sociale

Presepe Vivente a San Giovenale, nuovo percorso e cena a sostegno dell'organizzazione

mercoledì 21 dicembre 2016
di Davide Pompei
Presepe Vivente a San Giovenale, nuovo percorso e cena a sostegno dell'organizzazione

Rinnovato, il percorso. Immutato, l'intento. Portare un annuncio di necessaria speranza. Forte – più di tante rievocazioni – la dimensione interiore che ogni anno muove gli organizzatori del Presepe Vivente di Orvieto, già in fermento da giorni in vista della quarta edizione. Doppio, anche quest'anno, l'appuntamento che si rinnova lunedì 26 dicembre, nel pomeriggio di Santo Stefano e venerdì 6 gennaio, in quello dell'Epifania.

In entrambi i casi, le rappresentazioni avranno inizio alle 17.45, al civico 22 di Via Malabranca, dove ha sede Palazzo Simoncelli, oggi Petrangeli, con l'elegante chiostro dalle fattezze rinascimentali. Concepito come percorso itinerante, il presepe non punta tanto ad essere una ricostruzione fedelmente storica ma, sostenuta fin dal suo nascere dal desiderio di "far assaporare l’essenza del Natale, vuole con semplicità e gioia gridare l’annuncio della salvezza".

E per farlo invita tutti a perdersi in quel dedalo di vicoli che è il quartiere medioevale, con il tufo rischiarato dalla luce tremolante delle fiaccole, per poi ritrovarsi ritrovarsi – in contemplazione – di fronte ad una grotta che "accoglie tutti con Amore". All'ombra remota della Chiesa di San Giovenale, con le antiche grotte del suo giardino a far da quinte naturali, in uno spazio sospeso e un tempo rarefatto.

Ad amplificare la suggestione, il suono festante della cornamusa e musiche dolcissime. Voci che si fanno narranti, alternandosi ai cori di adulti e bambini. Oltre cento, i figuranti in costume intenti a rievocare gesti e mestieri antichi. Ai cherubini, nella seconda rappresentazione, si uniranno anche i Magi giunti da lontano seguendo la stella.

Partiranno anche quest'anno dalla Torre del Moro e, attraversata Piazza della Repubblica, faranno il loro arrivo al presepe intorno alle 18.30. Sarà, questo, l’inizio della rappresentazione inserita nel contesto de "La Natività ad Orvieto" – libero l'ingresso, benefico il ricavato dei contributi – che si concluderà nell’arco di un’ora e comunque entro le 20.

La rete spontanea creatasi fra alcuni membri del Comitato di San Giovenale e dell'Associazione "Comitato Cittadino dei Quartieri", con il supporto del Gruppo Scout di Orvieto, del Corteo dei Popolani e di singoli volontari è cresciuta in questi anni portando nel mese di marzo alla costituzione della onlus "Presepe & Orvieto". "Pur restando saldi nella proclamazione dell'annuncio contenuta nel Vangelo – sottolinea la presidente Anna Donatelliquest'anno intendiamo anche mettere in risalto la bellezza della città, con un percorso più articolato che invita tutti a mettersi in cammino, a farsi viandanti".

Così come hanno fatto gli oltre tremila visitatori contati lo scorso anno. L'associazione oltre all'organizzazione e alla responsabilità artistica del presepe, intende promuovere Orvieto, le sue bellezze e la sua tradizione. Per questo alla vigilia degli imminenti appuntamenti rivolge "uno speciale ringraziamento a tutti e a quanti, in particolare, si sono prodigati per l'organizzazione e l'allestimento". Intanto, dopo la "Cena dei Presepi" promossa ai piedi della Rupe dal Comitato Cittadino dei Quartieri venerdì 25 novembre nei locali adiacenti alla chiesa, in località Tamburino, per contribuire all'organizzazione degli eventi natalizi e condividere lo spirito che li anima, anche il ristorante "Il Giglio d'Oro" – nella centralissima Piazza Duomo – si fa promotore di un'iniziativa simile.

Si tratta di una cena a sostegno dell'Associazione "Presepe & Orvieto" prevista per giovedì 22 dicembre alle 20.30. Il menù prevede una selezione di salumi e formaggi serviti con pan brioche della casa, paccheri con ragù di maialino e cicerchia, faraona in salmì con contorno di patate e dolci natalizi. Il costo è di 20 euro a persona, comprensivi di acqua e vino della casa. L'intero ricavato aiuterà l'allestimento della rappresentazione del Presepe Vivente. "Un progetto – sottolineano dal locale – che promuove la città e le sue tradizioni. Aiutateci a sostenerlo, prenotate numerosi".

Per ulteriori informazioni:
393.6901083 – ristoranteilgigliodoro@gmail.com 

Commenta su Facebook