sociale

Gli orti in pace di migranti e stanziali. L'agricoltura ecologica diventa matrice di buone pratiche di integrazione

mercoledì 27 settembre 2017
Gli orti in pace di migranti e stanziali. L'agricoltura ecologica diventa matrice di buone pratiche di integrazione

È stata una merenda particolare, quella di domenica 17 settembre 2017, ad Allerona, organizzata dall’Associazione “Il Ginepro” in collaborazione con le Cooperative sociali “Il Quadrifoglio”, O.A.S.I, Oasi Agricola e l’Associazione Piano Terra. Un evento agricolo, gastronomico e sociale, ricolmo di felice umanità. Soprattutto, una risposta convincente a domande che, specie in questo periodo, incalzano sotto la sferza della paura, e che interrogano la coscienza dei singoli e la politica.

Domande che si riferiscono all’integrazione di persone in fuga da terre lontane, all’urgenza di rispondere alla paura dilagante che attribuisce al diverso l’origine del male, alla pratica della fraternità come emblema di una nuova forma di civiltà planetaria. Una possibile risposta, dicono gli associati de “Il Ginepro” e le cooperative sociali impegnate nell’accoglienza di profughi e rifiugiati, è quella di costruire piccoli mondi dove bianchi e neri, migranti e indigeni, sperimentano la fabbricazione di un frammento di realtà, magari di una realtà fondamentale e fondante dell’umano come quella della produzione e condivisione del cibo. L’experimentum mundi di Allerona merita d’essere raccontato. 

C’è l’esperienza di piccola agricoltura sinergica ed ecologica de “Il Ginepro” e c’è un lavoro di ricerca sulla sostenibilità ambientale e social che dura da anni. Poi ci sono i migranti, giovani dell’Africa centrale, ospitati in due strutture, a Monterubiaglio e a Monteleone d’Orvieto, seguiti dalla Cooperativa Sociale “Il Quadrifoglio”. In principio c’è diffidenza, paura. I migranti da una parte, i nativi dall’altra.

I primi sradicati, in fuga dalla morte. I secondi spaventati da quella che i media chiamano “invasione”. L’Associazione decide di costruire un piccolo mondo che si chiama “orti in pace”: apre la sua terra, che è poi quella concessa da Rita Fini Cuboni, ai ragazzi africani. In questa maniera anche loro avranno un orto sinergico con il quale produrre quelle varietà vegetali tipiche delle loro colture alimentari. Nell’altro orto sinergico, posto a fianco, si coltivano le varietà del luogo.

Poi ci si scambiano ruoli e competenze e si afferma un divertente “mètissage” che è, insieme, umano, agricolo e gastronomico. Insieme si raccolgono pomodori africani e lo “scatolone”, insalata e peperoni piccanti del Senegal, pannocchie di mais e amaranto, cipolle e melanzane. Alla fine si fa una festa, si mangia insieme, ripetendo con ciò il gesto fondante dell’umanità: la condivisione del cibo, delle storie, delle emozioni.

In conclusione, quella di domenica è stata una piccola e festosa merenda, alla quale erano stati invitati tutti gli amministratori dei comuni dell’Orvietano, utile a mostrare come la fabbricazione di un piccolo mondo “buono, pulito e giusto” e la collaborazione tra diverse sensibilità sociali e civiche possono generare empatia, amicizie e indicare tracciati virtuosi di integrazione e di solidarietà.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro