sociale

Il liceo Majorana nel sistema europeo

domenica 15 novembre 2009
Il liceo Majorana nel sistema europeo

In un momento di trasformazione come quello che sta attraversando la scuola italiana ed in particolare la scuola secondaria di II grado è più che mai importante riflettere su come costruire, per i nostri studenti, un futuro di cittadini europei competenti. Il liceo Majorana ha avuto la possibilità di discuterne nei giorni scorsi alla conferenza generale della rete ELOS, a Heerlen nei pressi di Maastricht (Olanda).
ELOS, acronimo di "Europe as a learning environment of schools" (Europa come ambiente di apprendimento delle scuole), è una rete composta da più di 200 tra scuole, università e agenzie nazionali per l'istruzione appartenenti a più di 15 paesi europei, che è stata fondata nel 2005 grazie al finanziamento di un progetto comunitario Comenius 3. Il liceo Majorana ne è membro sin dalla sua fondazione ed è anche e soprattutto oggi impegnato nella costruzione di un sistema utile alla diffusione di una concezione europea dell'istruzione e della formazione civica degli studenti delle scuole superiori italiane.
E' un tema molto caro al nostro liceo: il team della scuola che si occupa di Europa e cittadinanza vi lavora ormai da oltre dieci anni, soprattutto da quando, nel 2001, il Dirigente Scolastico, prof. F.R. Barbabella, assunse l'incarico di vicepresidente dell'associazione NEOS (Network of Europe Oriented Schools), altra rete europea di scuole secondarie superiori, nata con il compito di definire gli standard di qualità per le scuole che assumono come riferimento la dimensione europea. In tutti questi anni i docenti del Liceo hanno lavorato appunto con lo sguardo rivolto all'Europa, in particolare alla Raccomandazione della Commissione europea e del Parlamento in tema di competenze chiave, che sono diventate la base dei curricoli dell'istituto.
L'evoluzione di tanto lavoro non poteva che essere l'adesione ad ELOS, che, come si è discusso a Heerlen, ha l'ambizioso obiettivo di diventare un'associazione stabile con il compito di fornire alle scuole dell'UE gli strumenti per formare cittadini europei competenti. Alla conferenza hanno partecipato docenti ed esperti provenienti da Olanda, Germania, Italia, Lituania, Estonia, Gran Bretagna, Svezia, Turchia, Norvegia, Repubblica Ceca, Portogallo, Irlanda del Nord, Francia. Tutti insieme si è lavorato alla definizione di standard di qualità per le scuole, i docenti e gli studenti. Lo scopo é di arrivare in un futuro molto prossimo alla certificazione da parte della stessa ELOS di tutte quelle scuole che risponderanno alle caratteristiche stabilite; non solo, sarà anche possibile certificare gli studenti ed i docenti appartenenti a tali scuole secondo una valutazione in 3 livelli: principiante, intermedio, esperto. Naturalmente l'assemblea ha cominciato a porre le basi per l'organizzazione della struttura sociale di ELOS, che dovrà essere definita entro giugno 2010, data della prossima conferenza generale. Non è escluso che tale conferenza si possa tenere ad Orvieto appunto presso il Liceo Majorana.

Prof.ssa Lorella Monichini, docente di matematica presso il liceo Majorana e responsabile del progetto ELOS

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità