SCOPRI

Offerta Banner
99 euro per 30 giorni

sociale

Successo per l'iniziativa "Violenza e femminicidio: alle origini della cultura della sottomissione"

martedì 18 giugno 2013
Successo per l'iniziativa "Violenza e femminicidio: alle origini della cultura della sottomissione"

Ha riscosso successo l'annunciato seminario formativo organizzato dalle donne di Rifondazione Comunista del Trasimeno e dell'Alto Orvietano, che hanno voluto interrogarsi sulle motivazioni del femminicidio, diventata ormai emergenza sociale, alla presenza di un gruppo di uomini e donne, amministratori, operatori sociali, che hanno partecipato ad un acceso dibattito con l'antropologa Michela Zucca, che da anni si occupa di storia delle donne e cultura di genere. L'artista Perseo ha realizzato un'opera d'arte per l'iniziativa (nella foto).

I dati e i contenuti emersi sono allarmanti: una donna su tre subisce violenza, un uomo su tre la compie. La famiglia è tornata ad essere un ambito privato, in cui i problemi devono essere risolti dall'interno e in cui non bisogna impicciarsi. Il femminicidio, fenomeno relativamente nuovo, degli ultimi dieci anni, è solo la punta di un iceberg che parla di una serie infinita di violenze che la donna subisce senza fiatare e che culminano nella sua eliminazione. La famiglia è la situazione più a rischio per violenza e femminicidio. Nel 2002 gli omicidi maturati all'interno dei "rapporti di prossimità" prendono il sopravvento su quelli malavitosi. E il fenomeno è in aumento.

La violenza subita deve essere considerata come un delitto classista anche perché le donne si trovano, a tutt'oggi, in condizioni di inferiorità economica rispetto agli uomini. Inferiorità che continua ad accrescere rispetto a vent'anni fa, perché cresce la precarizzazione del lavoro, e la componente femminile è la più precaria di tutte. Non solo: la mentalità comune, e soprattutto quella

dei datori di lavoro, oggi più che mai, si basa sulla cultura del familismo: rifiuta di considerare la donna un soggetto autonomo che da uno stipendio ha il diritto di ricavare il necessario per sostenersi completamente, e considera invece il suo compenso lavorativo come un "surplus" che va ad integrare la fonte di reddito principale (fornita da un maschio). Il fatto che le donne non possano andarsene di casa per una serie di fattori oggettivi: ciò che guadagnano non è sufficiente a mantenerle; le case popolari non vengono assegnate a donne sole; la famiglia di provenienza cerca di indurle ad accettare le "discussioni" e ad essere "elastiche", le espone maggiormente al rischio di essere uccise in caso di crisi. Quindi la possibilità di ottenere giustizia, sia legale che sociale, si rivela ancora una volta un privilegio di classe. Altra cosa che fa paura è che una gran parte dei femminicidi sono commessi da uomini che in qualche modo dovrebbero difendere la legge: esponenti delle forze dell'ordine, militari, guardie giurate che sono in possesso legale di un'arma da fuoco (43% degli uxoricidi avviene per mezzo di un'arma da fuoco), e che la usano per ammazzare la partner quando questa decide di andarsene.

In famiglia le madri insegnano alle figlie a "capire" e gran parte delle denunce per violenza vengono ritirate per mantenere "l'integrità della famiglia". Anche perché fuori dalla famiglia (quella di origine e quella costruita, entrambe ostacolanti il progetto di uscita della donna in difficoltà) si è completamente sole. Fino a quando si va a scuola, sembra che il problema non esista. Le insegnanti (fra l'altro, quasi tutte femmine....) non ne parlano; a casa l'argomento è tabù. Quando si finisce sul mercato del lavoro, si spalanca un mondo. E si scopre che a parità di compiti si prende - se va bene - il 30% in meno; che le donne non le assumono; che ti chiedono se sei fidanzata e se hai intenzione di partorire; e che coi nuovi contratti, non hanno neanche bisogno di licenziarti se rimani incinta.

La "nuova donna" si ritrova sempre più sola: la scomparsa della famiglia estesa ha aggravato la sua fatica, privandola di qualunque aiuto. La casa deve essere sempre pulita, così come abiti e biancheria di tutta la famiglia; lei deve essere sempre a posto e non può permettersi di invecchiare; cucina due volte al giorno.... E lavora in casa (dopo l'ufficio) sette volte un uomo. Ciò si traduce in un enorme numero di infortuni, che non sono riconosciuti come infortuni sul lavoro.  Non è possibile tentare una risposta che sia solo repressiva, anche perché i posti in galera sono limitati; quelli per le donne nelle strutture protette ancora di più. Il femminicidio nasconde un fenomeno che coinvolge decine di migliaia di persone: una vera e propria colpa di massa. Si può essere incisivi attraverso la disapprovazione sociale conseguente ad un cambiamento culturale profondo e alla formazione in qualunque ambito: cosa che appunto manca per precisa volontà politica, sociale, culturale. La soluzione può essere soltanto culturale: imporre la formazione alle pari opportunità nelle scuole di ogni ordine e grado, obbligatoria e con voto. Inoltre si deve ritornare in piazza a combattere per i diritti delle donne: da quando il movimento femminista ha smesso di esistere, di certi temi non si è più parlato, in quanto sembravano risolti. Invece, la conquiste civili che vanno contro una cultura acquisita devono essere continuamente riconfermate per un periodo di tempo lungo tanto quanto ci hanno impiegato ad affermarsi. Se non sono sostenute dallo Stato, svaniscono in poco tempo specie nelle fasce deboli.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 novembre

"Entro luglio, un Parco Avventura nel Bosco di Carbonara e uno tematico sui Dinosauri"

E-Bike Sharing intorno al lago, tre Comuni pronti a pedalare insieme

Meridiane e orologi dell'Umbria in un libro, strumenti astronomici al Museo Archeologico

"Orvieto per Anna" incanta il Mancinelli. Strabioli: "L'omaggio prosegua pensando ai giovani"

Ufficiali della Repubblica Popolare Cinese in visita alla Caserma "Soccorso Saloni"

Nasce Vetrya Iberia. Obiettivo, internazionalizzare servizi e soluzioni digital

Dalla Regione, 475.000 euro per la Scuola d'Infanzia di Guardea

Omaggio a Fabrizio De Andrè. Concerto al Teatro Secci per gli Hotel Supramonte

Ulivi tortuosi

Fontana pubblica rosa, conferenze, rappresentazioni e la mostra "Essere una donna"

Passeggiata femminista notturna per dire "Basta alla violenza sulle donne"

La Orvieto in affitto

Al Teatro Mancinelli "Il Malato Immaginario". Gioele Dix apre la Stagione di Prosa

"Questo non è amore": la campagna della Polizia di Stato contro la violenza di genere

San Venanzo aderisce, "il rispetto è alla base di ogni rapporto"

Coach Matteo Solforati elogia la sua Zambelli Orvieto

Barbara De Rossi e Francesco Branchetti portano "Coro di donna e uomo" al Teatro Spazio Fabbrica

Le botteghe storiche si raccontano. Prima tappa della creazione di un itinerario turistico nel centro storico

Maratona di lettura ad alta voce dei Lettori Portatili, per ricordare i 150 anni della nascita di Pirandello

Femminicidio: una piaga che non riusciamo a rimarginare

Alla Sala Regia si presenta il libro "La Serpara / dialoghi tra arte e natura"

"È nato sei settimane prima, ma stiamo bene. Grazie ai reparti di Ostetricia e Pediatria"

Parcheggi gratis nel periodo natalizio, la mozione della minoranza va in discussione a fine mese

Orvieto riceve al Parlamento Europeo di Bruxelles il riconoscimento internazionale di "Comune Europeo dello Sport 2017"

Eventi natalizi dedicati a popolazioni colpite da sisma

Sisma in Umbria, riunito il Comitato strategico per rilancio del turismo

Sempre bandiera rossa

Riforme ed assetto dirigenti regionali, in arrivo il disegno di legge

Attenti a quei due, Barili e Abbate presentano "Antologica" al Teatro dei Calanchi

Sogni sul lago

Pd: "Serenità nell'attesa dell'esito delle indagini. Inopportune e incoerenti le opposizioni"

Villa Paolina

Consiglio provinciale, nel 2017 si va a nuove elezioni

San Venanzo aderisce alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Al Mancinelli "Non ho peccato abbastanza". Il teatro denuncia la violenza

In morte di un amico

Dalla giunta regionale un milione e settecentomila euro per gli asili nido

Un torrone natalizio per aiutare i terremotati della zona di Norcia

"Crash Scene. Indicazioni Salva Vita", nell'ambito della Campagna ACI "Strade Sicure 2016"

L'Arma celebra Virgo Fidelis. "Date speranza a chi l'ha perduta"

Uno zar alla corte del re tartufo. A Ivan Zaytsev il Vanghetto d'Oro 2016

Si dimette l'assessore Martino. Entro 48 ore, nuovo ingresso in giunta

La pallacanestro orvietana compie 70 anni. In corso i preparativi per le celebrazioni

Liberati (M5S): "Quinto giorno di assordante silenzio da Catiuscia Marini"

"Lo scrittore non ha fame", il nuovo coinvolgente romanzo di Maria Letizia Putti

"Lo Yoga di Yogananda". Presentazione del libro e workshop esperienziale

Dopo il terremoto, controlli nelle scuole. "Alla Barzini, le problematiche non sono riconducibili al sisma"

Fonti del Tione, risolti i problemi con la sostituzione dei filtri

Sì al pre-dissesto in Provincia, nonostante il parere negativo dei Revisori dei Conti

Servizio tributi, prelievo di 44 mila euro. In consiglio, letta la nota della Fondazione Cro

Ztl, segnaletica stradale e manutenzione. Sollecitazioni bipartisan in consiglio

PalaCongressi, a gennaio 2017 la pubblicazione del bando europeo

Un fiore per Bianca

Frana di Sugano, si attende il secondo finanziamento per terminare la messa in sicurezza

Piene del Paglia e gestione dell'emergenza, l'amministrazione prova a fare chiarezza

Torquati e Balestra, chi sfiora il ridicolo?

Le mille voci di Antonio Mezzancella animano il pomeriggio a "Porta d'Orvieto"

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, i supermercati dell'Orvietano coinvolti

Istituto di beneficenza "Piccolomini Febei", nel cda entra Piergiorgio Pizzo

La riqualificazione del centro storico passa per la rimozione dei pali, sì unanime del consiglio

Incidenza tumorale a Bagni, botta e risposta in consiglio

"Trattenere dal contributo italiano al bilancio Ue le risorse per la ricostruzione post-terremoto"

Impiantistica sportiva di Ciconia nel degrado, la vicesindaco ridimensiona

Aree Interne, ok alla bozza di strategia. Respinta la risoluzione sulla MedioEtruria