sociale

Successo per l'iniziativa "Violenza e femminicidio: alle origini della cultura della sottomissione"

martedì 18 giugno 2013
Successo per l'iniziativa "Violenza e femminicidio: alle origini della cultura della sottomissione"

Ha riscosso successo l'annunciato seminario formativo organizzato dalle donne di Rifondazione Comunista del Trasimeno e dell'Alto Orvietano, che hanno voluto interrogarsi sulle motivazioni del femminicidio, diventata ormai emergenza sociale, alla presenza di un gruppo di uomini e donne, amministratori, operatori sociali, che hanno partecipato ad un acceso dibattito con l'antropologa Michela Zucca, che da anni si occupa di storia delle donne e cultura di genere. L'artista Perseo ha realizzato un'opera d'arte per l'iniziativa (nella foto).

I dati e i contenuti emersi sono allarmanti: una donna su tre subisce violenza, un uomo su tre la compie. La famiglia è tornata ad essere un ambito privato, in cui i problemi devono essere risolti dall'interno e in cui non bisogna impicciarsi. Il femminicidio, fenomeno relativamente nuovo, degli ultimi dieci anni, è solo la punta di un iceberg che parla di una serie infinita di violenze che la donna subisce senza fiatare e che culminano nella sua eliminazione. La famiglia è la situazione più a rischio per violenza e femminicidio. Nel 2002 gli omicidi maturati all'interno dei "rapporti di prossimità" prendono il sopravvento su quelli malavitosi. E il fenomeno è in aumento.

La violenza subita deve essere considerata come un delitto classista anche perché le donne si trovano, a tutt'oggi, in condizioni di inferiorità economica rispetto agli uomini. Inferiorità che continua ad accrescere rispetto a vent'anni fa, perché cresce la precarizzazione del lavoro, e la componente femminile è la più precaria di tutte. Non solo: la mentalità comune, e soprattutto quella

dei datori di lavoro, oggi più che mai, si basa sulla cultura del familismo: rifiuta di considerare la donna un soggetto autonomo che da uno stipendio ha il diritto di ricavare il necessario per sostenersi completamente, e considera invece il suo compenso lavorativo come un "surplus" che va ad integrare la fonte di reddito principale (fornita da un maschio). Il fatto che le donne non possano andarsene di casa per una serie di fattori oggettivi: ciò che guadagnano non è sufficiente a mantenerle; le case popolari non vengono assegnate a donne sole; la famiglia di provenienza cerca di indurle ad accettare le "discussioni" e ad essere "elastiche", le espone maggiormente al rischio di essere uccise in caso di crisi. Quindi la possibilità di ottenere giustizia, sia legale che sociale, si rivela ancora una volta un privilegio di classe. Altra cosa che fa paura è che una gran parte dei femminicidi sono commessi da uomini che in qualche modo dovrebbero difendere la legge: esponenti delle forze dell'ordine, militari, guardie giurate che sono in possesso legale di un'arma da fuoco (43% degli uxoricidi avviene per mezzo di un'arma da fuoco), e che la usano per ammazzare la partner quando questa decide di andarsene.

In famiglia le madri insegnano alle figlie a "capire" e gran parte delle denunce per violenza vengono ritirate per mantenere "l'integrità della famiglia". Anche perché fuori dalla famiglia (quella di origine e quella costruita, entrambe ostacolanti il progetto di uscita della donna in difficoltà) si è completamente sole. Fino a quando si va a scuola, sembra che il problema non esista. Le insegnanti (fra l'altro, quasi tutte femmine....) non ne parlano; a casa l'argomento è tabù. Quando si finisce sul mercato del lavoro, si spalanca un mondo. E si scopre che a parità di compiti si prende - se va bene - il 30% in meno; che le donne non le assumono; che ti chiedono se sei fidanzata e se hai intenzione di partorire; e che coi nuovi contratti, non hanno neanche bisogno di licenziarti se rimani incinta.

