sociale

Sottoposto a restauro il Sacro Corporale. Sette precetti per la conservazione futura

martedì 28 aprile 2015
di Davide Pompei
Sottoposto a restauro il Sacro Corporale. Sette precetti per la conservazione futura

Salvaguardare la reliquia più preziosa, custodita in Duomo nel tabernacolo dell'Orcagna, dagli agenti che rischiano di deteriorarla irreparabilmente. E, al tempo stesso, consentire al mondo di continuare a fruire dell'emblema stesso dell'Eucaristia. Le urgenze si prospettano all'indomani dell'intervento di restauro conservativo, "una sorta di check-up", a cui il Sacro Corporale è stato sottoposto e i cui risultati sono stati presentati lunedì 27 aprile nel salone dell'Episcopio di Orvieto.

"Uno sguardo approfondito, scientificamente attento ma sostenuto anche dalla fede necessaria ad entrare nel mistero – ha esordito monsignor Benedetto Tuzia, vescovo della Diocesi di Orvieto-Todi – ha rivelato che lo stato di salute del Corporale del miracolo di Bolsena che si venera nella cappella del Duomo di Orvieto non è poi così ottimale. Il Vangelo e le Scritture ci impongono di essere custodi responsabili di una reliquia che va tramandata nel migliore dei modi. Affinché, scrive Giovanni, i posteri possano 'volgere lo sguardo a Colui che hanno trafitto'".

L'indagine, partita all'indomani di un sopralluogo effettuato giovedì 5 febbraio, si è protratta previa comunicazione al Soprintendente Fabio De Chirico (S.B.S.A.E dell'Umbria) da lunedì 23 febbraio a venerdì 27 marzo, in coincidenza con la Quaresima, per arrivare all'ostensione della reliquia nel giorno di Pasqua. Ogni operazione è stata preceduta da una meticolosa documentazione fotografica, in luce normale e in fluorescenza ultravioletta, eseguita da Massimo Roncella.

"Lo stato di conservazione del Corporale – ha spiegato Ester Giovacchini, esperta in restauro e conservazione di tessuti antichi, coadiuvata durante le fasi salienti da Danielle Yvonne Dusoczky, esperta in restauro ligneo, pittorico e materiale lapideo – risulta compromesso. Oltre che microforato rispetto a 52 zone a causa della tecnica di sospensione anticamente adottata, mostra 56 lacune, molte delle quali sottoposte a tensione. I dati tecnici assimilati a quelli ottenuti attraverso rilievi grafici hanno determinato, inoltre, le dimensioni reali del lino. La parte a vista è di 48 x 51,5 cm. Spiegando i lembi si raggiunge la forma quadrangolare di 71,5 x 77,5 cm".

A incidere sulla conservazione, gli sbalzi micro-climatici, la costante esposizione alla luce esterna verificatasi negli ultimi 37 anni e poi crepe e fessurazioni presenti nella tavoletta lignea di supporto. Prodotto in tela di lino, il Corporale è, infatti, ancorato ad ago su un tessuto di raso in seta avorio, che a sua volta è applicato su una tavoletta di legno dolce imbollettata con chiodi posti lungo lo spessore dei bordi.

"Ogni sezione – ha puntualizzato Giovacchini – restituisce depositi biologici costituiti da sangue, scisso in plasma e siero, riprodotti per trasmissione in modo speculare e simmetrico nel rispetto delle pieghe originarie. Il recupero della tavoletta lignea eseguito tramite materiale consolidante, la velatura autoportante con tela serica di Crepeline in tinta e l’applicazione sul verso di un telo di seta con funzione di contenimento, sono operazioni conservative che restituiscono alla reliquia la possibilità di preservare, temporaneamente, la caduta di fibre e/o di frammenti, di essere esposta in verticale, entro reliquiario esistente in argento con un nuovo vetro dalle elevate caratteristiche di resistenza, durevolezza, antiriflesso, stratificato e con protezione UV. Alla disinfestazione in bolla termoplastica con azoto atmosferico, realizzata con esito positivo dalla Tirrenia Srl di Genova, con controlli diretti di UR in bolla, ha fatto seguito l’operazione di micro-aspirazione con raccolta delle polveri entro contenitore sterile, sigillato e consegnato al Capitolo del Duomo".

Le fasi di recupero sono state accompagnate da rilevamenti dei dati ambientali del tabernacolo e della Cappella del Sacro Corporale. Di qui, l'indicazione di sette precetti suggeriti già ai sacerdoti giovedì 26 marzo presso la Casa Diocesana di Spagliagrano che suonano come monito alla prevenzione.

In particolare, è consigliata la rimozione del supporto in raso. Un restauro volto alla restituzione totale del Sacro Corporale. E poi la creazione di un nuovo supporto e la traslazione del lino restaurato, la progettazione e realizzazione di una nuova teca basculante, il controllo periodico di temperature e valori ambientali, l'approfondimento degli studi interdisciplinari. E, su tutto, la limitazione delle ostensioni pubbliche.

"Le indicazioni che arrivano dallo studio – ha detto al riguardo don Stefano Puri, presidente del Capitolo della Cattedrale – sono molto chiare e saranno oggetto di un'attenta riflessione. Le decisioni saranno prese in accordo". Non appare infatti in dubbio, almeno nell'immediato, l'uscita della reliquia in occasione del Corpus Domini, ma certo occorrono accorgimenti tecnici durante il resto dell'anno per limitare ulteriori possibili danneggiamenti. "Si tratterà di capire – ha convenuto l'avvocato Francesco Venturi, presidente dell'Opera del Duomo – come e quanto rendere visibile il Sacro Corporale che, fino al 1979, non era stato così esposto all'aggressione della luce esterna".

Qualcosa di simile, tra i meandri di spiritualità, devozione ed esigenze di conservazione, avviene già con la Sacra Sindone."...Et il miraculo è che in ogni piega di detto Corporale miracolosamente si vede sculpita di sangue l'immagine d'un Ecce Homo...".

Pubblicato da Gianni Pietro Mencarelli il 29 aprile 2015 alle ore 09:00
leggevo tanto tempo fa in uno scritto sulla storia del Miracolo: "si dice che"; mi sembrerebbe opportuno in vista dei restauri, effettuare anche quelle ricerche scientifiche che potrebbero esattamente datare,ed analizzare "il Sacro Corporale"per aiutare a capire meglio i fatti avvenuti senza dover ricorrere solo "alla fede" o alle credenze popolari.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni