sociale

Con i "Language Angels", l'Unitre dell'Alto Orvietano e l'Università di Ottawa tornano a collaborare

lunedì 6 febbraio 2017
Con i "Language Angels", l'Unitre dell'Alto Orvietano e l'Università di Ottawa tornano a collaborare

Dopo il successo del 2015, riparte il progetto della cattedra di italianistica dell'Università di Ottawa per l'insegnamento della lingua italiana con la collaborazione dell'Unitre dell'Alto Orvietano, scelta per la realizzazione di questa innovativa esperienza ideata dalla professoressa Cristina Perissinotto. Da gennaio ad aprile un gruppo di volontari dell'associazione, ribattezzati "Language Angels", intraprenderanno colloqui via Skype con gli studenti dell'Università.

L'Unitre dell'Alto Orvietano, rispondendo ad una richiesta di collaborazione della cattedra d'italianistica dell'Università di Ottawa, ha dato inizio nel 2015 ad una sperimentazione unica al mondo: un supporto online per un corso d’italiano offerto agli studenti dell'università canadese. Il progetto, che si è svolto già nell'anno accademico 2014-2015 e che è nuovamente in corso da gennaio 2017, consiste in un corso di lingua italiana che utilizza, oltre all'insegnamento frontale in aula con i tradizionali libri di testo, anche una serie di conversazioni con gli associati dell'Unitre dell'Alto Orvietano, che si collegano online tramite Skype con gli studenti.

Per l'occasione, i volontari "come degli angeli", aiuteranno e supporteranno i ragazzi con delle conversazioni online. In questo corso intensivo, tenuto dalla docente, l'insegnamento frontale avrà luogo nelle prime settimane, dopodiché gli studenti studieranno tramite delle lezioni a distanza, create dalla professoressa Perissinotto e dai suoi collaboratori. Una lingua si impara parlandola, e a questo scopo la squadra di Ottawa si avvarrà anche dell’aiuto del team italiano. Questa è la vera novità di questo corso, unico al mondo per il momento.

 

Commenta su Facebook