La "nuova donna" si ritrova sempre più sola: la scomparsa della famiglia estesa ha aggravato la sua fatica, privandola di qualunque aiuto. La casa deve essere sempre pulita, così come abiti e biancheria di tutta la famiglia; lei deve essere sempre a posto e non può permettersi di invecchiare; cucina due volte al giorno.... E lavora in casa (dopo l'ufficio) sette volte un uomo. Ciò si traduce in un enorme numero di infortuni, che non sono riconosciuti come infortuni sul lavoro.  Non è possibile tentare una risposta che sia solo repressiva, anche perché i posti in galera sono limitati; quelli per le donne nelle strutture protette ancora di più. Il femminicidio nasconde un fenomeno che coinvolge decine di migliaia di persone: una vera e propria colpa di massa. Si può essere incisivi attraverso la disapprovazione sociale conseguente ad un cambiamento culturale profondo e alla formazione in qualunque ambito: cosa che appunto manca per precisa volontà politica, sociale, culturale. La soluzione può essere soltanto culturale: imporre la formazione alle pari opportunità nelle scuole di ogni ordine e grado, obbligatoria e con voto. Inoltre si deve ritornare in piazza a combattere per i diritti delle donne: da quando il movimento femminista ha smesso di esistere, di certi temi non si è più parlato, in quanto sembravano risolti. Invece, la conquiste civili che vanno contro una cultura acquisita devono essere continuamente riconfermate per un periodo di tempo lungo tanto quanto ci hanno impiegato ad affermarsi. Se non sono sostenute dallo Stato, svaniscono in poco tempo specie nelle fasce deboli.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Serena Autieri, doppia principessa del popolo. Al Lyrick, "Diana & Lady D"

Interventi antisismici sui beni culturali. Oltre 2 milioni di euro a Orvieto, più di 18 nella Tuscia

Concorso fotografico "Quel filo sottile…che ci unisce"

Pd Orvieto: "Apprezzamento e soddisfazione per il finaziamento del Mibact"

"No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio"

Arriva il ticket online per Civita, la presentazione nello spazio Lazio Innova

Confcommercio: "Occorrono un metodo rigoroso e risorse certe per rilanciare il turismo"

"Monastero Invisibile", una rete di preghiera diocesana per tutte le vocazioni

Cafè Loti in "concerto al buio" al Teatro Boni per "M'illumino di meno"

Gianna Paola Scaffidi e Rosario Galli al Teatro Boni sono "Prigionieri al 7° piano"

"Oltre i confini della pena". Quando il lavoro cambia i destini delle persone

Il Museo Geologico e delle Frane guida le scuole della Teverina alla scoperta del territorio

La Confraternita di San Martino raccontata da Colombo Bastianelli

Museo vulcanologico e illuminazione pubblica spenta un'ora per "M'illumino di meno"

Dal Gal ternano fondi per la Chiesa di San Giovanni Battista e strutture adiacenti

Nella Chiesa di San Giovenale l'ultimo saluto a Marcella Rotili

Sarà l'Unione dei Comuni a gestire le funzioni in carico alla Provincia

Presentata alla Camera dei Deputati la mostra che porta Campo della Fiera in Lussemburgo

Testamento Biologico, registro delle dichiarazioni in Comune

Festival dello Street Food, non c'è l'accordo per l'edizione 2018

Aperte le iscrizioni al Corso di percezione visiva per appassionati di fotografia

Verini (Pd): "Un intervento di grande rilievo"

Comune e Opera del Duomo: "Riconoscimento importante per la tutela della città"

Piazza del Popolo senza auto dal 24 marzo. Orvieto per Tutti: "L'agorà è altrove"

Orvieto FC, sfida contro il Clt per aprire la seconda parte del Campionato

Al Palazzo dei Sette "Riformare la politica in Umbria, in Italia, in Europa"

Spazi pubblici ad associazioni private? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

"La traduzione plastica dell'anima". Si presenta il libro dedicato all'arte di Antonio Ranocchia

Brillano stelle tifernati al Premio per la Danza "Città di Orvieto"

La Zambelli Orvieto continua a stupire ed espugna Chieri

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dell’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia d’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica l’intenzione di avviare l’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano