sociale

La Fondazione Cro assegna tre borse di studio a tre studentesse del territorio

venerdì 20 novembre 2015
La Fondazione Cro assegna tre borse di studio a tre studentesse del territorio

Sono state assegnate venerdì 20 novembre presso l’Auditorium di Palazzo Coelli, le tre Borse di Studio messe a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto per i diplomati nell’anno scolastico 2014/2015 che sono state consegnate, a nome dell’Ente, dal Presidente Vincenzo Fumi alle tre studentesse aggiudicatarie. Si tratta di Lucrezia Manieri (Istituto di Istruzione Superiore Scientifico e Tecnico di Orvieto ed iscritta a Ingegneria dell’Automazione presso il Politecnico di Milano), Cecilia Santori (Liceo Classico “F. A. Gualterio” ed iscritta a Scienze Farmaceutiche presso la Sapienza Università di Roma) e Michela Seccafien (Istituto di Istruzione Superiore Scientifico e Tecnico indirizzo “Amministrazione, Finanza e Marketing” ed iscritta a Economia Aziendale presso l’Università degli Studi della Tuscia).

"L’intento di questa iniziativa, la terza in 5 anni, durante i quali sono state assegnate ben 12 Borse di Studio a studenti del nostro territorio - ha sottolineato il presidente della Fondazione CRO Vincenzo Fumi - è quello di sostenere la prosecuzione degli studi dei neodiplomati meritevoli dopo la scuola superiore accompagnandoli, in presenza di risultati positivi, per l’intera durata legale di ciascun corso triennale, o per i primi tre anni nel caso in cui il corso prescelto abbia durata superiore. Il bando emanato dalla Fondazione testimonia la vicinanza dell’Ente orvietano alle esigenze di crescita delle comunità territoriali e la concreta volontà di favorire, con progetti concreti, lo sviluppo socio-culturale del territorio ricco di potenzialità.

È da sempre in quest’ottica che la Fondazione opera al fianco del territorio per promuoverne e sostenerne la crescita con importanti progetti nel settore di intervento “Istruzione e formazione”.
Attraverso questo settore la Fondazione ha realizzato e continua a realizzare progetti in grado di contribuire in maniera significativa alla promozione delle attività didattiche e formative del nostro territorio, favorendone la crescita qualitativa; questo perché si ha la convinzione che la qualità del sistema educativo d’istruzione e formazione sia una condizione fondamentale per la crescita culturale dell’individuo e di conseguenza dell’intera società.

È per questo che l’Ente orvietano, che considera centrale il ruolo assunto dall’istruzione e dalla formazione nei processi di crescita e modernizzazione delle società civili evolute e da sempre attento ai temi dell’istruzione e della formazione, rivolge un’attenzione particolare al mondo della scuola e dell’istruzione in generale come testimoniano i molteplici interventi a favore degli istituti scolastici del nostro territorio".

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità