sociale

Successo per l'iniziativa "Violenza e femminicidio: alle origini della cultura della sottomissione"

martedì 18 giugno 2013
Successo per l'iniziativa "Violenza e femminicidio: alle origini della cultura della sottomissione"

Ha riscosso successo l'annunciato seminario formativo organizzato dalle donne di Rifondazione Comunista del Trasimeno e dell'Alto Orvietano, che hanno voluto interrogarsi sulle motivazioni del femminicidio, diventata ormai emergenza sociale, alla presenza di un gruppo di uomini e donne, amministratori, operatori sociali, che hanno partecipato ad un acceso dibattito con l'antropologa Michela Zucca, che da anni si occupa di storia delle donne e cultura di genere. L'artista Perseo ha realizzato un'opera d'arte per l'iniziativa (nella foto).

I dati e i contenuti emersi sono allarmanti: una donna su tre subisce violenza, un uomo su tre la compie. La famiglia è tornata ad essere un ambito privato, in cui i problemi devono essere risolti dall'interno e in cui non bisogna impicciarsi. Il femminicidio, fenomeno relativamente nuovo, degli ultimi dieci anni, è solo la punta di un iceberg che parla di una serie infinita di violenze che la donna subisce senza fiatare e che culminano nella sua eliminazione. La famiglia è la situazione più a rischio per violenza e femminicidio. Nel 2002 gli omicidi maturati all'interno dei "rapporti di prossimità" prendono il sopravvento su quelli malavitosi. E il fenomeno è in aumento.

La violenza subita deve essere considerata come un delitto classista anche perché le donne si trovano, a tutt'oggi, in condizioni di inferiorità economica rispetto agli uomini. Inferiorità che continua ad accrescere rispetto a vent'anni fa, perché cresce la precarizzazione del lavoro, e la componente femminile è la più precaria di tutte. Non solo: la mentalità comune, e soprattutto quella

dei datori di lavoro, oggi più che mai, si basa sulla cultura del familismo: rifiuta di considerare la donna un soggetto autonomo che da uno stipendio ha il diritto di ricavare il necessario per sostenersi completamente, e considera invece il suo compenso lavorativo come un "surplus" che va ad integrare la fonte di reddito principale (fornita da un maschio). Il fatto che le donne non possano andarsene di casa per una serie di fattori oggettivi: ciò che guadagnano non è sufficiente a mantenerle; le case popolari non vengono assegnate a donne sole; la famiglia di provenienza cerca di indurle ad accettare le "discussioni" e ad essere "elastiche", le espone maggiormente al rischio di essere uccise in caso di crisi. Quindi la possibilità di ottenere giustizia, sia legale che sociale, si rivela ancora una volta un privilegio di classe. Altra cosa che fa paura è che una gran parte dei femminicidi sono commessi da uomini che in qualche modo dovrebbero difendere la legge: esponenti delle forze dell'ordine, militari, guardie giurate che sono in possesso legale di un'arma da fuoco (43% degli uxoricidi avviene per mezzo di un'arma da fuoco), e che la usano per ammazzare la partner quando questa decide di andarsene.

In famiglia le madri insegnano alle figlie a "capire" e gran parte delle denunce per violenza vengono ritirate per mantenere "l'integrità della famiglia". Anche perché fuori dalla famiglia (quella di origine e quella costruita, entrambe ostacolanti il progetto di uscita della donna in difficoltà) si è completamente sole. Fino a quando si va a scuola, sembra che il problema non esista. Le insegnanti (fra l'altro, quasi tutte femmine....) non ne parlano; a casa l'argomento è tabù. Quando si finisce sul mercato del lavoro, si spalanca un mondo. E si scopre che a parità di compiti si prende - se va bene - il 30% in meno; che le donne non le assumono; che ti chiedono se sei fidanzata e se hai intenzione di partorire; e che coi nuovi contratti, non hanno neanche bisogno di licenziarti se rimani incinta.

La "nuova donna" si ritrova sempre più sola: la scomparsa della famiglia estesa ha aggravato la sua fatica, privandola di qualunque aiuto. La casa deve essere sempre pulita, così come abiti e biancheria di tutta la famiglia; lei deve essere sempre a posto e non può permettersi di invecchiare; cucina due volte al giorno.... E lavora in casa (dopo l'ufficio) sette volte un uomo. Ciò si traduce in un enorme numero di infortuni, che non sono riconosciuti come infortuni sul lavoro.  Non è possibile tentare una risposta che sia solo repressiva, anche perché i posti in galera sono limitati; quelli per le donne nelle strutture protette ancora di più. Il femminicidio nasconde un fenomeno che coinvolge decine di migliaia di persone: una vera e propria colpa di massa. Si può essere incisivi attraverso la disapprovazione sociale conseguente ad un cambiamento culturale profondo e alla formazione in qualunque ambito: cosa che appunto manca per precisa volontà politica, sociale, culturale. La soluzione può essere soltanto culturale: imporre la formazione alle pari opportunità nelle scuole di ogni ordine e grado, obbligatoria e con voto. Inoltre si deve ritornare in piazza a combattere per i diritti delle donne: da quando il movimento femminista ha smesso di esistere, di certi temi non si è più parlato, in quanto sembravano risolti. Invece, la conquiste civili che vanno contro una cultura acquisita devono essere continuamente riconfermate per un periodo di tempo lungo tanto quanto ci hanno impiegato ad affermarsi. Se non sono sostenute dallo Stato, svaniscono in poco tempo specie nelle fasce deboli.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 luglio

Alla Zambelli Orvieto il preparatore atletico è Ivan Guzzo

Di giustizia non ci si deve mai stancare di discuterne

TerniOn Festival premia l'arte. Spazio ad artisti e studenti delle scuole superiori

Aspettando La Carrareccia, in scadenza le iscrizioni a prezzo ridotto

Al Palazzo dei Sette inaugurata la mostra di Gene Pompa. Bella come un sogno felice

Allerona ricorda i caduti della Grande Guerra. Nuovo numero per i Quaderni Alleronesi

Fiumi di birra e musica dal vivo nel centro storico di Baschi con "In Bocca al Luppolo"

"Teverina Rock Festival. I giovani e il rock contro le mafie", via alla prima edizione

"Insieme per un Sorriso". Cena di beneficienza a Canonica a sostegno delle popolazioni del Camerun

A scuola di salute, la Regione approva lo schema di protocollo per favorire la lettura

Mercurio nel Paglia. Italia Nostra: "Dal focus dati allarmanti, occorrono ordinanze più restrittive"

Biglietto ridotto al Pozzo di San Patrizio per i possessori di "Umbria Green Card"

"OrvietoVIE, museo diffuso", affidata all'associazione "Orvieto Carta Unica" la gestione dei servizi

Caso quote Bpb, le rassicurazioni della presidenza del consiglio comunale

Risparmio energetico, il Comune entra in Consip. I primi interventi nel 2017

Arrivano gli autovelox, ecco dove. "Le postazioni attive saranno sempre segnalate"

Al Parco San Marco, decima edizione per "The Grove Festival"

Concerti estivi, spettacoli e incontri senza confini. I nomi in arrivo tra Umbria e Lazio

Al Santuario dell'Amore Misericordioso, secondo Convegno per Confessori

Non credere

Desiderandola

Baseball, i Rams concludono a testa alta il campionato di serie A

Pugilato, presentazione umbra per la squadra olimpica di Rio 2016

Al via "Tuscia in Jazz Festival". A Civita di Bagnoregio torna la Notte Bianca del Jazz

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni