sociale

Dall'Ospedale di Acquapendente ad un villaggio del Kenya. Lettera del dottor Samà volontario a Nchiru

martedì 18 settembre 2012
di Santina Muzi
Dall'Ospedale di Acquapendente ad un villaggio del Kenya. Lettera del dottor Samà volontario a Nchiru

Chi mi conosce sa del mio impegno nel progetto "Istruzione è vita" promosso dall'Associazione Ikhiwa a sostegno dell'istruzione scolastica dei bambini poveri dell'area di S. Mary, nello Zimbabwe. Questo però non mi impedisce di occuparmi anche di altri progetti come, ad esempio, quello portato avanti con passione e convincimento dal dottor Nicola Samà che, andando prematuramente in pensione, ha lasciato l'ospedale di Acquapendente per fare volontariato in un villaggio del Kenya.

"Se fossi rimasto ad Acquapendente avrei fatto lo scrittore a tempo perso -  dice il medico. E probabilmente, seppure gratificante, lo scrivere non può colmare il vuoto lasciato dal desiderio irrealizzato di darsi da fare e di rendersi utile. Così, abbandonati gli affetti, il lavoro sicuro e una vita contornata dai confort moderni, Nicola Samà se n'è andato in un villaggio dell'Africa dove manca perfino la corrente elettrica.

Ora, da quel mondo così diverso, invia con una lettera notizie sui progressi del progetto e chiede aiuto, per i "suoi" bambini e per la gente che in quel mondo vive.

Consultando il sito www.aina-onlus.it è possibile reperire foto e notizie aggiornate nonché la lettera in versione integrale che il dottore ha inviato in primis all'Ordine dei medici di Vibo Valentia, e attualmente a noi, per la divulgazione.

Di seguito, parti della lettera:

"Cari Amici" scrive il dottor Samà "sono un medico ospedaliero internista, in pensione da un anno, in precedenza dipendente dell'ospedale di Acquapendente. Mi trovo in Kenya per un'attività di volontariato nel villaggio "I bimbi del Meriggio", creato dall'Associazione romana "A.I.N.A. Onlus" per accogliere bambini sieropositivi, attualmente 89, per la maggior parte orfani.

Il 30 Giugno scorso è stato inaugurato l'Ambulatorio - Laboratorio e si sta provvedendo alle attrezzature necessarie. Abbiamo attualmente due infermiere, in autunno dovremmo avere anche un tecnico di laboratorio. E' prevista in futuro l'apertura anche agli esterni. All'interno c'è uno studio dentistico completo, donato dal marito di una dentista di Roma, deceduta mesi fa in giovane età (studio di Mena).
I bambini, che vanno da un'età di pochi mesi fino a 16 anni, sono accuditi da alcune donne del luogo (le house-mothers) e sono seguiti e curati regolarmente per il virus HIV da un'equipe di medici di un ospedale vicino, Chogoria. La mia attività qui servirà a curare le patologie intercorrenti (malaria, polmoniti, gastroenteriti, ecc...), evitando, così, il ricorso a viaggi continui verso strutture sanitarie esterne e distanti. Inoltre, cercherò di dare nozioni generali di igiene, atte a prevenire tali malattie.

I ragazzi in età scolare frequentano attualmente una scuola esterna distante circa 2 km, ma è in costruzione la nostra, adiacente al villaggio, che sarà aperta anche agli esterni (Primary School, otto classi). I lavori, affidati a un bravo costruttore, sono iniziati in Agosto e dovrebbero essere terminati verso Gennaio. In seguito, è prevista la costruzione di un locale per i docenti, la direzione e le attività collaterali per i ragazzi (musica, arte, computer).

Lo stesso dovrebbe provvedere alla costruzione di un pozzo per l'acqua potabile, di cui usufruirà anche la popolazione dei dintorni.

C'è anche, all'interno del villaggio, un'attività agricola e zootecnica.

In Agosto è venuta una coppia di registi (lui italiano di Roma, lei slava - vivono a Vienna), cui è stato affidato l'incarico di fare un documentario, in inglese e in italiano, sull'attività del villaggio, allo scopo di diffondere, in Occidente e in Africa, un messaggio educativo sull'AIDS e sulla condizione di sieropositivo, affinché i soggetti affetti non siano discriminati nella società. Hanno girato per dieci giorni su tutti i particolari della vita e delle attività dei bimbi. Forse torneranno per continuare o integrare il filmato."

A questo punto Nicola Samà passa a parlare di cifre:
* "La vita del villaggio costa circa €120.000,00 l'anno (c'è uno sponsor importante in USA e ce ne sono altri in Italia).
* Per la scuola si prevedono, solo per le 8 aule, €120.000,00 (ci sono finora 2 sponsor per circa €40.000,00).
* Per il pozzo circa €30.000,00 (ci sarebbe già uno sponsor).
* Per l'Ambulatorio, se ci sarà incremento dell'attività, circa €10.000,00 (in parte già sponsorizzato).
* Per il documentario circa €30.000,00, durata un'ora."

L'A.I.N.A. è una onlus riconosciuta e come tale può usufruire di alcuni privilegi, come espone chiaramente il medico:

"Ricordo che l'importo di ogni donazione può essere detratto fiscalmente nell'annuale dichiarazione dei redditi." Il dettaglio, molto importante, può tranquillizzare tutti coloro "che hanno in animo di aiutare gli altri ma non sanno o non si fidano degli innumerevoli inviti che giungono dalle varie Associazioni onlus tramite la TV e la stampa".

Precisazioni anche per coloro che intendono sponsorizzare in maniera consistente il documentario: avranno la possibilità di esporre "il proprio logo nel filmato, o avere una targa esposta, per es., davanti a un'aula della scuola... La possibilità di contribuzione può essere fatta anche con una adozione a distanza di un bimbo (in maggioranza sono femmine)".

In calce, vari indirizzi e-mail per eventuali contatti: Presidente A.I.N.A., Vittoria Quondamatteo (vicky.q@tiscali.it); i registi Olga e Diego Fiori (kukokom@gmail.com e dffiori@libero.it); la coordinatrice del progetto documentario "Terra rossa" Daniela Lorenzetti (daniela.lorenzetti@uniroma1.it)".
Sito internet: www.aina-onlus.it. (info@aina-onlus.it)
La lettera chiude con data, firma e indirizzo di posta elettronica:
"Grato della Vostra attenzione, in attesa di un Vostro cortese riscontro, invio distinti saluti.
Kenya, Nchiru li 08/09/2012
Nicola Antonio Samà

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia