sociale

Anddos: "Orvieto città modello di civiltà e democrazia dei diritti"

mercoledì 19 novembre 2014
Anddos: "Orvieto città modello di civiltà e democrazia dei diritti"

L'Associazione Nazionale ANDDOS rivolge il proprio apprezzamento e sostegno al Consiglio Comunale di Orvieto che ha ha dato lezione di democrazia dei diritti, bocciando la mozione della “famiglia naturale”, così carica di pericolosi rigurgiti omofobici.

“Orvieto città modello dell'Umbria – sottolinea il Presidente Marco Canale – ed esempio per tutti gli altri Comuni d'Italia che non hanno ancora approvato il registro delle Unioni Civili. Come già stabilito dalla Suprema Corte, un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia omosessuale perché si tratta solamente di un "mero pregiudizio" sostenere che "sia dannoso per l'equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale”.

Non solo non sussistono certezze scientifiche che possano avvalorare tali pregiudizi discriminatori, ma in realtà ci sono tanti studi, provenienti anche da Oltreoceano, che dimostrano come l'orientamento sessuale all'interno di una coppia non condiziona in alcun modo la crescita di un bambino che ha necessità di amore e affetto. La nostra Associazione conta attualmente 61 circoli in tutta Italia: i nostri 111.460 associati intendono ribadire l'importanza del contrasto a qualsiasi forma di discriminazione da orientamento sessuale.

Le istituzioni e i singoli partiti, anziché perdere tempo prezioso per tentare di approvare mozioni inopportune, devono entrare nelle scuole ed informare i più giovani su come combattere tutte le discriminazioni, devono promuovere lo sviluppo della personalità dell'individuo nella società abbattendo ogni forma di pregiudizio. Semplicemente educando alle differenze. Soprattutto tra i giovani. Perché lottare contro l'omofobia significa lottare contro ogni tipo di discriminazione: la nostra Associazione è impegnata quotidianamente in una battaglia di civiltà, cultura, intelligenza, rispetto ed educazione”.


Questa notizia è correlata a:

Orvieto sceglie la strada del registro delle Unioni Civili, passa la proposta dei 5stelle

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune