sociale

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

giovedì 26 maggio 2016
Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Sarà inaugurata martedì 31 maggio alle 16.30 alla Scuola Primaria "Erminia Frezzolini" di Sferracavallo la biblioteca scolastica, intitolata a Sheradzade, la bambina del campo di Idomeni i cui disegni sono al centro della campagna lanciata dal giornalista di Radio RAI Fabio Sanfilippo dal titolo "Io sono Sheradzade". L'apertura della biblioteca sarà anche l’occasione per inaugurare la mostra "Sheradzade disegna la guerra", con l’esposizione dei disegni della piccola profuga e la proiezione di un video per testimoniare il tragico destino di tutti i bambini che attendono oltre i muri dell'Europa.

Accanto alla dirigente scolastica Anna Rita Bellini all'appuntamento sono attesi lo stesso Fabio Sanfilippo e la scrittrice Susanna Tamaro. La mostra resterà allestita nell’atrio della scuola fino a martedì 7 giugno. Nella mattinata è stata riservata agli alunni della scuola un'anteprima, durante la quale i bambini potranno fare colazione in compagnia e scoprire lo spazio della biblioteca, rimesso a nuovo grazie al prezioso contributo di un genitore che ne ha decorato le pareti con immagini legate al mondo della letteratura per l'infanzia.

Il nuovo ambiente ospiterà i vecchi testi della scuola, i 300 libri vinti lo scorso anno dalla primaria di Sferracavallo con la partecipazione al concorso "Trecento in palio" e quelli donati dai cittadini attraverso l’iniziativa del "Libro Sospeso", grazie alla quale chiunque può offrire dei testi per ragazzi lasciandoli “sospesi” presso le varie librerie del territorio. Anche la catalogazione digitale è stata resa possibile grazie alla collaborazione di alcuni genitori.

L'inaugurazione costituisce il tanto atteso momento di una serie di iniziative legate al mondo del libro e della lettura che le insegnanti e gli alunni della scuola stanno portando avanti fin dallo scorso anno scolastico, attraverso concorsi, laboratori, storie, letture e “incursioni letterarie” nelle classi.

 

 

 

Commenta su Facebook