerente al progetto rivolto agli operatori museali e  a quelli geriatrici del territorio maremmano che si svolgerà a Grosseto tra dicembre 2018 e gennaio 2019.

Intervengono Irene Lauretti (nella foto), Presidente Musei di Maremma, Roberta Pieraccioli coordinatore Musei di Maremma, Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer ( AIMA Toscana), Cinzia Manetti funzionario Posizione organizzativa Attività educative della Regione Toscana, Cristina Bucci e Luca Carli Ballola del Coodinamento Musei Toscani per l’Alzheimer, Olga Ciaramella Consigliera della Provincia con la delega alla cultura e pari opportunità e i rappresentanti del Centro Studi Orsa e Cooperativa Nomos.  Al museo con l'Alzheimer è un progetto, realizzato dalla Regione in collaborazione con decine di musei in ogni provincia, che punta a far apprezzare e godere i musei e le opere d’arte che sono ospitate  alle persone che soffrono di questa malattia degenerativa usufruendo della guida di persone esperte e di visite concepite proprio per loro.

Per questo motivo una delle finalità del progetto è proprio la formazione che a Grosseto si rivolgerà con un corso per operatori museali e operatori geriatrici per un totale di 28 ore complessive. Gli obiettivi sono quelli di promuovere la consapevolezza dell’importante contributo che i musei possono dare alla creazione di una società più accogliente nei confronti delle persone che vivono con la demenza; formare educatori in grado di progettare e condurre attività accessibili per loro; preparare progetti ad hoc e far conoscere le potenzialità delle persone con Alzheimer. I musei in provincia di Grosseto che possono ospitare il progetto sono in particolare quelli già accessibili alle persone con diverse disabilità e che fanno parte del progetto della Rete Musei di Maremma “Musei SuperAbili” realizzato insieme all’Associazione Handy Superabile e l’Associazione culturale Prisma.

“Siamo molto orgogliosi di ospitare questo progetto – commenta Irene Lauretti presidente della Rete Musei di Maremma – perché rientra a pieno titolo nel nostro programma di rendere i musei visitabili alle persone con diverse disabilità, anche per chi soffre di una malattia degenerativa che le limita molto, come l'Alzheimer, e i loro familiari e accompagnatori, che mai si avventurerebbero nelle sale di un museo. E’ davvero una questione di civiltà”, conclude Lauretti. “Il museo in cui crediamo è proprio questo - aggiunge Cinzia Manetti della Regione -, non solo spazio di conservazione e tutela, luogo di studio, occasione educativa e di crescita culturale, ma anche terreno fertile per coltivare la memoria collettiva, spazio in cui sviluppare relazioni umane e senso di comunità. Ci piace molto la prospettiva in cui i musei diventano una “piazza inclusiva” – sottolinea - dove le attività museali fanno da tramite con le persone affette da Alzheimer, tentando di restituire loro la dignità e il ruolo sociale che spesso hanno perduto”.

Per ulteriori informazioni: www.museidimaremma.it                                  

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno